Oggi è martedì 25 giugno 2019, 8:30

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora [ ora legale ]




Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 19 messaggi ]  Vai alla pagina 1, 2  Prossimo
Autore Messaggio
 Oggetto del messaggio: Far circolare i rotabili con pantografi alzati senza danni
MessaggioInviato: martedì 8 gennaio 2019, 16:28 
Non connesso

Iscritto il: giovedì 12 gennaio 2006, 13:12
Messaggi: 203
Località: Pagnacco UD
Avere un bel plastico con linea aerea posata a regola d'arte e poi far circolare i rotabili con pantografi abbassati non è il massimo.
Alcuni preferiscono bloccarli con una goccia di ciano acrilico, altri legando i pantografi con pezzetti di filo.

Ho trovato su internet questo accessorio realizzato con stampa 3D che potrebbe risolvere il problema per i pantografi monobraccio:
https://www.stillertec.com/Pantofixer/

Facile da installare, reversibile.


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Far circolare i rotabili con pantografi alzati senza dan
MessaggioInviato: martedì 8 gennaio 2019, 22:30 
Non connesso

Iscritto il: martedì 1 settembre 2015, 22:14
Messaggi: 17
https://www.youtube.com/watch?v=SzOQTsP ... r_embedded
Un pantografo bloccato è poco realistico. I pantografi devono strisciare la linea aerea, non essere "ingessati" e la linea aerea deve sollevarsi lievemente sotto l'azione del pantografo. Ho sempre fatto circolare le "elettriche " con i pantografi in presa (vedi filmato). Fino a tre anni fa il mio plastico era in analogico, e, tutti i miei rotabili con pantografo erano alimentati dalla linea aerea. Dopo sono passato al digitale ma le mie "pantografate" continuano a circolare con i pantografi in costante contatto con la linea aerea.


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Far circolare i rotabili con pantografi alzati senza dan
MessaggioInviato: mercoledì 9 gennaio 2019, 9:55 
Non connesso

Iscritto il: lunedì 5 febbraio 2007, 21:41
Messaggi: 6299
classe47 ha scritto:
https://www.youtube.com/watch?v=SzOQTsP73FQ&feature=player_embedded

Complimenti, ottimo realismo. Credo che i pantografi in presa, insieme ganci corti ed a curve di raggio realistico ed in sopraelevazione siano tra gli accorgimenti indispensabili.


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Far circolare i rotabili con pantografi alzati senza dan
MessaggioInviato: mercoledì 9 gennaio 2019, 14:48 
Non connesso

Iscritto il: lunedì 16 gennaio 2006, 19:47
Messaggi: 233
Campate non troppo lunghe, linea aerea ben tesata e saldature (nel caso di utilizzo di questo sitema) "liscie" tra i vari spezzoni di linea aerea.


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Far circolare i rotabili con pantografi alzati senza dan
MessaggioInviato: mercoledì 9 gennaio 2019, 15:28 
Non connesso

Iscritto il: domenica 26 ottobre 2008, 8:36
Messaggi: 301
Anche io sono perfettamente d'accordo che i pantografi devono toccare la linea aerea; poi, sul mio plastico, essendo in analogico, i locomotori prendono regolarmente la corrente dalla L.A. come nella realtà.
Piero


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Far circolare i rotabili con pantografi alzati senza dan
MessaggioInviato: mercoledì 9 gennaio 2019, 21:12 
Non connesso

Iscritto il: venerdì 13 gennaio 2006, 17:29
Messaggi: 1671
Località: Torino
Mah lungi dall'essere perfetto ma sempre in continuo miglioramento:
https://www.youtube.com/watch?v=MquXsQJqm_w&t=20s


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Far circolare i rotabili con pantografi alzati senza dan
MessaggioInviato: giovedì 10 gennaio 2019, 8:01 
Non connesso

Iscritto il: martedì 26 ottobre 2010, 7:34
Messaggi: 1757
Località: la città delle tre T...
Ottimo, proprio come le verifiche fatte nel reale con telecamera che inquadra l'interazione pantografo-linea aerea :D


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Far circolare i rotabili con pantografi alzati senza dan
MessaggioInviato: giovedì 10 gennaio 2019, 9:39 
Non connesso

Iscritto il: giovedì 12 gennaio 2006, 13:12
Messaggi: 203
Località: Pagnacco UD
classe47 ha scritto:
https://www.youtube.com/watch?v=SzOQTsP73FQ&feature=player_embedded
Un pantografo bloccato è poco realistico. I pantografi devono strisciare la linea aerea, non essere "ingessati" e la linea aerea deve sollevarsi lievemente sotto l'azione del pantografo. Ho sempre fatto circolare le "elettriche " con i pantografi in presa (vedi filmato). Fino a tre anni fa il mio plastico era in analogico, e, tutti i miei rotabili con pantografo erano alimentati dalla linea aerea. Dopo sono passato al digitale ma le mie "pantografate" continuano a circolare con i pantografi in costante contatto con la linea aerea.


Sono d'accordo con quanto dici ma considera che ci sono moltissimi modellisti che per vari motivi non hanno la possibilità di farlo.
Senza contare poi che, per realizzare una linea aerea realistica, con funi di diametro corretto, il lavoro di posa aumenta e la delicatezza pure.
La soluzione trovata può essere utile a qualcuno. Ricordo, ad esempio, per rimanere in casa Duegi, il plastico dell'Amico Giorgio Botti, con catenaria realistica realizzata con filo elastico, in cui, per far circolare i rotabili, era d'obbligo bloccare i pantografi per non rischiare danni alla stessa.

L'ambizione è di arrivare ad un realismo elevato, con gli striscianti che toccano realisticamente il filo di contatto, pantografi e funi in scala, tutto perfettamente tesato e funzionante.


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Far circolare i rotabili con pantografi alzati senza dan
MessaggioInviato: giovedì 10 gennaio 2019, 16:07 
Non connesso

Iscritto il: mercoledì 28 agosto 2013, 14:28
Messaggi: 569
Località: Bologna
Ho una catenaria tesata in filo da 0,4 e un percorso di 50 metri con tratte in galleria a pantografo complemetamente alzato o abbassato secondo le necessità attraverso i classici scivoli. Scostamento dall'asse mediano non superiore a 4 mm per mantenere un po' di realismo ed utilizzare striscianti " stretti " .
Posso quindi girare a pantografo alzato ma... ma dipende dal pantografo! Molti pantografi raffinati soffrono l'attrito anche modesto e si deformano nei montanti , o si flettono in modo antiestetico e pericoloso; altri troppo larghi sbattono contro gli ingressi dei portali in scala delle gallerie.
Ho optato per una invisibile bava da pesca che tiene i pantografi a mezzasta e se proprio non ti ci metti di impegno non te ne accorgi ... ma almeno ho pantografi dimensionalmente realistici e una filo di contatto sottile e non alto quanto il fungo della rotaia .....
Sempre compromessi sono, a ciascuno di noi quello che più gli aggrada ...
Saluti,
Andrea


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Far circolare i rotabili con pantografi alzati senza dan
MessaggioInviato: giovedì 10 gennaio 2019, 23:23 
Non connesso

Iscritto il: domenica 15 luglio 2007, 9:46
Messaggi: 5526
Località: Trieste
Il mio plastichino tranviario (in N) ha la linea di contatto funzionante (è misto, analogico per trazione e digitale per il resto), filo in sospensione semplice da 0,35 mm tesato da molle, i pantografi sono Sommerfeldt, li ho montati sui due tram giapponesi, va ancora molto bene.


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Far circolare i rotabili con pantografi alzati senza dan
MessaggioInviato: venerdì 11 gennaio 2019, 7:38 
Non connesso

Iscritto il: martedì 26 ottobre 2010, 7:34
Messaggi: 1757
Località: la città delle tre T...
Il problema è proprio quello sollevato da Andrea: i pantografi moderni, almeno i più raffinati e belli esteticamente, sono anche più fragili dei vecchi -per dirne uno- Sommerfeldt, che penalizzavano il realismo in nome di una robustezza esemplare, teutonica!


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Far circolare i rotabili con pantografi alzati senza dan
MessaggioInviato: venerdì 11 gennaio 2019, 11:21 
Non connesso

Iscritto il: martedì 7 aprile 2015, 17:35
Messaggi: 1954
Località: Roma
...ma invece di ricorrere a colle o a quasi invisibili fili da pesca, nessuno ha parlato (per bloccare a una certa altezza i pantografi di tipo italiano: cioè 32, 42, 52) dei tondini di plastica colorati di rosso e tagliati nella giusta misura, da inserire nelle molle che stanno alla base dei pantografi stessi.

Se ne è discusso un po' di tempo di fa sul Forum. A me -per questi tipi di pantografo almeno - sembra la soluzione ideale.

Io sto cercando un espediente, invece, per bloccare i pantografi dei trifase, soprattutto dei 431. Qualcosa di ottimale mi verrà in mente :wink:

E devo limitare anche l'escursione dei faiveley montati sui traxx, i vectron e i taurus che ho.


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Far circolare i rotabili con pantografi alzati senza dan
MessaggioInviato: venerdì 11 gennaio 2019, 16:26 
Non connesso

Iscritto il: domenica 4 ottobre 2015, 20:58
Messaggi: 43
pierpaolo ha scritto:
...ma invece di ricorrere a colle o a quasi invisibili fili da pesca, nessuno ha parlato (per bloccare a una certa altezza i pantografi di tipo italiano: cioè 32, 42, 52) dei tondini di plastica colorati di rosso e tagliati nella giusta misura, da inserire nelle molle che stanno alla base dei pantografi stessi.

Se ne è discusso un po' di tempo di fa sul Forum. A me -per questi tipi di pantografo almeno - sembra la soluzione ideale.

Questa cosa mi interessa, esiste una foto per capire meglio la soluzione?


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Far circolare i rotabili con pantografi alzati senza dan
MessaggioInviato: sabato 12 gennaio 2019, 12:26 
Non connesso

Iscritto il: mercoledì 28 agosto 2013, 14:28
Messaggi: 569
Località: Bologna
Tondini nelle molle ???
Provato varie volte con risultati deludenti nella maggior parte dei casi :
Il tondino supera i dentini che tengono ferma la molla e scappa via .
Più il pantografo è modellistico e meno si presta a manipolazioni con successo.. sigh..
Nel mio modellismo poi cerco di standardizzare le procedure in modo da avere risultati facilmente ripetibili quindi alla fine “ ob torto collo “ ho optato per la banale bava da pesca
trasparente e più sottile di un capello ....
ps io sono calvo :lol: :lol: :lol:


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Far circolare i rotabili con pantografi alzati senza dan
MessaggioInviato: sabato 12 gennaio 2019, 14:31 
Non connesso

Iscritto il: venerdì 13 gennaio 2006, 17:29
Messaggi: 1671
Località: Torino
ROBINTRENO ha scritto:
Il problema è proprio quello sollevato da Andrea: i pantografi moderni, almeno i più raffinati e belli esteticamente, sono anche più fragili dei vecchi -per dirne uno- Sommerfeldt, che penalizzavano il realismo in nome di una robustezza esemplare, teutonica!

Mah da prove fatte come potete vedere sopra nel video non è proprio cosi. Il tigre del video era un Acme nuovo di pacca (mio)


Top
 Profilo  
 
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 19 messaggi ]  Vai alla pagina 1, 2  Prossimo

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora [ ora legale ]


Chi c’è in linea

Visitano il forum: Google [Bot] e 17 ospiti


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi inviare allegati

Cerca per:
Vai a:  

Duegi Editrice - Viale Francia, 7, 35020 Ponte S. Nicolò (PD). Italy - Tel. 049.711.363 - Fax 049.862.60.77 - duegi@duegieditrice.it - shop@duegieditrice.it
Direttori di testata: Gianfranco Berto - Franco Tanel. Registro Operatori della Comunicazione n° 1199. Partita iva IT 01116210293 Tutti i diritti riservati Duegi Editrice