Oggi è lunedì 25 gennaio 2021, 20:42

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora [ ora legale ]




Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 27 messaggi ]  Vai alla pagina 1, 2  Prossimo
Autore Messaggio
 Oggetto del messaggio: 345 roco motore grosso
MessaggioInviato: venerdì 2 giugno 2017, 10:51 
Non connesso

Iscritto il: martedì 22 novembre 2011, 21:51
Messaggi: 458
Salve ho acqistato un 345 motore grosso .ho messo olio e grasso la macchina va . Però quando si ferma e riparte dondola in modo molto visibile sapete dove devo intervenire grazie


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: CIPOLLONE
MessaggioInviato: venerdì 2 giugno 2017, 11:24 
Non connesso

Iscritto il: domenica 10 dicembre 2006, 15:15
Messaggi: 239
Località: Torino
Ciao Br52,
la prima cosa che contollerei sono gli anelli di aderenza.
In seconda battura controllerei gli assi e i carrelli, verificando che siano a posto i primi e correttamente montati i secondi .
I carrelli se non erro sono costruttivamente più complicati dei LIMA RR e potrebbe bastare una vite mal serrata o altro a limitarne la funzionalità.
Come ultima verifica la trasmissione .
Facci sapere e buona revisione, comunque si tratta di una grande realizzazione di ROCO
Topolox


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: 345 roco motore grosso
MessaggioInviato: venerdì 2 giugno 2017, 12:14 
Non connesso

Iscritto il: martedì 7 aprile 2015, 17:35
Messaggi: 2240
Località: Roma
Questo locomotore (che ho anche io) è estremanente affidabile e stabile durante la marcia.

Segui le istruzioni suggerite da topolox e vedrai che troverai la soluzione e avrai molte soddisfazioni da questa macchina.


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: 345 roco motore grosso
MessaggioInviato: venerdì 2 giugno 2017, 13:25 
Non connesso

Iscritto il: giovedì 15 febbraio 2007, 19:35
Messaggi: 1051
Località: SVIZZERA (quasi)
Vero, il D 345 è stato il mio primo diesel Roco sul mio primo plastico ancora in analogico (parlo negli anni in cui avevo ancora tanti capelli e più scuri... :lol: :lol: :lol: :lol: ).

Era pesante, tirava come un mulo ma più che mi aveva colpito era la sua inerzia in frenata, mettendo a zero la manopola del trasformatore da solo si fermava dopo circa QUINDICI CENTIMETRI, cosa che adesso, col digitale, ti vien da ridere a pensarci :lol: :lol: :lol: :lol: :lol: perchè, per dare più realismo, puoi allungare la frenata come più ti piace.

Paolo.


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: 345 roco motore grosso
MessaggioInviato: venerdì 2 giugno 2017, 19:52 
Non connesso

Iscritto il: mercoledì 7 novembre 2007, 16:03
Messaggi: 1381
Località: sesto fiorentino
D345 Roco/Faustini-Gieffeci,
32 anni fa........
a proposito, ma questo Sig. Faustini .......

E626, E646 varie versioni, D345, GR 880, non mi ricordo in quale ordine di emissione.

ha innovato le Nostre Ferrovie in Scala
e ha soddisfatto molti appetiti modellistici,
anche se talvolta con Qualche Imprecisione,
constatata maggiormente ora...

...ha mai ricevuto una adeguata riconoscenza modellistica?
considerando che ORA è ora, ma A Quei Tempi era ORO, platino


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: 345 roco motore grosso
MessaggioInviato: venerdì 2 giugno 2017, 22:59 
Non connesso

Iscritto il: sabato 1 agosto 2015, 11:28
Messaggi: 83
Buonasera,
La prima macchina FS realizzata da ROCO è stata la E626, nel 1980.
Seguì la D345 nel 1985 e la E636 nel 1989, quindi la E646 i serie nel 1991.
La 880 arrivò nel 1993. (fonte internet http://gamos81.altervista.org/index.htm)
La D345 fu una pietra miliare della produzione FS ROCO e ancora oggi è imbattibile in forza di trazione, regolarità di marcia, affidabilità nel tempo e molti modelli attuali, a mio avviso, nemmeno si sognano un funzionamento simile in analogico per l'uso operativo ed intensivo sul plastico. Chiaro che in vetrina perde qualche punto rispetto alle raffinatissime realizzazioni attuali.
Tuttavia essendo i primi modelli piuttosto datati è possibile trovarli sul mercato come usato a prezzi relativamente contenuti, ma non immuni da difetti di per se non imputabili al modello ma al cattivo stato di manutenzione o ancora peggio di incuranza, tipo cadute, ecc.
Di buono c'è che ROCO ha un servizio ricambi caro, ma veramente ben fatto e completo che permette di ripristinare perfettamente il funzionamento di queste splendide macchine che sul plastico non si stancano mai di girare e nemmeno noi a guardarle.
Saluti


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: 345 roco motore grosso
MessaggioInviato: sabato 3 giugno 2017, 19:52 
Non connesso

Iscritto il: sabato 14 gennaio 2006, 9:21
Messaggi: 1344
Località: Città dell' autodromo
Anch'io ho posseduto la 345 con motore grosso, splendido modello con ottima forza di trazione! Il problema era che mi saltava tutti i segnali, un'inerzia da paura! Bella da vedersi ma con l'analogico, poco pratica.

Ricordo anche la riunione che fece Faustini a Milano con i responsabili Roco per presentare il nuovo progetto della 880.
In quell'occasione i rappresentanti della casa austriaca fecero conoscere la nuova geometria dei binario Roco Line con e senza massicciata.

Bei tempi con tanti anni in meno…………

La passione che porto nel cuore è però sempre giovane allo stesso modo.


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: 345 roco motore grosso
MessaggioInviato: sabato 3 giugno 2017, 22:35 
Non connesso

Iscritto il: domenica 15 luglio 2007, 9:46
Messaggi: 6125
Località: Regione FVG
Il problema (relativo) descritto mi ricorda una 290 DB in scala N che quando viene fatta partire rolla da un verso o dall'altro a seconda del senso di marcia. In questo caso si tratta di una coppia di reazione combinata con il particolare sistema di appoggio dei carrelli di quel particolare modello.
Anche quella D.345 fa così? Pensavo in H0 i modelli fossero sufficientemente pesanti da non presentare questo fenomeno.


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: 345 roco motore grosso
MessaggioInviato: sabato 3 giugno 2017, 23:15 
Non connesso

Iscritto il: martedì 7 aprile 2015, 17:35
Messaggi: 2240
Località: Roma
Macchè: la 345 ROCO sta ben salda sui binari come pochi altri modelli. Non presenta né beccheggio, né rollio (e poi... mica è una nave oh!) :wink:


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: 345 roco motore grosso
MessaggioInviato: domenica 4 giugno 2017, 7:28 
Non connesso

Iscritto il: domenica 3 gennaio 2010, 20:36
Messaggi: 8774
Località: la citta' della 3 t: torri, tortellini e ...
La D345 di Roco dopo 32 ( trentadue ! ) anni dalla sua uscita rimane ancora un pilastro della trazione diesel FS di qualsiasi plastico: bella, pur senza i tanti ( troppi, e spesso inutili ... ) fronzoli a cui ci hanno abituato negli ultimi anni, robusta, affidabile, potente, con un buon minimo.
I progettisti di modelli di diesel ( e non solo... ) dovrebbero prenderla a modello...
Saluti
Stefano.


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: 345 roco motore grosso
MessaggioInviato: domenica 4 giugno 2017, 8:09 
Non connesso

Iscritto il: sabato 1 agosto 2015, 11:28
Messaggi: 83
bigboy60 ha scritto:
La D345 di Roco dopo 32 ( trentadue ! ) anni dalla sua uscita rimane ancora un pilastro della trazione diesel FS di qualsiasi plastico: bella, pur senza i tanti ( troppi, e spesso inutili ... ) fronzoli a cui ci hanno abituato negli ultimi anni, robusta, affidabile, potente, con un buon minimo.
I progettisti di modelli di diesel ( e non solo... ) dovrebbero prenderla a modello...
Saluti
Stefano.


Concordo al 100%
Da prendere come esempio per tutti i costruttori di modelli!


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: 345 roco motore grosso
MessaggioInviato: lunedì 5 giugno 2017, 21:58 
Non connesso

Iscritto il: domenica 1 novembre 2009, 20:26
Messaggi: 1818
Località: udine collinare
Di queste macchine ne posseggo due......due muli in tutti i sensi, piantate sui binari! Ora son state digitalizzate e prossimamente verranno sincronizzate per il traino in doppia, sia accoppiate che simmetrica.
Un modello veramente d'altri tempi che niente ha a che soartire con i ben piu raffinati modelli attuali ma che a parogoni di trazione e funzionamento non ha rivali.
32 anni portati benissimo!


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: 345 roco motore grosso
MessaggioInviato: martedì 13 giugno 2017, 8:35 
Non connesso

Iscritto il: lunedì 27 settembre 2010, 20:27
Messaggi: 178
Località: Castel s. Pietro T.
Ho intenzione di digitalizzare la macchina.
Ho però misurato la corrente assorbita dal motore e supera abbondantemente 1 A. Con il minimo sforzo
La domanda a chi lo ha già fatto: che decoder avete usato?
Grazie


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: 345 roco motore grosso
MessaggioInviato: martedì 13 giugno 2017, 10:55 
Non connesso

Iscritto il: mercoledì 21 novembre 2007, 21:03
Messaggi: 1350
Località: Castell'Arquato (PC)
Si diceva di cercare un Lenz 1025 o 1035... In alcuni forum di tempo fa.
Io ho usato quello, non ricordo il codice esatto ma è quello.

Attenzione che devi fresare il telaio per mettere il decoder se non vuoi che si veda in cabina.


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: 345 roco motore grosso
MessaggioInviato: martedì 13 giugno 2017, 10:56 
Non connesso

Iscritto il: martedì 17 gennaio 2006, 19:14
Messaggi: 778
Località: Alto Adige
Ho digitalizzato le mie quattro con dei Esu V4.0 . Corrente 1,1A assorbibile continuamente . Fino adesso nessun problema, anche se l'uso per il momento non é intenso.

Gesendet von meinem SM-G800F mit Tapatalk


Top
 Profilo  
 
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 27 messaggi ]  Vai alla pagina 1, 2  Prossimo

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora [ ora legale ]


Chi c’è in linea

Visitano il forum: g.mureddu, tof63 e 55 ospiti


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi inviare allegati

Cerca per:
Vai a:  

Duegi Editrice - Viale Francia, 7, 35020 Ponte S. Nicolò (PD). Italy - Tel. 049.711.363 - Fax 049.862.60.77 - duegi@duegieditrice.it - shop@duegieditrice.it
Direttori di testata: Gianfranco Berto - Franco Tanel. Registro Operatori della Comunicazione n° 1199. Partita iva IT 01116210293 Tutti i diritti riservati Duegi Editrice