Oggi è martedì 12 dicembre 2017, 17:13

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora [ ora legale ]




Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 2108 messaggi ]  Vai alla pagina Precedente  1 ... 136, 137, 138, 139, 140, 141  Prossimo
Autore Messaggio
 Oggetto del messaggio: Re: scartamento ridotto americano
MessaggioInviato: sabato 9 maggio 2015, 12:33 
Non connesso

Iscritto il: venerdì 23 ottobre 2009, 22:34
Messaggi: 288
Località: Trento
Ciao ragazzi, Sandro come e andata a mendrisio ? Anche quest'anno non sono venuto e del club anche, c'era una quasi concomitanza con longarone la domenica.


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: scartamento ridotto americano
MessaggioInviato: giovedì 21 maggio 2015, 21:07 
Non connesso

Iscritto il: mercoledì 25 maggio 2011, 21:42
Messaggi: 256
Novità significative in 0n30/0n3 non ce ne sono purtroppo, ma ogni tanto spunta qualcosa di mai visto, anche se----occhio al prezzo.

http://www.uintahry.com/about-us.html

Fantastico no?


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: scartamento ridotto americano
MessaggioInviato: giovedì 21 maggio 2015, 21:38 
Non connesso

Iscritto il: domenica 23 luglio 2006, 14:33
Messaggi: 914
Località: Lugano
Fantastici, e fantastici pure i prezzi! Per lui....

Sandro


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: scartamento ridotto americano
MessaggioInviato: lunedì 25 maggio 2015, 7:13 
Non connesso

Iscritto il: martedì 19 agosto 2014, 9:41
Messaggi: 177
Salve ragazzi, vorrei addentrarmi in questo mondo, magari per realizzare qualcosa tra gli anni 30 e 40 Rio Grande. Ho visto che la Blackstone per fine anno metterà' in vendita una K 28 e una K36, chiedo agli esperti, vanno bene queste macchine per il periodo considerato? La blackstone produce modelli in plastica o ottone? Vedo che ci sono varie tipologie di versioni in relazione al suono, il suono Moffat che suono e' e dove veniva utilizzato?


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: scartamento ridotto americano
MessaggioInviato: lunedì 25 maggio 2015, 8:05 
Non connesso

Iscritto il: giovedì 4 gennaio 2007, 12:54
Messaggi: 573
Località: Parma - Emilia in generale
Ciao e benvenuto! Io penso di essere il meno esperto di quelli che scrivono in questo post, ma per le informazioni di base riesco a risponderti...

sia la k-28 che la k-36 (oltre naturalmente alla k-27 e c-19) vanno benissimo per il periodo da te indicato, essendo state costruite a metà anni '20. Quando Blackstone cita termini come Moffat, Flyng Grande o Royal Gorge, non si riferisce al suono, ma al loco (e alle modifiche) della locomotiva riportata in un determinato periodo.
Diciamo che il logo Moffat e Royal Gorge hanno più o meno convissuto sino a fine anni '30, poi soppiantati dal Flyng Grande (la celebre scritta Rio grande stilizzata sul tender) da lì in avanti.
Il suono, digitale 16bit (quindi molto realistico) è la chicca dei prodotti Blackstone; specifico per ciascuna classe di locomotiva (ovviamente il suono di una k-27 è diverso da quello di una c-19), aggiunge tanto realismo a locomotive estremamente ben fatte.
Le locomotive sono molto ben costruite (metallo per caldaia e tender, plastica per cabina e dettagli minori) ed estremamente dettagliate, fatte per non sfigurare in vetrina rispetto a quelle di ottone e dal funzionamento su plastico ineccepibile. Considera che Blackstone riproduce i dettagli di ogni specifico modello nel periodo esatto di ambientazione (mettendo o levando dettagli a seconda delle caratteristiche).

personalmente possiedo una schiera di C-19, k-27 e carri della Blackstone!
se mastichi un po' di inglese, ti consiglio la rivista Narrow Gauge and Short Line Gazette, che oltre ad essere di interesse per chi fa scartamento ridotto americano, è una enciclopedia "vivente" di come si fanno bei plastici/diorami.


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: scartamento ridotto americano
MessaggioInviato: lunedì 25 maggio 2015, 12:07 
Non connesso

Iscritto il: martedì 19 agosto 2014, 9:41
Messaggi: 177
gaiger2002 ha scritto:
Ciao e benvenuto! Io penso di essere il meno esperto di quelli che scrivono in questo post, ma per le informazioni di base riesco a risponderti...

sia la k-28 che la k-36 (oltre naturalmente alla k-27 e c-19) vanno benissimo per il periodo da te indicato, essendo state costruite a metà anni '20. Quando Blackstone cita termini come Moffat, Flyng Grande o Royal Gorge, non si riferisce al suono, ma al loco (e alle modifiche) della locomotiva riportata in un determinato periodo.
Diciamo che il logo Moffat e Royal Gorge hanno più o meno convissuto sino a fine anni '30, poi soppiantati dal Flyng Grande (la celebre scritta Rio grande stilizzata sul tender) da lì in avanti.
Il suono, digitale 16bit (quindi molto realistico) è la chicca dei prodotti Blackstone; specifico per ciascuna classe di locomotiva (ovviamente il suono di una k-27 è diverso da quello di una c-19), aggiunge tanto realismo a locomotive estremamente ben fatte.
Le locomotive sono molto ben costruite (metallo per caldaia e tender, plastica per cabina e dettagli minori) ed estremamente dettagliate, fatte per non sfigurare in vetrina rispetto a quelle di ottone e dal funzionamento su plastico ineccepibile. Considera che Blackstone riproduce i dettagli di ogni specifico modello nel periodo esatto di ambientazione (mettendo o levando dettagli a seconda delle caratteristiche).

personalmente possiedo una schiera di C-19, k-27 e carri della Blackstone!
se mastichi un po' di inglese, ti consiglio la rivista Narrow Gauge and Short Line Gazette, che oltre ad essere di interesse per chi fa scartamento ridotto americano, è una enciclopedia "vivente" di come si fanno bei plastici/diorami.


Grazie, quindi potrei scegliere il modello Flyng Grande. In pratica allora ci avviciniamo alla serie hybrid brass della serie Broadway Limited?
Per l'editoria anche datata c'è un ottimo sito da cui acquistare, non so se lo conosci http://www.montageww.com/, sul narrow ha moltissimo.


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: scartamento ridotto americano
MessaggioInviato: lunedì 25 maggio 2015, 13:14 
Non connesso

Iscritto il: giovedì 4 gennaio 2007, 12:54
Messaggi: 573
Località: Parma - Emilia in generale
Le Blackstone sono per lo più in metallo (die cast, cioè pressofusione; non sono in ottone se non per qualche particolare), ma qualitativamente non hanno nulla da invidiare con l'ottone. Sono ben assemblate e in digitale vanno che è una meraviglia.

conosco il sito da te indicato, ma non ho mai acquistato nulla lì perchè lo giudico un poco caro. Preferisco tenere d'occhio ebay US e cercare direttamente i libri che mi interessano: in questo modo ho completato la collezione dei 12 volumi della Rio Grande Southern Story, oltre ad altri volumi interessanti per chi segue le ferrovie del colorado.

ciao
Riccardo


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: scartamento ridotto americano
MessaggioInviato: martedì 26 maggio 2015, 9:06 
Non connesso

Iscritto il: martedì 19 agosto 2014, 9:41
Messaggi: 177
gaiger2002 ha scritto:
Le Blackstone sono per lo più in metallo (die cast, cioè pressofusione; non sono in ottone se non per qualche particolare), ma qualitativamente non hanno nulla da invidiare con l'ottone. Sono ben assemblate e in digitale vanno che è una meraviglia.

conosco il sito da te indicato, ma non ho mai acquistato nulla lì perchè lo giudico un poco caro. Preferisco tenere d'occhio ebay US e cercare direttamente i libri che mi interessano: in questo modo ho completato la collezione dei 12 volumi della Rio Grande Southern Story, oltre ad altri volumi interessanti per chi segue le ferrovie del colorado.

ciao
Riccardo


Grazie, prenotata la K28 473 per Gennaio 2016 presso Caboose. Penso di utilizzarla nel 1950 insieme a delle EMD F in HO con binari per HOn3 e HO.


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: scartamento ridotto americano
MessaggioInviato: martedì 26 maggio 2015, 10:20 
Non connesso

Iscritto il: giovedì 4 gennaio 2007, 12:54
Messaggi: 573
Località: Parma - Emilia in generale
Complimenti! Ottima scelta!

se vuoi una dritta per acquistare i binari a doppio scartamento (H0-Hon3) della shinohara, ti consiglio il negozio (importatore) inglese www.scalelink.co.uk hanno tutto l'assortimento ed i prezzi sono buoni (cambio sterlina-euro permttendo!).

Riccardo


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: scartamento ridotto americano
MessaggioInviato: mercoledì 10 giugno 2015, 19:13 
Non connesso

Iscritto il: martedì 19 agosto 2014, 9:41
Messaggi: 177
Un bel video di un Overland Models Brass HOn3 D&RGW Rotary OM with Tsunami sound, Soundtraxx, reso reale nele nei colori da BradleyDCC
https://www.youtube.com/watch?v=RAOtxGEYgkQ

pagina facebook di questo artista che fa il lavoro più bello al mondo, rendere vivi i rotabili. https://www.facebook.com/BradleyDCC?fref=nf


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: scartamento ridotto americano
MessaggioInviato: mercoledì 16 settembre 2015, 1:43 
Non connesso

Iscritto il: venerdì 23 ottobre 2009, 22:34
Messaggi: 288
Località: Trento
Buona sera, qua siete tutti ancora in vacanza ??? Sabato vado in quel di Zurigo a visitare 5 plastici di cui 3 in narrow gauge ho messo il link nella sezione manifestazioni.
Poi c'è Novegro, probabilmente ci vado di venerdì


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: scartamento ridotto americano
MessaggioInviato: domenica 20 settembre 2015, 8:54 
Non connesso

Iscritto il: venerdì 23 ottobre 2009, 22:34
Messaggi: 288
Località: Trento
Buongiorno, dopo essermi fatto 350 km (altrettanti di ritorno) su e giù per 4 passi di montagna sono andato a Hinwill a visitare i 5 plastici, fantastici special modo uno in scartamento ridotto H0n3 ho fatto foto e video, non saranno un gran che, non c'era una buona illuminazione, oggi le scarico poi sposterò qualcuna.
Mi hanno fatto venir una gola di andare a Rodgau a metà ottobre, anche perché partecipano anche loro del club AMORS e mi hanno anticipato e visto quello che portano.
Un tanto buona domenica


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: scartamento ridotto americano
MessaggioInviato: sabato 16 gennaio 2016, 8:13 
Non connesso

Iscritto il: venerdì 23 ottobre 2009, 22:34
Messaggi: 288
Località: Trento
Salve a tutti,
Vediamo se c'è qualcuno che rispolvera l'interesse, e da tempo che ho in mente di costruirsi dei moduli da attaccare a quelli che sto portando avanti in H0n3, con una stazione a doppio scartamento H0-H0n3 con turntable a doppio scartamento, questo e il risultato :

Immagine

Che ne pensate :?: avete dei suggerimenti, critiche :?:

Visto che qua la neve si fa attendere mi porto avanti con i lavori che devo fare all'aperto


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: scartamento ridotto americano
MessaggioInviato: sabato 16 gennaio 2016, 9:32 
Non connesso

Iscritto il: martedì 19 agosto 2014, 9:41
Messaggi: 177
pinter75 ha scritto:
Salve a tutti,
Vediamo se c'è qualcuno che rispolvera l'interesse, e da tempo che ho in mente di costruirsi dei moduli da attaccare a quelli che sto portando avanti in H0n3, con una stazione a doppio scartamento H0-H0n3 con turntable a doppio scartamento, questo e il risultato :

Immagine

Che ne pensate :?: avete dei suggerimenti, critiche :?:

Visto che qua la neve si fa attendere mi porto avanti con i lavori che devo fare all'aperto


Ti seguo, e' anche mio l' obiettivo di fare H0n3 e H0 magari su poco spazio, un lineare di max 3 m. Solo per fare manovre alla stregua del timesaver, il prossimo mese acquisterò il video di Ken Patterson sul modulo che ha realizzato per il suo plastico in H0n3.


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: scartamento ridotto americano
MessaggioInviato: sabato 16 gennaio 2016, 12:44 
Non connesso

Iscritto il: venerdì 23 ottobre 2009, 22:34
Messaggi: 288
Località: Trento
Mi dirai se è interessante.
Se ti interessa io 2 anni fa ho preso le dime della fasttrack per produrmi gli scambi a mio piacimento, se ti po interessare posso produrti gli scambi.


Top
 Profilo  
 
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 2108 messaggi ]  Vai alla pagina Precedente  1 ... 136, 137, 138, 139, 140, 141  Prossimo

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora [ ora legale ]


Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 22 ospiti


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi inviare allegati

Cerca per:
Vai a:  

Duegi Editrice - Viale Francia, 7, 35020 Ponte S. Nicolò (PD). Italy - Tel. 049.711.363 - Fax 049.862.60.77 - duegi@duegieditrice.it - shop@duegieditrice.it
Direttori di testata: Gianfranco Berto - Franco Tanel. Registro Operatori della Comunicazione n° 1199. Partita iva IT 01116210293 Tutti i diritti riservati Duegi Editrice