Oggi è mercoledì 21 ottobre 2020, 11:58

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora [ ora legale ]




Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 13 messaggi ] 
Autore Messaggio
 Oggetto del messaggio: Mi presento
MessaggioInviato: giovedì 13 ottobre 2016, 0:21 
Non connesso

Iscritto il: mercoledì 12 ottobre 2016, 10:50
Messaggi: 820
Un saluto a tutti i partecipanti del forum.

Il mio nome è Giuseppe, e dopo un po di tempo che vi leggo ho deciso di iscrivermi.

Sono stato un fermodellista negli anni 80, poi, vuoi per cronica mancanza di fondi, vuoi per l'adolescenza che mi portava verso altri interessi, ho abbandonato la passione. All'epoca vivevo a Palermo e frequentavo un gruppo di fermodellisti che si riuniva nei locali del dopolavoro ferroviario alla stazione centrale di Palermo. Io avevo 14 anni, loro... un po di più! :-) Ma andava bene!

Di eredità Marklinista (mio zio, dopo due figlie femmine regalò a me il suo materiale Marklin) ma di passione rotabili FS.
Ahimè all'epoca (andavo alla scuola media) con i soldi delle merendine che riuscivo a risparmiare (e con qualche lavoretto come la autocostruzione di segnali FS quasi in scala a una e due vele con led) avevo poco agio sulle azioni che potevo intraprendere: o materiale rotabile, o binari. La mia scelta cadde sul materiale rotabile.
Così mi trovai nella situazione poco simpatica in cui mi ritrovavo un sistema in alternata in una citta, Palermo, dove l'unico negozio che vendeva Marklin (Studer) aveva smesso di commerciare treni. In cambio mi ero fatto un discreto parco motrici Lima e Rivarossi con un po di vagoni che non potevo far girare.

Locomotiva d'elezione mia? Senza alcun dubbio l'E656! Il mitico Caimano con il suo inconfondibile sound dell'avviamento dei motori e dell'accelerazione.
Locomotiva d'elezione di mio figlio? L'E464, che preferisce al suo britannico amore Class 43 - HST 125 che proprio quest'anno festeggia il suo 40mo anno dall'ingresso in servizio. Ah, sti inglesi nel 2016 con questo treno con motori diesel....

Ora a distanza di una 25ina di anni, mio figlio di 4,5 anni ha una passione sfegatata per i treni. Io non ho fatto nulla per instillargliela, gli è venuta naturalmente... :-)
E' in grado di riconoscere la maggior parte dei locomotori elettrici italiani, gli elettrotreni, i vagoni, la nazionalità della ferrovia ed alcuni treni inglesi (viviamo in Inghilterra).
E pian pianino mi sta facendo riaccendere la passione....

Abbiamo iniziato con un Etr610 Lima, poi 3 E636 Lima expert con decoder sonoro, un elettrotreno Virgin Hornby, un Ice Fleischmann seconda serie, una loco a vapore a tre assi, un E656 ed E444 Hobby line... ed adesso è in arrive una loco Comofer D245 con sound Portigliatti, una 445 Oskar ed un E464 Vitrains e qualcos'altro...
Si può dire che la passione si stia facendo risentire... :-D
E la viviamo insieme. Ed io non ho paura che ui stia vicino ai miei modelli. E' stato educato ad avere rispetto delle cose ed ai limit: questo si può toccare per giocare, quest'altro si tocca solo quando c'è papà. Nel bene e nel male è capace di cambiare locomotive sulla centrale Elite di Hornby (centrale che lascia molto a desiderare..).

Come se non bastasse, ho deciso di recuperare tutta la mia passata collezione per restaurarla per rimetterla in giro (e magari digitalizzarla). I primi contatti con la mia collezione sono stati disastrosi: ingranaggi assali crepati (Aln 663 Lima), blocco motori in zama rotto (Aln 663 Lima), plastica carrello protezione ingranaggi motore crepata (E656 Rivarossi scala 1:80), grasso ingranaggi trasformato in melassa (tutti...)...
Avrò un bel po di lavoro da fare e mi sa che vi chiederò un aiuto per ripristinare il tutto.
Qualcosa ho già fatto... ma sono un po fuori dal giro e spero che abbiate la pazienza di darmi qualche consiglio!

Amavo questa passione, perchè è meravigliosa ed espone ad una multidisciplinarietà che non posseggono altri hobby.
Ed oggi sto di nuovo flirtando... con la scusa di mio figlio! :-)

Come mi capita, mi pare che abbia scritto molto, ma vi assicuro che avrei potuto continuare!!! :-D

Un caro saluto a tutti.

Giuseppe


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Mi presento
MessaggioInviato: giovedì 13 ottobre 2016, 5:53 
Non connesso

Iscritto il: giovedì 12 gennaio 2006, 8:53
Messaggi: 5041
Località: Bruschi
Benvenuti a tutti e due...quello più piccolo è il futuro!
saluti


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Mi presento
MessaggioInviato: giovedì 13 ottobre 2016, 7:07 
Non connesso

Iscritto il: domenica 16 febbraio 2014, 18:03
Messaggi: 64
Località: Firenze
Benvenuti ad entrambi nel forum e buon restauro del parco rotabile.

Ciao
Maurizio


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Mi presento
MessaggioInviato: giovedì 13 ottobre 2016, 8:21 
Non connesso

Iscritto il: domenica 3 gennaio 2010, 20:36
Messaggi: 8568
Località: la citta' della 3 t: torri, tortellini e ...
Benvenuti a tutti e due.
Fascinosissime le ferrovie britanniche, specie quelle della "diesel steam transition era".
La scala 00 e' errata, ma io la trovo "bella" a vedersi ( se si chiude un occhio, anzi due, sullo scartamento errato... ), perché i modelli sono piu' "massicci" della canonica H0.
Vivendo in UK io mi dedicherei alle ferrovie di lì: grande abbondanza di modelli a prezzi piu' che ragionevoli e, specialmente, modelli robusti che non temono la manipolazione, quindi adattissimi al giovanissimo fermodellista in erba.
A meno che la nostalgia di casa non prevalga...
Saluti
Stefano.


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Mi presento
MessaggioInviato: giovedì 13 ottobre 2016, 8:25 
Non connesso

Iscritto il: lunedì 28 gennaio 2008, 8:51
Messaggi: 1205
Località: Agrigento
Benvenuti ad entrambi anche da parte mia!!!


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Mi presento
MessaggioInviato: giovedì 13 ottobre 2016, 8:50 
Non connesso

Iscritto il: mercoledì 12 ottobre 2016, 10:50
Messaggi: 820
Grazie mille a tutti da parte nostra!! :D :D


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Mi presento
MessaggioInviato: giovedì 13 ottobre 2016, 9:02 
Non connesso

Iscritto il: mercoledì 12 ottobre 2016, 10:50
Messaggi: 820
bigboy60 ha scritto:
Benvenuti a tutti e due.
Fascinosissime le ferrovie britanniche, specie quelle della "diesel steam transition era".
La scala 00 e' errata, ma io la trovo "bella" a vedersi ( se si chiude un occhio, anzi due, sullo scartamento errato... ), perché i modelli sono piu' "massicci" della canonica H0.
Vivendo in UK io mi dedicherei alle ferrovie di lì: grande abbondanza di modelli a prezzi piu' che ragionevoli e, specialmente, modelli robusti che non temono la manipolazione, quindi adattissimi al giovanissimo fermodellista in erba.
A meno che la nostalgia di casa non prevalga...
Saluti
Stefano.



Ciao Stefano, le ferrovie britanniche sono alquanto diverse da quelle italiane... così come diversamente è sviluppata la sensibilità delle persone verso le ferrovie. Gli inglesi sono molto fieri delle loro ferrovie, ed in un certo senso hanno pure ragione (su molti altri no... magari nel futuro se a qualcuno interessa, ne parliamo...). Se sanno che da un astazione passa un treno a vapore "commerciale", si premurano ad andarlo a vedere. Uomini, donne bambini di tutte le età.

In termini estetici, a parte gli emu e dmu di ultima generazione, sono poche le diesel (ed ancor più poche le vaporiere) che catturano la mia passione.

Non so cos'è... Le locomotive a vapore, che qui hanno costruito non lontano da dove abito, non riescono a distogliere i miei occhi da una vaporiera italiana (quasi sempre molto eleganti) o, ancor meglio da una tedesca.
Forse è quella distonia nelle forme, con ruote centrali più grandi o caldaie di forme strane... non so.

Matteo è libero di scegliere ciò che vuole, io... beh, FS! :-D
Con tutte le difficoltà che questo comporta seguire FS in un'altra nazione... :-(


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Mi presento
MessaggioInviato: giovedì 13 ottobre 2016, 9:04 
Non connesso

Iscritto il: mercoledì 12 ottobre 2016, 10:50
Messaggi: 820
Dimenticavo: la scala 00, come hai detto tu non è il massimo... ma maneggiarla e giocarci... che meraviglia.... Oltre che essendo un po più grande il modellino, c'è più spazio per tutto... :-)


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Mi presento
MessaggioInviato: giovedì 13 ottobre 2016, 10:58 
Non connesso

Iscritto il: venerdì 19 febbraio 2010, 17:23
Messaggi: 207
Località: Benevento
Benvenuto.
Condivido la passione pe le BR, che però pratico in N, vista l'abbondanza di materiale e la bellezza dell'armamento Peco 55.


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Mi presento
MessaggioInviato: giovedì 13 ottobre 2016, 11:11 
Non connesso

Iscritto il: martedì 7 aprile 2015, 17:35
Messaggi: 2174
Località: Roma
Salve, Giuseppe, benvenuto a te e al modellista... in erba (che però promette bene).

Mi hai incuriosito. Tienici aggiornati: noi siamo qui :D

Pierpaolo


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Mi presento
MessaggioInviato: venerdì 14 ottobre 2016, 9:27 
Non connesso

Iscritto il: mercoledì 12 ottobre 2016, 10:50
Messaggi: 820
Senz'altro Pierpaolo. :-)

Giusto per parlare, ieri ho aggiustato due delle locomotive con cui mio figlio gioca: l'e656 e il 444 Lima Hobbyline.
Onesti modellini/giocattoli, fatti proprio per avvicinare i più piccolo all'hobby.
Peccato che non siano costruiti pensando all'utilizzatore finale.
Altrimenti non capirei perchè mettere in meccanismo a vite senza fine su in oggetto che 90/100 verrà trascinato per più tempo che funzionare con il proprio motore, se non con il preciso obiettivo di farli rompere! :roll:
Risultato: gli ingranaggi sugli assi "spanati" (discorso a parte meriterebbe anche la qualità di questi ingranaggi... secondo me non troppo adeguati per l'utilizzo).
Il figlio è un po contento (perchè le può trascinare) ma anche deluso perchè non tirano più i suoi vagoni in livrea XMPR. noltre non si spiega perchè può trascinare il suo Intercity Hornby (con il vecchio motore G) e non queste....
Morale: "papa, puoi aggiustarli?". "Certo amore mio!".
Assi di ricambio non credo che siano in vendita. L'intero blocco motore si...

Per farla corta, ieri su suggerimento di un modellista di Palermo ho messo una goccia di colla cianoacrilica e sembra che al momento abbia risolto e le due loco vanno.
In più, ho modellato un piombo da pesca per farlo alloggiare nella semicassa del 656 dove c'è il motore, nella speranza di fargli avere un po piu di aderenza. Obiettivo raggiunto!
Risultato: iersera tracciato montato e tre convogli montato che alternativamente giravano grazie a barbatrucchi con gli scambi "isolati". Storia su quello che i treni stavano facendo e perchè si fermavano... e figlio (e papà) felice. :-)


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Mi presento
MessaggioInviato: venerdì 14 ottobre 2016, 14:04 
Non connesso

Iscritto il: giovedì 14 gennaio 2016, 9:40
Messaggi: 294
La cosa più fica sarebbe fare una ferrovia vicino un campo di Subbuteo, sono entrambi in scala 00!

Inviato dal mio SM-T211 utilizzando Tapatalk


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Mi presento
MessaggioInviato: lunedì 17 ottobre 2016, 16:27 
Non connesso

Iscritto il: mercoledì 12 ottobre 2016, 10:50
Messaggi: 820
mostrojoe74 ha scritto:
La cosa più fica sarebbe fare una ferrovia vicino un campo di Subbuteo, sono entrambi in scala 00!

Inviato dal mio SM-T211 utilizzando Tapatalk



Uhm... interessante. Ho un amico che ha una confezione di Subbuteo vintage... :wink:


Top
 Profilo  
 
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 13 messaggi ] 

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora [ ora legale ]


Chi c’è in linea

Visitano il forum: Carlo Ciaccheri, L'utonto, Pancito, verde magnolia e 51 ospiti


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi inviare allegati

Cerca per:
Vai a:  

Duegi Editrice - Viale Francia, 7, 35020 Ponte S. Nicolò (PD). Italy - Tel. 049.711.363 - Fax 049.862.60.77 - duegi@duegieditrice.it - shop@duegieditrice.it
Direttori di testata: Gianfranco Berto - Franco Tanel. Registro Operatori della Comunicazione n° 1199. Partita iva IT 01116210293 Tutti i diritti riservati Duegi Editrice