Oggi è lunedì 10 agosto 2020, 0:19

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora [ ora legale ]




Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 3724 messaggi ]  Vai alla pagina Precedente  1 ... 244, 245, 246, 247, 248, 249  Prossimo
Autore Messaggio
 Oggetto del messaggio: Re: Ferrovie Svizzere (CH)
MessaggioInviato: mercoledì 20 maggio 2020, 20:22 
Non connesso

Iscritto il: mercoledì 23 novembre 2016, 16:33
Messaggi: 87
La Fulgurex in questione ha il numero di serie 007. Il libricino indica di quale serie è? (presumo prima serie dato il numero basso...).


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Ferrovie Svizzere (CH)
MessaggioInviato: mercoledì 20 maggio 2020, 23:19 
Non connesso

Iscritto il: lunedì 16 gennaio 2006, 10:05
Messaggi: 1595
Località: Roma
Purtroppo le informazioni del libro finiscono qui. Domani dopo pranzo dovrei avere il tempo di recuperare la mia, controllo il numero di serie e provo a fare un paio di foto per permetterti un confronto.
Controllando intanto foto del modello in rete, la differenza è nel ricasco del tetto su un lato, che su alcuni modelli arriva fino a quello che mi pare essere un coprigiunto, come sul modello di cui hai postato la foto; su altri si arresta su una linea superiore ed intermedia - vedi https://www.ricardo.ch/it/a/fulgurex-ae ... 080029682/
A memoria il mio modello è identico al tuo... il prototipo mi pare invece che sia rappresentato proprio dall'altra versione, quella con il verde che sale più in alto.


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Ferrovie Svizzere (CH)
MessaggioInviato: giovedì 21 maggio 2020, 11:18 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: sabato 11 ottobre 2008, 8:35
Messaggi: 912
Località: Milano/Bari
2+2=5 ha scritto:
La Fulgurex in questione ha il numero di serie 007. Il libricino indica di quale serie è? (presumo prima serie dato il numero basso...).

007 è il numero dell'esemplare (007 di 650 prodotti)...
la 11801 è datata 1978, ne sono state fabbricate anche nell'82 e '83 da Tenshodo con numerazione 11852 (Landilok)...


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Ferrovie Svizzere (CH)
MessaggioInviato: giovedì 21 maggio 2020, 11:52 
Non connesso

Iscritto il: domenica 9 giugno 2013, 20:20
Messaggi: 509
Località: pordenone
Alla faccia di chi pensava di comprare prodotti swiss made...già quella volta erano prodotti in oriente...con prezzi da oreficeria Svizzera...almeno hag produceva in proprio...


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Ferrovie Svizzere (CH)
MessaggioInviato: giovedì 21 maggio 2020, 12:24 
Non connesso

Iscritto il: mercoledì 23 novembre 2016, 16:33
Messaggi: 87
Riccardo Giangualano ha scritto:
Controllando intanto foto del modello in rete, la differenza è nel ricasco del tetto su un lato, che su alcuni modelli arriva fino a quello che mi pare essere un coprigiunto, come sul modello di cui hai postato la foto; su altri si arresta su una linea superiore ed intermedia
Grazie, ho capito cosa intendi (cerchio blu nella foto, originale preso da qui). Quella mi sa che è una questione controversa. Nelle foto d'epoca in bianco e nero non si riesce a capire se fosse verde o grigio (che, sporco, sembra verde). Addirittura oggi sulla locomotiva storica non è sempre ben definito in tutte le foto che si trovano. Sembra quasi sfumato, probabilmente a causa dello sporco.

Immagine

Anche la parte cerchiata in rosso è controversa se era grigia o verde. Anche per la Ae 6/6 11851 c'è lo stesso dubbio. La Roco l'ha fatto verde, mentre la Lemaco l'ha fatto color tetto... Anche in questo caso le immagini storiche non sono chiarissime.


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Ferrovie Svizzere (CH)
MessaggioInviato: giovedì 21 maggio 2020, 12:29 
Non connesso

Iscritto il: mercoledì 23 novembre 2016, 16:33
Messaggi: 87
Ah, c'è ancora una cosa che mi piace un po' di meno della Fulgurex rispetto alla Metropolitan: i vetri opachi... però mi sa che era una caratteristiche di tutti i modelli Fulgurex di quell'epoca


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Ferrovie Svizzere (CH)
MessaggioInviato: giovedì 21 maggio 2020, 13:16 
Non connesso

Iscritto il: lunedì 16 gennaio 2006, 10:05
Messaggi: 1595
Località: Roma
Si credo i vetri opachi sui modelli più anziani fossero lo standard per celare la meccanica interna; i modelli, pur dettagliati, avevano aspetti spartani rispetto le abitudini odierne. Poi ogni costruttore aveva le sue caratteristiche e la sua evoluzione negli anni.
La mia Ae8/14 ha il numero 113 (è datata 1977, probabilmente l'anno di costruzione mentre il 1978 è stato quello di commercializzazione) ed ha il ricasco tutto in argento come la tua 007.
Parlando di evoluzione, il coccodrillo Fulgurex, prodotto dalla stessa Toby della Ae8/14 ma nel 1984, è già di raffinatezza eveidentemente superiore, a mio parere.
La stragrande maggioranza dei modelli in ottone svizzeri in scala H0 è stata prodotta in Giappone prima ed in Corea poi (dopo la metà degli anni '80, con le dovute eccezioni, e sempre per la questione dei costi). L'artigianato giapponese si narra venne scoperto dai militari americani ivi di stanza negli anni seguenti la seconda guerra mondiale. Qualcuno, osservando l'abilità dei nipponici nei lavori manuali "minuziosi", ebbe l'idea di farsi realizzare dei modelli in ottone di loco americane, e da li pian piano nacque il business, sia per gli importatori USA, che per le nostre tre Case svizzere.


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Ferrovie Svizzere (CH)
MessaggioInviato: sabato 23 maggio 2020, 23:04 
Non connesso

Iscritto il: mercoledì 23 novembre 2016, 16:33
Messaggi: 87
Molto interessante, grazie!

Nel frattempo ho trovato la medesima Ae 8/14 ma della Lemaco sul sito di aste svizzero Ricardo (link). Costa decisamente una fucilata e, oltretutto, nella 6a foto mi sembra che abbia anche una sbavatura della verniciatura. Direi che alla fine mi tengo la Fulgurex.


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Ferrovie Svizzere (CH)
MessaggioInviato: venerdì 5 giugno 2020, 17:12 
Non connesso

Iscritto il: mercoledì 28 agosto 2013, 14:28
Messaggi: 674
Località: Bologna
A proposito di Ae 8/14 ho ritirato oggi il semiaereodinamico Roco.
Sorpresa :evil:
I due loco locomotori non hanno vincoli elettrici reciproci quindi se uno si ferma alla sezione di blocco l'altro continua a spingere....
Ma chi è stato il geniale progettista ???

Nel vecchio modello aereodinamico c'era un bel gancetto dotato di ottimi contatti che accoppiavano elettricamente i locomotori..

Qui dovrò subito far la modifica, da poco certo, ma cara Roco sei rimasta solo Cara....


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Ferrovie Svizzere (CH)
MessaggioInviato: venerdì 5 giugno 2020, 17:35 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: sabato 11 ottobre 2008, 8:35
Messaggi: 912
Località: Milano/Bari
ANDREA CAVALLI ha scritto:
A proposito di Ae 8/14 ho ritirato oggi il semiaereodinamico Roco.
Sorpresa :evil:
I due loco locomotori non hanno vincoli elettrici reciproci quindi se uno si ferma alla sezione di blocco l'altro continua a spingere....
Ma chi è stato il geniale progettista ???

Nel vecchio modello aereodinamico c'era un bel gancetto dotato di ottimi contatti che accoppiavano elettricamente i locomotori..

Qui dovrò subito far la modifica, da poco certo, ma cara Roco sei rimasta solo Cara....

e chiedono 490€...roba da matti!!
ma in digitale devi usare 2 decoder? e le luci come funzionano?


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Ferrovie Svizzere (CH)
MessaggioInviato: venerdì 5 giugno 2020, 22:10 
Non connesso

Iscritto il: mercoledì 28 agosto 2013, 14:28
Messaggi: 674
Località: Bologna
peppardo ha scritto:
ANDREA CAVALLI ha scritto:
I due loco locomotori non hanno vincoli elettrici reciproci quindi se uno si ferma alla sezione di blocco l'altro continua a spingere....
Ma chi è stato il geniale progettista ???

Nel vecchio modello aereodinamico c'era un bel gancetto dotato di ottimi contatti che accoppiavano elettricamente i locomotori..

Qui dovrò subito far la modifica, da poco certo, ma cara Roco sei rimasta solo Cara....

e chiedono 490€...roba da matti!!
ma in digitale devi usare 2 decoder? e le luci come funzionano?


Dalle istruzioni è proprio così...2 decoder .
Le luci possono essere variamente comandate in digitale, in analogico puoi settarle variando la posizione di alcune spinette nella pcb .
Nella mia di default abbiamo 3 luci anteriori bianche ed una rossa posteriore.
Saluti a tutti


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Ferrovie Svizzere (CH)
MessaggioInviato: sabato 6 giugno 2020, 11:38 
Non connesso

Iscritto il: mercoledì 8 marzo 2006, 9:28
Messaggi: 1249
Località: Genova
ANDREA CAVALLI ha scritto:
peppardo ha scritto:
ANDREA CAVALLI ha scritto:
I due loco locomotori non hanno vincoli elettrici reciproci quindi se uno si ferma alla sezione di blocco l'altro continua a spingere....
Ma chi è stato il geniale progettista ???

Nel vecchio modello aereodinamico c'era un bel gancetto dotato di ottimi contatti che accoppiavano elettricamente i locomotori..

Qui dovrò subito far la modifica, da poco certo, ma cara Roco sei rimasta solo Cara....

e chiedono 490€...roba da matti!!
ma in digitale devi usare 2 decoder? e le luci come funzionano?


Dalle istruzioni è proprio così...2 decoder .
Le luci possono essere variamente comandate in digitale, in analogico puoi settarle variando la posizione di alcune spinette nella pcb .
Nella mia di default abbiamo 3 luci anteriori bianche ed una rossa posteriore.
Saluti a tutti


Inaccettabile!!! Circa 60€ di decoder oltre il costo della loco, ma sono fuori di testa! Preferisco il vecchio modello, mah!

Saluti

Giovanni Mureddu


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Ferrovie Svizzere (CH)
MessaggioInviato: domenica 7 giugno 2020, 9:48 
Non connesso

Iscritto il: sabato 28 gennaio 2006, 18:59
Messaggi: 583
In piú devi programmare la CV29 dei due decoder per direzioni di marcia opposte.
Se non lo sai e programmi le due mezze macchine insieme ti ritrovi la CV29 uguale e mezza macchina cha va in una direzione e mezza nell'altra.
Geniale.


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Ferrovie Svizzere (CH)
MessaggioInviato: domenica 7 giugno 2020, 20:23 
Non connesso

Iscritto il: mercoledì 8 marzo 2006, 9:28
Messaggi: 1249
Località: Genova
Mario (To) ha scritto:
In piú devi programmare la CV29 dei due decoder per direzioni di marcia opposte.
Se non lo sai e programmi le due mezze macchine insieme ti ritrovi la CV29 uguale e mezza macchina cha va in una direzione e mezza nell'altra.
Geniale.


Non solo, con i decoder esu vers. 4 o 5, con la centralina Esu, devi programmare le due loco con indirizzi diversi e impostare come doppia trazione! :lol:

Ops, Geniale!!

Giovanni Mureddu


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Ferrovie Svizzere (CH)
MessaggioInviato: domenica 7 giugno 2020, 21:33 
Non connesso

Iscritto il: mercoledì 28 agosto 2013, 14:28
Messaggi: 674
Località: Bologna
Ho visto il filmato di Chicco Barra circa il suo Ae 8/14 11851 Roco versione loksound di fabbrica.
Se Pierpaolo, il suo amico, potesse dirci qualcosa in più:
Es quando ha impostato CV 1 lo ha fatto separatamente per ciascuna lok ? Idem le altre variabili di configurazione ? O per sicurezza non ha modificato nulla ?


Top
 Profilo  
 
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 3724 messaggi ]  Vai alla pagina Precedente  1 ... 244, 245, 246, 247, 248, 249  Prossimo

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora [ ora legale ]


Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 43 ospiti


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi inviare allegati

Cerca per:
Vai a:  

Duegi Editrice - Viale Francia, 7, 35020 Ponte S. Nicolò (PD). Italy - Tel. 049.711.363 - Fax 049.862.60.77 - duegi@duegieditrice.it - shop@duegieditrice.it
Direttori di testata: Gianfranco Berto - Franco Tanel. Registro Operatori della Comunicazione n° 1199. Partita iva IT 01116210293 Tutti i diritti riservati Duegi Editrice