Oggi è martedì 24 novembre 2020, 19:16

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora [ ora legale ]




Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 10 messaggi ] 
Autore Messaggio
 Oggetto del messaggio: Gr 736 FS per parlarne insieme
MessaggioInviato: sabato 7 gennaio 2017, 19:21 
Non connesso

Iscritto il: martedì 27 giugno 2006, 17:48
Messaggi: 1571
Località: Granducato di Toscana
L' uscita del modello Roco mi ha spinto a raccogliere foto e notizie di questa per me interessantissima macchina .

Mi sono subito scontrato con due " filosofie " , la documentazione di lingua italiana parla di 248 locomotive come nei libri di Cornolò , di Damen Paglieri Pirani , altri e varie riviste , questo numero è riportato anche dal prospetto n° 1013.0 "Situazione Generale delle Locomotive " in servizio al 12 gennaio 1956 e mi conforta , tra l' altro a quella data sono ancora tutte esistenti in inventario .

La documentazione di lingua inglese parla invece di 243 locomotive : libri vari di Kalla Bishop ed anche R. Tourret nel suo "United States Army Transportation Corps Locomotives " nel quale ci descrive la rispondenza tra numero TC e numerazione FS e ci indica la locomotiva TC 1869 non consegnata alle FS perché gravemente danneggiata e le TC 4421 (736 210) TC 4437 (736 211) TC 5825 (736 238) TC 5829 (736 239) TC 5834 (736 240) TC 5835 (736 241) TC5844 (736 242) TC 5845 (736 243) come le uniche alimentate a carbone .
Bisogna ora ricordare l' affondamento nei pressi delle nostre coste della nave Fanning che ne trasportava sei , secondo il Cornolò tutte a carbone , queste locomotive furono recuperate nel 1948 , quindi dopo più di un anno dalla consegna ufficiale delle 243 locomotive arrivate indenni sul nostro suolo , cinque furono rimesse in servizio dalle Officine di Rimini , la sesta fu cannibalizzata .
A questo punto i conti potrebbero tornare : dovevano arrivare 250 locomotive , ne sbarcano 244 meno 1 distrutta = 243 più 6 ripescate , meno 1 cannibalizzata = 248 .

Ora i miei dubbi :
Di queste ultime sei macchine non mi è dato conoscere la numerazione TC .
Se erano a carbone il totale di queste non sarebbe otto ( quelle scritte sopra ) ma 8+5 = 13 invece si continua a parlare di solo 8 736 a carbone sulla documentazione italiana ( non ufficiale però ) .
Perché sui libri inglesi anche relativamente recenti si insiste con 243 locomotive 736 , mentre sono esatte le quantità delle altre locomotive del parco FS .

Qualcuno con più documentazione di me o informato sui fatti può intervenire ??

saluti Giancarlo


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Gr 736 FS per parlarne insieme
MessaggioInviato: sabato 7 gennaio 2017, 19:44 
Non connesso

Iscritto il: sabato 4 luglio 2009, 22:25
Messaggi: 3728
Località: Brescia
Italy (class 736): 244 examples, plus four salvaged from a sunken ship, all but eight converted to oil firing, withdrawn in early 1960s (25 sold to Greece in 1959);


http://www.locomotives.com.pl/Freight%2 ... /Tr201.htm


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Gr 736 FS per parlarne insieme
MessaggioInviato: domenica 15 gennaio 2017, 15:22 
Non connesso

Iscritto il: giovedì 24 aprile 2014, 12:25
Messaggi: 526
Dalle mie tabelle,e calcoli fatti, le locomotive locomotive 736,giunte in Italia sarebbero 243 in totale. Costruite dalla Alco American,(targa rettangolare )Lima,(targa a rombo)e Baldwin (targa rotonda)..le targhe erano situate nella parte anteriore della caldaia.Solo otto locomotive,arrivate in Italia,con alimentazione a carbone(esemplare preso in considerazione dalla Roco)la maggior parte con alimentazione a nafta,altre con alimentazione mista,nafta/carbone.L'esemplare riprodotto dalla Roco è la 736 211 ex USTC 4437 costruita dalla Alco American numero di costruzione 73429 nel 1945


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Gr 736 FS per parlarne insieme
MessaggioInviato: lunedì 16 gennaio 2017, 21:01 
Non connesso

Iscritto il: martedì 27 giugno 2006, 17:48
Messaggi: 1571
Località: Granducato di Toscana
Esatto Rubino , 243 sono le locomotive ufficialmente consegnate dalle forze USA alle FS e fisicamente presenti sul territorio italiano nel 1946 e di queste locomotive conosco la corrispondenza tra numero TC e progressivo FS e conoscendo il numero TC si risale ai costruttori .
A questo numero dobbiamo aggiungere le locomotive ripescate dalla nave , affondata prima di poterle scaricare , Fanning , sei locomotive di cui solo cinque rimesse in servizio , questo accade nel 1948 , penso che il Corpo dei Trasporti USA le ritenesse "perse" , il fatto che successivamente le abbiamo recuperate riguarda solo le FS , a questo punto 243 più 5 ecco le 248 locomotive riportate da tutti i testi italiani .
Di queste macchine non conosco la numerazione TC .

Giancarlo


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Gr 736 FS per parlarne insieme
MessaggioInviato: venerdì 20 gennaio 2017, 8:49 
Non connesso

Iscritto il: mercoledì 9 agosto 2006, 18:08
Messaggi: 807
Ma di questa fantomatica nave di nome FANNING nessuno sa niente? Dove avvenne l'affondamento? In che data? Che nave era: una Liberty? Uno dei tanti piroscafi che finirono in fondo al mare durante il conflitto? Di che bandiera era? Sono tutte domande per le quali finora non ho trovato alcuna risposta pur avendo fatto numerose ricerche.


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Gr 736 FS per parlarne insieme
MessaggioInviato: venerdì 20 gennaio 2017, 21:33 
Non connesso

Iscritto il: lunedì 5 giugno 2006, 19:20
Messaggi: 958
Località: Città di Castello
Mallet, se non ricordo male, fu davanti alle coste liguri.

Il recupero fece notizia all'epoca; vuoi per le difficoltà ed i rischi affrontati, vuoi per l'uso di mezzi innovativi per i tempi, ma in modo particolare per il rilievo che le cronache diedero all'ardimento dei palombari (molti ex della R. Marina).

Sono abbastanza sicuro che le navi che operarono il recupero fossero la Artiglio e/o la Raffio, credo che digitando questi nomi tui possa trovare qualche notizia su ciò che cerchi.

Quanto all'insieme postbellico dei recuperi/demolizioni di relitti navali, ci sono storie che superano la fantasia e sfiorano la leggenda. Basti il caso del caccia Tarigo che affondando alle secche di Kerkennah riuscì a colpire un caccia inglese spaccandolo in due con i siluri: i nostri palombari setacciarono il relitto inglese per settimane alla ricerca dei cifrari che sicuramente l'equipaggio non aveva avuto il tempo di distruggere, ma senza frutto. Uno dei palombari dopo la guerra lavorò presso una ditta di recuperi e fu mandato a rimuovere quello stesso relitto... rinvenendo proprio il cifrario che allora aveva disperatamente cercato!

Saluti OT,

Andrea Chiapponi


Ultima modifica di Andrea Chiapponi il sabato 21 gennaio 2017, 17:57, modificato 1 volta in totale.

Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Gr 736 FS per parlarne insieme
MessaggioInviato: sabato 21 gennaio 2017, 8:54 
Non connesso

Iscritto il: mercoledì 9 agosto 2006, 18:08
Messaggi: 807
Grazie per la risposta. Nel frattempo avevo interessato un amico grande esperto di navi il quale mi ha risolto il problema. La nave si chiamava EDMUND FANNING e non solo Fanning come erroneamente riportato da Cornolò. Era una Liberty tipo EC2-S-C1 costruita nel 1943 dalla California Shipbuilding Corp. (n.d.c. 135). Nel 1947 era stata noleggiata alla Isbrandtsen Lines e, durante un viaggio dalla Germania alla Corea con prodotti chimici e 10 locomotive e 10 tender, in data 13 marzo 1947 si incendiò a Genova e venne considerata perdita totale. Nel 1948 venne demolita a Genova. Le 10 locomotive e 10 tender erano state imbarcate a Brema (Bremen) e venivano trasportate in Corea. Da quanto scritto appare che queste macchine non erano originariamente previste per le FS ma le FS approfittarono di questa disponibilità per acquistarle a un prezzo stracciato. Qualcosa in merito dovrebbe risultare sulle relazioni annuali delle FS dell'epoca. Aggiungo che ci fu una causa tra il Governo degli Stati Uniti e la Isbrandtsen Lines per la rifusione del danno subito con la perdita di queste locomotive.


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Gr 736 FS per parlarne insieme
MessaggioInviato: sabato 21 gennaio 2017, 11:09 
Non connesso

Iscritto il: domenica 26 luglio 2009, 15:05
Messaggi: 373
Località: emilia romagna
Bellissimo questo topic, è un piacere vedere quando le persone si unisco per scoprire un piacere che ci accomuna, continuate così! Siete la mia "ambrosia" del sapere!!!
Saluti Paolo P.


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Gr 736 FS per parlarne insieme
MessaggioInviato: sabato 21 gennaio 2017, 11:19 
Non connesso

Iscritto il: giovedì 24 gennaio 2008, 12:17
Messaggi: 943
Concordo. Interessantissimo. Grazie a tutti.
Renato


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Gr 736 FS per parlarne insieme
MessaggioInviato: sabato 21 gennaio 2017, 20:24 
Non connesso

Iscritto il: martedì 27 giugno 2006, 17:48
Messaggi: 1571
Località: Granducato di Toscana
Mi fa piacere che la discussione sia apprezzata , e mi fa ancor più piacere esser venuto a conoscenza degli eventi che portarono ad aggiungere le ultime locomotive alla consistenza totale di 248 .
Da un paio di sere mi ero messo a cercare notizie sulla nave ma senza risultati , vuoi per la mia non capacità , vuoi per il nome incompleto della nave , oggi digitato il nome completo è schizzato fuori l' elenco alfabetico di tutte le Liberty costruite ...
Un grazie a tutti i partecipanti .
Sono graditi altri contributi , mi piacerebbe conoscere i numeri TC delle loco recuperate ...

Giancarlo


Top
 Profilo  
 
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 10 messaggi ] 

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora [ ora legale ]


Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 13 ospiti


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi inviare allegati

Cerca per:
Vai a:  

Duegi Editrice - Viale Francia, 7, 35020 Ponte S. Nicolò (PD). Italy - Tel. 049.711.363 - Fax 049.862.60.77 - duegi@duegieditrice.it - shop@duegieditrice.it
Direttori di testata: Gianfranco Berto - Franco Tanel. Registro Operatori della Comunicazione n° 1199. Partita iva IT 01116210293 Tutti i diritti riservati Duegi Editrice