Oggi è martedì 12 dicembre 2017, 17:13

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora [ ora legale ]




Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 55 messaggi ]  Vai alla pagina 1, 2, 3, 4  Prossimo
Autore Messaggio
 Oggetto del messaggio: DCC ++ chi era costui?
MessaggioInviato: lunedì 13 novembre 2017, 22:16 
Non connesso

Iscritto il: mercoledì 1 febbraio 2006, 12:40
Messaggi: 1728
Località: Bracciano (Roma)
Lo scorso anno avevo letto un pò di articoli sulla costruzione di una centrale DCC utilizzando un Arduino R3 ed una motor shield come interfaccia verso i binari e per l'alimentazione. Il mese scorso, complice un rarissimo momento di libertà, mi sono deciso quasi per sfida a realizzare un prototipo per vedere le difficoltà realizzative e capirne possibili impieghi pratici.
In casa avevo tutto e in breve tempo ho realizzato la centrale DCC++. L'ho provata con JMRI ed ho letto CV, configurato CV e comandato locomotive su un binario di prova. Tutto ha funzionato bene e senza problemi. Pubblico qui i passi, nel caso qualcuno volesse cimentarsi nella costruzione di un prototipo. Aggiungo che è anche possibile reperire l'hardware (Arduino e motor shield) sul mercato dei cloni compatibili. In questo caso la spesa per la realizzazione scende intorno ai 10 €. Non male vero?

Passi per la costruzione della base station:

Materiale necessario:
Arduino UNO R3
https://store.arduino.cc/genuino-uno-rev3 (in Italia Arduino viene commercializzato con il nome Genuino)

Immagine

Motor shield per Arduino basato su L298
https://store.arduino.cc/arduino-motor-shield-rev3

Immagine


E’ possibile trovare su vari siti schede “compatibili” identiche in tutto e per tutto alle originali a costi sensibilmente inferiori.

Scarichiamo l’IDE per la programmazione di Arduino dal sito
https://www.arduino.cc/en/Main/Software

Una volta installata sul PC/MAC colleghiamo Arduino con il cavetto usb ed attendiamo che la scheda
venga regolarmente riconosciuta.

Fatto questo bisogna scaricare da GitHub il software di funzionamento della base station da caricare su Arduino.

https://github.com/DccPlusPlus/BaseStation

Unzippiamo il file scaricato (di chiamano in gergo sketch) e carichiamolo sull’IE di Arduino (il file da individuare è DCCpp_Uno.ino)

A questo punto è sufficiente caricare lo sketch su Arduino premendo il tasto apposito sulla IDE che provvederà a compilare e trasferire il tutto via USB.
La parte che riguarda Arduino è finita.

Prendiamo ora il motor Shield:

Dobbiamo praticare 3 tagli di piste (peraltro già previste in sede di progetto)
Qui si trova il dettaglio dell'operazione

https://github.com/DccPlusPlus/Document%20...%20ppings.pdf

Questa è la vista della scheda dall’alto:

https://www.dropbox.com/s/2my2d58ib3idd66/Schermata%202017-11-05%20alle%2015.51.23.png?dl=0

Andranno fatti i ponticelli visualizzati in verde.

Giriamo la scheda e pratichiamo i tagli delle piste:

https://www.dropbox.com/s/a5n0gqmwc9tpd03/coipa%20Schermata%202017-11-05%20alle%2015.51.10.jpg?dl=0

ome potete vedere ogni blocchetto è composto da due pad ed una pista sottile che le collega. Bene, la pista va tagliata con un cutter per tutti e tre i pad evidenziati in figura. Pratichiamo il taglio in profondità per non correre rischi di malfunzionamento.

Ora possiamo incastrare il Motor shield sull’arduino facendo combaciare i pin.

Il lavoro è terminato e la centrale è pronta.

Foto dall’alto di Arduino già incastrato sotto la Motor shield

https://www.dropbox.com/s/gs9a6eykqctzhoh/Copia%20di%20image1.jpg?dl=0

Vista laterale:

https://www.dropbox.com/s/jun78et2a02l11j/Copia%20di%20image2.jpg?dl=0

Per poterla utilizzare, colleghiamo il binario di programmazione e di corsa alla morsettiera del Motor SHield; attacchiamo anche un alimentatore da circa 15 vcc ai pin di alimentazione dello shield (vedi figura precedente - DC power supply).

Sul Pc dobbiamo ora caricare JMRI (decoder Pro)
http://jmri.sourceforge.net/download/index.shtml

Colleghiamo Arduino assemblato con il Motor shield al pc con il cavetto usb

Fatto questo, andiamo nel menu di configurazione di JMRI, e selezioniamo la porta usb corrispondente ad Arduino e la centrale che andrà impostata su DCC++.

Fatto: ora siamo pronti a leggere e scrivere le CV e a comandare le locomotive sul binario di corsa con i palmari che potremo configurare da JMRI.


Ultima modifica di lucaregoli il lunedì 13 novembre 2017, 22:53, modificato 2 volte in totale.

Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: DCC ++ chi era costui?
MessaggioInviato: lunedì 13 novembre 2017, 22:46 
Non connesso

Iscritto il: mercoledì 17 febbraio 2010, 22:01
Messaggi: 294
Grazie per l' utilissimo post.


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: DCC ++ chi era costui?
MessaggioInviato: lunedì 13 novembre 2017, 22:48 
Non connesso

Iscritto il: martedì 10 ottobre 2017, 13:46
Messaggi: 19
Località: Roma T.ni
alcune immagini non si vedono, ma ti ringrazio moltissimo per il post! Mi cimenterò a breve anche io


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: DCC ++ chi era costui?
MessaggioInviato: lunedì 13 novembre 2017, 22:55 
Non connesso

Iscritto il: mercoledì 1 febbraio 2006, 12:40
Messaggi: 1728
Località: Bracciano (Roma)
Visto il problema :mrgreen: , ho modificato i link, basta cliccare e si carica l'immagine.


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: DCC ++ chi era costui?
MessaggioInviato: lunedì 13 novembre 2017, 23:00 
Non connesso

Iscritto il: sabato 27 ottobre 2007, 9:02
Messaggi: 2087
Località: Torino
Il progetto DCC++ (come tutti i progetti basati su Arduino) è molto valido ed espandibile l'unico punto debole è il L298 un po vecchiotto, meglio cercare un ponte più moderno e performante...magari a mosfet.

Despx


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: DCC ++ chi era costui?
MessaggioInviato: martedì 14 novembre 2017, 11:55 
Non connesso

Iscritto il: venerdì 25 novembre 2011, 19:13
Messaggi: 861
Località: Trieste
Ciao Luca.

Grazie, molto interessante anche per me. Quindi sostanzialmente il tuo "pacchetto" prevede una ventrale DCC Arduino, un PC con dentro JMRI, ed eventualmente, uno o più palmari per il controllo dei convogli (e del tracciato, se si desidera).
Immagino che il PC debba essere sempre presente no? E per i palmari vanno bene anche Tablet e Smartphone vari su cui installare una applicazione?

Grazie
Antonio


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: DCC ++ chi era costui?
MessaggioInviato: martedì 14 novembre 2017, 16:24 
Non connesso

Iscritto il: mercoledì 1 febbraio 2006, 12:40
Messaggi: 1728
Località: Bracciano (Roma)
Ciao Antonio,
in teoria il PC non sarebbe necessario se si dotasse il sistema di palmari.
In rete trovi i progetti di palmari wired e wireless realizzabili a basso costo.
Dopo essermi documentato sulle possibili soluzioni, per il momento ho optato per la soluzione di usare il dcc++ connesso al pc via usb con jmri.
Una centrale da banco è sempre utile x programmare i decoder e provare le locomotive: la motor sbield gestisce tranquillamente il binario di programmazione e di corsa e tanto mi basta. Peró è una scelta personale e non è assolutamente detto che sia così interpretabile per tutti. Sul plastico al momento uso una IB 1 con 3 palmari multimaus e ne sono soddisfatto. Sulla scrivania ho una sprog3 collegata al binarietto di programmazione multiscartamento ma ultimamente ha fatto un pó di bizze.
Ho provato questo progetto per curiosità più che per un reale fabbisogno, ma sono rimasto soddisfatto ed ho voluto condividere i risultati perchè penso che troppo spesso si immagina il mondo dcc cone una realtà troppo complessa e costosa ed ho voluto dimostrare che si puó realizzare una centrale con meno di 10€. Per capire perchè, basta andare su banggood e digitare arduino e motor shield x veder i prezzi. Consultando il sito, dopo qualche giorno (i prezzi variano spesso) si arriva a meno di 10€.
La realizzazione, come ho scritto, è banale!
Per il controllo via smartphone prova a vedere i vari plugin realizzati per JMRI; serve sempre il pc, ma si puó fare!


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: DCC ++ chi era costui?
MessaggioInviato: martedì 14 novembre 2017, 21:23 
Non connesso

Iscritto il: domenica 16 ottobre 2011, 17:15
Messaggi: 34
Grazie Luca per la chiara esposizione
Spero che ora oltre a me qualcuno sperimenti Arduino nel fermodellismo

Ruggero


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: DCC ++ chi era costui?
MessaggioInviato: martedì 14 novembre 2017, 22:42 
Non connesso

Iscritto il: martedì 4 aprile 2006, 16:29
Messaggi: 73
Località: Bassano d G.
In rete ci sono già progetti anche più spinti, tipo emulare la z21 o creare con arduino una wifi throttle. Tipo qui:
https://sites.google.com/site/valerieva ... o-projects

Stefano


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: DCC ++ chi era costui?
MessaggioInviato: mercoledì 15 novembre 2017, 8:25 
Non connesso

Iscritto il: lunedì 8 marzo 2010, 14:15
Messaggi: 754
Località: ARDEA (RM)
Un paio di anni fa avevo pensato di usare un sistema basato su arduino per il controllo degli scambi, poi per la poca conoscenza del sistema non ne feci più nulla


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: DCC ++ chi era costui?
MessaggioInviato: mercoledì 15 novembre 2017, 13:48 
Non connesso

Iscritto il: martedì 9 settembre 2008, 9:45
Messaggi: 1934
Località: Breil sur Roya
nanniag ha scritto:
Immagino che il PC debba essere sempre presente no? E per i palmari vanno bene anche Tablet e Smartphone vari su cui installare una applicazione?

lucaregoli ha scritto:
Per il controllo via smartphone prova a vedere i vari plugin realizzati per JMRI; serve sempre il pc, ma si puó fare!

Il controllo via tablet/smartphone è sempre possibile, qualunque sia la centrale, se questa viene comandata da JMRI, e se il PC dove gira JMRI è in una lan Wifi.
Basta installare sul dispositivo Android (collegato in wifi alla rete casalinga) EngineDriver o l'equivalente per la mela, e attivare il server di JMRI. A questo punto Engine Driver trasferisce gli ordini a JMRI che li passa alla centrale collegata al PC.
Basta un vecchio smartphone da pochi euro, senza sim.
Se il pc collegato allo Sprog è collegato alla rete wifi lo puoi provare subito.
A parte EngineDriver sullo smartphone, non c'è da installare nulla sul PC, tutto è già in JMRI.
Non c'è motivo per cui non debba funzionare anche con la centrale DCC++.
Configurazione che però richiede un pc acceso, c'è chi lo ha fatto con un Raspberry dove gira JMRI.

In Francia l'uso di Arduino è abbastanza sviluppato, sono usciti anche articoli su Loco Revue, che ha pure una sezione dedicata del forum.


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: DCC ++ chi era costui?
MessaggioInviato: mercoledì 15 novembre 2017, 22:27 
Non connesso

Iscritto il: mercoledì 1 febbraio 2006, 12:40
Messaggi: 1728
Località: Bracciano (Roma)
Cmdrmerk ha scritto:
Un paio di anni fa avevo pensato di usare un sistema basato su arduino per il controllo degli scambi, poi per la poca conoscenza del sistema non ne feci più nulla


Ho realizzato un paio di anni fa un sistemino basato su arduino per gestire gli itinerari di stazione muovendo gli aghi degli scambi attraverso dei servo motori da pochi euro. Funziona ma deve essere adattato alla stazione da automatizzare; la cosa carina è che puoi automatizzare i transiti da un pto x ad un punto Y della stazione indicando partenza e arrivo su una tastierina. Arduino ricevuto il comando attua l'itinerario muovendo in cascata tutti i deviatoi. Io avevo realizzato anche un pannello sinottico che mostrava l'itinerario... una sorta di piccolo apparato itinerari :mrgreen:

https://www.youtube.com/watch?v=Vyf00_YcyGE

per il comando di un singolo deviatoio

https://www.youtube.com/watch?v=nPeEkN8VeZ8


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: DCC ++ chi era costui?
MessaggioInviato: giovedì 16 novembre 2017, 12:26 
Non connesso

Iscritto il: mercoledì 18 dicembre 2013, 12:11
Messaggi: 2511
Che potenza eroga?


Inviato dal mio iPhone utilizzando Tapatalk


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: DCC ++ chi era costui?
MessaggioInviato: giovedì 16 novembre 2017, 13:55 
Non connesso

Iscritto il: lunedì 18 ottobre 2010, 10:39
Messaggi: 794
Località: Sutri (VT)
Se ti riferisci alla centrale digitale Arduino Z21 (la Z21 fatta con Arduino e Motor shield) siamo a 2A; non ho provato
ad implementare un booster, ma credo non ci siano problemi; per la cronaca, la versione con WiFi, che controlli anche da smartphone e tablet, ed anche con l'app di Roco Z21, viene a costare, finita, meno di 30 euro tutto compreso!!!
E poi dicevano che Arduino non è utile nel fermodellismo...


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: DCC ++ chi era costui?
MessaggioInviato: giovedì 16 novembre 2017, 17:10 
Non connesso

Iscritto il: lunedì 23 gennaio 2006, 11:38
Messaggi: 463
Località: Brescia
Visto l'interessante argomento chiedo a lucaregoli se ti è possibile fare uno schema anche grossolano per capire i collegamenti da fare così anche per solo conoscenza vistomai l'appetito poi..... intanto grazie a tutti per le costruttive informazioni.


Top
 Profilo  
 
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 55 messaggi ]  Vai alla pagina 1, 2, 3, 4  Prossimo

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora [ ora legale ]


Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 21 ospiti


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi inviare allegati

Cerca per:
Vai a:  

Duegi Editrice - Viale Francia, 7, 35020 Ponte S. Nicolò (PD). Italy - Tel. 049.711.363 - Fax 049.862.60.77 - duegi@duegieditrice.it - shop@duegieditrice.it
Direttori di testata: Gianfranco Berto - Franco Tanel. Registro Operatori della Comunicazione n° 1199. Partita iva IT 01116210293 Tutti i diritti riservati Duegi Editrice