Oggi è mercoledì 20 giugno 2018, 11:04

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora [ ora legale ]




Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 65 messaggi ]  Vai alla pagina Precedente  1, 2, 3, 4, 5  Prossimo
Autore Messaggio
 Oggetto del messaggio: Re: Locomotive da manovra : D145 e D146/147
MessaggioInviato: giovedì 9 novembre 2017, 13:44 
Non connesso

Iscritto il: lunedì 16 gennaio 2006, 18:43
Messaggi: 249
Località: Terre d'Acqua - Regno di Mezzo
max5726 ha scritto:
Non ho capito... quali 'problemini' avrebbe la 214 roco, a me sembra un modello assolutamente riuscito e funzionale ai massimi livelli (ha l'appoggio isostatico!!!!!!): va solo un pò più veloce del dovuto..... :mrgreen:
Max



Esatto, và come una scheggia ! :)
E per una macchina da manovra non è il massimo...... :mrgreen:
Oltretutto non è un "problemino" difficile da risolvere.... :roll:

Anche ri-editare modelli già usciti (possibilmente risolvendo i "problemini" che hanno) servirebbe anche ha calmierare il mercato dell'usato; poco tempo fa ho visto delle aste di D461 Acme e D141 GT finite a prezzi ASSURDI :shock:

Pier


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Locomotive da manovra : D145 e D146/147
MessaggioInviato: giovedì 9 novembre 2017, 14:43 
Non connesso

Iscritto il: domenica 26 ottobre 2008, 8:36
Messaggi: 278
Per le D 145 e D 146 condivido in pieno quanto detto sopra; spero veramente che qualche produttore le inserisca tra le novità del 2018.
Piero


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Locomotive da manovra : D145 e D146/147
MessaggioInviato: giovedì 9 novembre 2017, 15:00 
Non connesso

Iscritto il: domenica 10 luglio 2011, 19:47
Messaggi: 537
Località: Milano
marco_58 ha scritto:
La risposta direi che è semplice: una macchina da manovra interessa si è no al 20% degli appassioanti.
Purtroppo per loro sono macchine che non si vedono il linea e in stazione, e non corrono.


non concordo su tutto, inizi a produrla qualcuno, anche in edizione limitata, vedrai che andrebbero esaurite in breve tempo :wink: a mio modestissimo parere

saluti a tutti

Luca


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Locomotive da manovra : D145 e D146/147
MessaggioInviato: giovedì 9 novembre 2017, 15:15 
Non connesso

Iscritto il: mercoledì 20 settembre 2006, 20:44
Messaggi: 3561
Località: Sorbolo (PR)
Nonostante le credenze popolari, oggi anche in Italia, in meno di una giornata si rende operativa un'azienda dal nulla. :wink:


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Locomotive da manovra : D145 e D146/147
MessaggioInviato: giovedì 9 novembre 2017, 16:04 
Non connesso

Iscritto il: lunedì 16 gennaio 2006, 18:43
Messaggi: 249
Località: Terre d'Acqua - Regno di Mezzo
marco_58 ha scritto:
Nonostante le credenze popolari, oggi anche in Italia, in meno di una giornata si rende operativa un'azienda dal nulla. :wink:


? :roll:


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Locomotive da manovra : D145 e D146/147
MessaggioInviato: giovedì 9 novembre 2017, 16:56 
Non connesso

Iscritto il: mercoledì 20 settembre 2006, 20:44
Messaggi: 3561
Località: Sorbolo (PR)
Pieroc ha scritto:
marco_58 ha scritto:
Nonostante le credenze popolari, oggi anche in Italia, in meno di una giornata si rende operativa un'azienda dal nulla. :wink:


? :roll:


Apri un azienda e falle tu.

Se solo un produttore si è cimentato in solo modello una ragione c'è, e guardacaso è l'unico modello declinabile in più versioni.


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Locomotive da manovra : D145 e D146/147
MessaggioInviato: giovedì 9 novembre 2017, 18:10 
Non connesso

Iscritto il: lunedì 16 gennaio 2006, 18:43
Messaggi: 249
Località: Terre d'Acqua - Regno di Mezzo
marco_58 ha scritto:
Apri un azienda e falle tu.

Se solo un produttore si è cimentato in solo modello una ragione c'è, e guardacaso è l'unico modello declinabile in più versioni.



Allora perchè 3 aziende hanno fatto lo stesso prototipo ?

OT : ho già una mia azienda, e guarda caso mi guardo ben bene di fare ciò che hanno già fatto altri...... :)
Fine OT


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Locomotive da manovra : D145 e D146/147
MessaggioInviato: giovedì 9 novembre 2017, 18:33 
Non connesso

Iscritto il: lunedì 22 novembre 2010, 14:52
Messaggi: 133
anche io spero che prima o poi qualcuno produca industrialmente queste macchine, sono stati fatti modelli molto più rari, meno conosciuti e meno spalmati nella penisola, ricordo che hanno fatto anche servizi in linea, uno per tutti il "treno della pozzolana" Roma- Gallese....


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Locomotive da manovra : D145 e D146/147
MessaggioInviato: giovedì 9 novembre 2017, 18:50 
Non connesso

Iscritto il: lunedì 16 gennaio 2006, 18:43
Messaggi: 249
Località: Terre d'Acqua - Regno di Mezzo
Conosco, per motivi di lavoro (a livello manageriale), alcuni di questi produttori.

La cosa che mi lascia più perplesso (se così si può dire :( ) è il fatto che potrebbero occuparsi di qualsiasi altro settore industriale (non modellistico) e farebbero le stesse cose.

Tra gli appassionati di questo hobby ci sono molti rompiballe, qualche esperto e tanti appassionati, ma almeno (spesso) conoscono molto bene la materia; ho conosciuto dirigenti di queste aziende (quelli che fanno le scelte) che non hanno la minima idea di cosa è il ferromodellismo.......

Sono fermi alla categoria "giocattoli"........ :twisted:


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Locomotive da manovra : D145 e D146/147
MessaggioInviato: giovedì 9 novembre 2017, 18:50 
Non connesso

Iscritto il: lunedì 5 ottobre 2015, 20:58
Messaggi: 254
marco_58 ha scritto:
Nonostante le credenze popolari, oggi anche in Italia, in meno di una giornata si rende operativa un'azienda dal nulla. :wink:


Invece per farla fallire si può pure fare con calma.


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Locomotive da manovra : D145 e D146/147
MessaggioInviato: giovedì 9 novembre 2017, 23:48 
Non connesso

Iscritto il: mercoledì 20 settembre 2006, 20:44
Messaggi: 3561
Località: Sorbolo (PR)
Modellista ha scritto:
marco_58 ha scritto:
Nonostante le credenze popolari, oggi anche in Italia, in meno di una giornata si rende operativa un'azienda dal nulla. :wink:


Invece per farla fallire si può pure fare con calma.


Quando aprire un'azienda lo decidi tu, quando chiuderla: i finanziatori, i creditori, le norme e un impiegato della CCIAA, oppure un giudice.
Aprire un azienda con i sentimenti non porta da nessuna parte, tenerla aperta è ancora più dura.

Qualcuno si stupisce del fatto che più produttori producono gli stessi articoli: è come il pane, significa che c'è mercato, e se vendono hanno ragione.

Tornando in argomento, quanti sono quelli che normalmente partecipano al forum? e quanti sono quelli che scrivono in questo argomento?
Tirate le somme e vedete quante 141, 145, 147 si possono vendere.
Nonostante ve nè siano in circolazione a decine di migliaia le articolate tirano sempre, più delle 444, chissa perchè?


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Locomotive da manovra : D145 e D146/147
MessaggioInviato: venerdì 10 novembre 2017, 6:08 
Non connesso

Iscritto il: martedì 29 settembre 2015, 8:28
Messaggi: 523
Località: Roma
Cita:
Tornando in argomento, quanti sono quelli che normalmente partecipano al forum? e quanti sono quelli che scrivono in questo argomento?
Tirate le somme e vedete quante 141, 145, 147 si possono vendere.
Nonostante ve nè siano in circolazione a decine di migliaia le articolate tirano sempre, più delle 444, chissa perchè?


Mi sembra un'affermazione alquanto riduttiva...imho


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Locomotive da manovra : D145 e D146/147
MessaggioInviato: venerdì 10 novembre 2017, 9:21 
Non connesso

Iscritto il: lunedì 16 gennaio 2006, 18:43
Messaggi: 249
Località: Terre d'Acqua - Regno di Mezzo
marco_58 ha scritto:
Qualcuno si stupisce del fatto che più produttori producono gli stessi articoli: è come il pane, significa che c'è mercato, e se vendono hanno ragione.


Caro Marco,
ti ammiro di più quando parli di tecnica elettronica.

La maggior parte di chi vende pane (esclusa la grande distribuzione) non sono "produttori" (fornai) ma semplici rivendite (secondo le ultime statistiche 80% circa).
I produttori (forni artigianali), sono in diminuzione a favore dei forni industriali; la grande distribuzione invece si appoggia a produttori di semi-lavorati (in genere dall'estero) sopratutto per motivi di prezzo.
In generale la tendenza è comunque di calo dei consumi.
L'esempio non è molto calzante.

Per quanto riguarda i 2 produttori che hanno fatto la stessa locomotiva direi che l'invenduto attuale dimostri la lungimiranza della loro scelta......


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Locomotive da manovra : D145 e D146/147
MessaggioInviato: venerdì 10 novembre 2017, 9:25 
Non connesso

Iscritto il: martedì 9 settembre 2008, 9:45
Messaggi: 1997
Località: Breil sur Roya
Pieroc ha scritto:
Conosco, per motivi di lavoro (a livello manageriale), alcuni di questi produttori.
La cosa che mi lascia più perplesso (se così si può dire :( ) è il fatto che potrebbero occuparsi di qualsiasi altro settore industriale (non modellistico) e farebbero le stesse cose.
Tra gli appassionati di questo hobby ci sono molti rompiballe, qualche esperto e tanti appassionati, ma almeno (spesso) conoscono molto bene la materia; ho conosciuto dirigenti di queste aziende (quelli che fanno le scelte) che non hanno la minima idea di cosa è il ferromodellismo.......
Sono fermi alla categoria "giocattoli"........ :twisted:

Quello che dici si incastra perfettamente con un post che ho letto poco fa sul forum Loco Revue, una persona ben introdotta nell'ambiente dei produttori ha spiegato che allo stato attuale nessuno fa delle vere indagini di mercato per sondare quale potrebbe essere il gradimento di un modello o cosa richieda il mercato.
Funziona in realtà più o meno così, alcuni appassionati che detengono una notevole mole di documentazione su un rotabile bussano alla porta di un produttore per accordarsi su una collaborazione, si fanno remunerare la messa a disposizione delle info, cercando di convincere il produttore che sarà un successo, che si venderà come il pane, che il mercato lo aspetta da anni.
Se lo convincono poi il modello esce, a volte funziona, a volte rimane sugli scaffali, tanto chi ci perde è il produttore.
A volte litigano a metà del processo, questo spiega annunci mai seguiti da produzione, e il modello che riappare sotto altra marca....
Se non lo convincono vanno a bussare a un'altra porta...

Tutto avviene in maniera molto casereccia, e poco secondo le logiche moderne di un'azienda che deve produrre e vendere.
E in Francia il fermodellismo è molto più diffuso che da noi.

Alla luce di queste spiegazioni, certe assurdità che constatiamo nel modellismo, doppioni, modelli mancanti, riproduzioni di scarso interesse, si comprendono meglio....

Ciao, alpiliguri.


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Locomotive da manovra : D145 e D146/147
MessaggioInviato: venerdì 10 novembre 2017, 9:31 
Non connesso

Iscritto il: mercoledì 20 settembre 2006, 20:44
Messaggi: 3561
Località: Sorbolo (PR)
GiovanniFiorillo ha scritto:
Cita:
Tornando in argomento, quanti sono quelli che normalmente partecipano al forum? e quanti sono quelli che scrivono in questo argomento?
Tirate le somme e vedete quante 141, 145, 147 si possono vendere.
Nonostante ve nè siano in circolazione a decine di migliaia le articolate tirano sempre, più delle 444, chissa perchè?


Mi sembra un'affermazione alquanto riduttiva...imho


Se la interpreti con il sentimento si.
Se la interperti con la razionalità no!
Sono il primo a volere quelle macchine ... ma dopo avere preso qualla prodotta da GT nel secolo scorso (assieme ad altri modelli della GT in un momento di vacche molto grasse), o dedotto che (sorvolando sulle produzione in metallo di fatto su ordinazione):
1- i modelli artigianali vanno presi con molta attenzione
2- i modelli artigianali sono spesso quelli che l'industria non trova conveniente produrre
3- quando funzionano è spesso fortuna
4- se il produttore industriale, nonostante gli annunci non produce certi modelli, non c'è dietro una mera ragione sentimentale, o dispetto all'appassionato.

P.S. 1
Anch'io nella mia attività cerco di diversificarmi il più possibile dalla concorrenza, anzi sono specialista nell'andare contro corrente, mai ci sono tante cose che non si può prescindere dal farle tutti allo stasso identico modo: o norma, o si fa solo così.

P.S. 2
Se non viene prodotto il TAF, nonostante il ripetuto annuncio, è solo perchè alla fine è più impegnativo del Settebello, soprattutto economicamente per il modellista, a meno di non accontettarsi di un simulacro accettabile solo se lo quardi da 4 metri e in penombra.


Top
 Profilo  
 
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 65 messaggi ]  Vai alla pagina Precedente  1, 2, 3, 4, 5  Prossimo

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora [ ora legale ]


Chi c’è in linea

Visitano il forum: estevan0000, fabrizio.cioppettini, salva65, Stefano Geri e 29 ospiti


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi inviare allegati

Cerca per:
Vai a:  

Duegi Editrice - Viale Francia, 7, 35020 Ponte S. Nicolò (PD). Italy - Tel. 049.711.363 - Fax 049.862.60.77 - duegi@duegieditrice.it - shop@duegieditrice.it
Direttori di testata: Gianfranco Berto - Franco Tanel. Registro Operatori della Comunicazione n° 1199. Partita iva IT 01116210293 Tutti i diritti riservati Duegi Editrice