Oggi è martedì 25 settembre 2018, 2:39

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora [ ora legale ]




Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 29 messaggi ]  Vai alla pagina 1, 2  Prossimo
Autore Messaggio
 Oggetto del messaggio: ELIMINATE quel PASSAGGIO A LIVELLO
MessaggioInviato: venerdì 15 giugno 2018, 14:27 
Non connesso

Iscritto il: venerdì 7 dicembre 2007, 19:06
Messaggi: 1521
Località: TS, nel mitico nord-est :-)
Sbarre chiuse a <Dobbia>, protesta degli automobilisti
copiato e incollato dal piccolo

STARANZANO <TS> Non si contano gli automobilisti inviperiti che quotidianamente diventano prigionieri del passaggio a livello della linea ferroviaria Trieste-Venezia in via Dobbia, una strada di collegamento tra <Staranzano> e l'aeroporto di <Ronchi>. Quando si chiudono le sbarre, il tempo minimo di attesa varia dai 15 ai 20 minuti in diverse ore della giornata. E allora è meglio invertire la marcia e cambiare strada. Nei giorni scorsi, poi, è successo che le stanghe automatiche si sono chiuse attorno alle 14.30 e sono rimaste in quella posizione per un tempo di 35 minuti. Sono passati un treno per Venezia, un altro per Trieste e infine un treno merci. Poi il passaggio non ha dato più segni di vita. E non essendoci un casellante, nessuno è riuscito a sapere i motivi di quella lunga attesa. Ovviamente si è formata un'interminabile coda di auto nei due sensi che ha fatto perdere le staffe a tutti coloro che attendevano sfogando la propria rabbia suonando il clacson. È vero che via Dobbia è un'arteria secondaria, ma è altrettanto vero che il tratto è molto trafficato dagli abitanti della zona e da coloro che, ignari della «scorciatoia trappola», sperano di evitare il traffico urbano di Ronchi e Monfalcone, attraversando Staranzano per raggiungere in breve tempo la strada provinciale 19 per Grado. A farne le spese di questo disaggio giornaliero sono soprattutto i residenti della zona, costretti a utilizzare un percorso obbligatorio per tornare a casa dopo il lavoro. Gli abitanti sostengono che il passaggio a livello in via Dobbia, spesso durante la giornata, le Ferrovie preferiscono tenerlo chiuso il più possibile per non alzare e abbassare continuamente le sbarre. Specie quando nei due sensi ci sono passaggi di treni in poco tempo. «Siamo spiacenti di questo disagio – rispondono i responsabili di Ferrovie – ma i treni hanno la precedenza e immancabilmente sulle strade si creano difficoltà al traffico automobilistico. Nel piano di ristrutturazione dell'intera rete ferroviaria, il passaggio a livello della strada di Dobbia fa parte della lista di quelli che verranno soppressi. Questo vuol dire che appena verranno finanziate le opere, anche in quel punto verrà costruito un sottopasso come sta per essere realizzato a San Polo, al confine tra Ronchi e Monfalcone. Nella stessa zona anche per la linea Trieste-Udine verrà costruito un altro sottopasso per eliminare l'imbuto di traffico».
Riguardo al tempo esagerato della chiusura del passaggio a livello di Dobbia dell'altro giorno, l'azienda si è giustificata dicendo che si era verificato un guasto nell'automatismo che per fortuna è capitato con le sbarre chiuse. «Sarebbe stato molto pericoloso – hanno ribadito dall'ufficio relazioni - se le sbarre sarebbero rimaste aperte».

:shock: :shock: :shock: :twisted:


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: ELIMINATE quel PASSAGGIO A LIVELLO
MessaggioInviato: venerdì 15 giugno 2018, 19:58 
Non connesso

Iscritto il: martedì 31 gennaio 2006, 14:45
Messaggi: 595
Località: Trieste
http://ricerca.gelocal.it/ilpiccolo/arc ... _STAR.html

Adesso hai una strada in più con il sottopasso sul raccordo ss14 sp19...

Anche se sono state abolite le province... Staranzano è GO...


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: ELIMINATE quel PASSAGGIO A LIVELLO
MessaggioInviato: venerdì 15 giugno 2018, 20:57 
Non connesso

Iscritto il: domenica 14 marzo 2010, 21:37
Messaggi: 1279
Località: Faenza
Taurus484 ha scritto:
copiato e incollato dal piccolo

Ho capito. Se fosse stato scritto su 'Il Grande', avresti scritto
Taurus484 ha scritto:
copiato e incollato dal GRANDE


Come solito, in questo tipo di articoli non vedo cose interessanti per chi è appassionato di ferrovia.
Non insegnano cose sulla ferrovia.
Non è una notizia il fatto che un P.L. stia chiuso.

A questo si aggiunge un certo numero di errori di italiano, ma questi sono facilmente individuabili.
Sono, invece, subdole, alcune informazioni errate sulla ferrovia, alcune delle quali attribuite addiritura a RFI.

Frà esse :
- se un P.L. di quesl tipo resta aperto, il treno resta bloccato. Ritardi, ma non pericoli
- le Ferrovie non preferiscono tenere chiuso il P.L., ma devono tenerlo chiuso. Altrimenti causerebbero ritardi ai treni, e ci sarebbe un altro bell' articolo su passeggeri imbufaliti per il ritardo dei treni stessi

Fotografando treni si rischia di essere accusati di non dare una buona immagine delle ferrovie, ma peggio di quello non c' è, forse, il diffondere questo tipo di disinformazioni ?


Stefano Minghetti


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: ELIMINATE quel PASSAGGIO A LIVELLO
MessaggioInviato: venerdì 15 giugno 2018, 23:02 
Non connesso

Iscritto il: lunedì 5 settembre 2016, 13:17
Messaggi: 353
"Sarebbe stato pericoloso se le sbarre SAREBBERO state aperte".. ma a Il Piccolo lavorano giornalisti cosi' ignoranti? Accidenti, da non credersi! :mrgreen:


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: ELIMINATE quel PASSAGGIO A LIVELLO
MessaggioInviato: sabato 16 giugno 2018, 12:12 
Non connesso

Iscritto il: sabato 21 gennaio 2006, 21:34
Messaggi: 916
Località: Veneto
No, non sono ignoranti. Gli errori grammaticali sono opera del troll che, evidentemente non avendo di meglio da fare, trova anche il tempo di modificare il copia-incolla aggiungendovi gli errori.
Per quanto riguarda l'articolo, come già detto è il consueto florilegio di luoghi comuni e disinformazione.
Ad esempio apprendiamo che in quel PL incredibilmente non c'è il casellante, mentre è noto che in tutti gli altri il casellante c'è... :lol:
Poi, quando ci sarebbe l'opportunità di fare informazione, magari spiegando che in quel PL (come dappertutto) c'è un bel cartello con un numero di telefono da chiamare in caso di emergenza, si preferisce riportare che gli automobilisti si sono attaccati al clacson...


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: ELIMINATE quel PASSAGGIO A LIVELLO
MessaggioInviato: martedì 19 giugno 2018, 13:05 
Non connesso

Iscritto il: venerdì 7 dicembre 2007, 19:06
Messaggi: 1521
Località: TS, nel mitico nord-est :-)
ste.klausen21 ha scritto:
Taurus484 ha scritto:
copiato e incollato dal piccolo

Ho capito. Se fosse stato scritto su 'Il Grande', avresti scritto
Taurus484 ha scritto:
copiato e incollato dal GRANDE



ESATTO


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: ELIMINATE quel PASSAGGIO A LIVELLO
MessaggioInviato: martedì 19 giugno 2018, 13:06 
Non connesso

Iscritto il: venerdì 7 dicembre 2007, 19:06
Messaggi: 1521
Località: TS, nel mitico nord-est :-)
e 428 013 ha scritto:
"Sarebbe stato pericoloso se le sbarre SAREBBERO state aperte".. ma a Il Piccolo lavorano giornalisti cosi' ignoranti? Accidenti, da non credersi! :mrgreen:

Mannò , non ha scritto così il piccolo. Era , che il congiuntivo come lo corretto io, mi sembrava più giusto.

ML


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: ELIMINATE quel PASSAGGIO A LIVELLO
MessaggioInviato: mercoledì 20 giugno 2018, 20:17 
Non connesso

Iscritto il: domenica 14 marzo 2010, 21:37
Messaggi: 1279
Località: Faenza
Taurus,

non farai mai il capostazione, vero ?
Nè il macchinista ?

Me lo assicuri ? :D


Stefano Minghetti


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: ELIMINATE quel PASSAGGIO A LIVELLO
MessaggioInviato: giovedì 21 giugno 2018, 10:48 
Non connesso

Iscritto il: venerdì 7 dicembre 2007, 19:06
Messaggi: 1521
Località: TS, nel mitico nord-est :-)
Deve sapere sig. Stefano, che oggi i capistazione non esistono quasi più.

Infatti, le stazioni sono diventate quasi tutte <impresenziate>, che sarebbe a dire , personale di terra non ce ne stà più, infatti i capistazione gli hanno concentrati TUTTI nelle stazioni + importanti, e dopo TELECOMANDANO i semafori e i scambi dei piazzali di TUTTE e stazioni meno importanti che stanno frà una stazione importante e un'altra uguale , e così via.

Parlando invece dell'incarico di <macchinista>, non lo chieda a mè ma ai esaminatori dei vari concorsi .................. :evil:
trovano sempre una scusa per bocciarmi ..................... :evil: :evil:


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: ELIMINATE quel PASSAGGIO A LIVELLO
MessaggioInviato: giovedì 21 giugno 2018, 21:40 
Non connesso

Iscritto il: domenica 14 marzo 2010, 21:37
Messaggi: 1279
Località: Faenza
Taurus,

dammi del tù, che altrimenti mi sento vecchio !

Ho visitato qualche tempo fà la sala DCO di Bologna, da dove governano le linee dell' Emilia Romagna, tutta l' Alta Velocità italiana e la multistazione di Bologna.
E' un ufficio di grandi dimensioni, con una serie di postazioni dotate ognuna di vari video, tastiera ed altro.
Ogni postazione governa una linea, per esempio la Castel Bolognese - Ravenna, su cui stava avvenendo un incrocio a Solarolo.
Ad ogni postazione c' è una persona con qualifica almeno di capostazione (ecco dove sono finiti !), qualifica che si prende dopo uno studio, credo, non da poco.

Frà gli amici del gruppo che frequento ce n' è uno giovane che ha voluto andare a fare il macchinista.
Prima è andato a fare il manovratore, e per questo ha passato mi pare 6 mesi a studiare regolamenti, freni, agganci e sganci e quant' altro.
Ha dato l' esame teorico, col quale ha potuto poi studiare (!) per conseguire l' abilitazione alla guida di 245, E464 e non sò quali altre. Ma solo in manovra.

Poi è andato in un' altra compagnia. Quella cercava macchinisti. Ha dato un esame di ingresso quasi un anno fà e lo hanno preso a fare il corso da aiuto macchinista, pardon, da secondo agente.
E' stato 6 mesi a studiarsi di nuovo regolamenti, segnalamento, freni, e poi formazione treno, le singole locomotive, eccetera. Poi, con un esame è stato abilitato come secondo agente.

Iniziate le guide con istruttore su TAURUS ed altre, ha passato altri circa 6 mesi per studiare tutte le competenze da macchinista e per fare le ore di guida richieste (questo lo faremmo subito tutti !!), ha dato l' esame teorico, quello orale e quello pratico.
Da qualche settimana è macchinista.

Se avessi nominato troppe volte la parola studiare, allora hai la possibilità di percorrere un' altra strada. Diventa attore !
Vidi, infatti, in un film di guerra, che un gruppetto, come solito nei films, doveva saltare su una locomotiva a vapore e partire.
Il protagonista, digiuno di locomotive, salì, maneggiò qualche rubinetto, ma non mi pare fossero quelli giusti, e la locomotiva partì : una bella Br50 tedesca, o una 44 o comunque una cinque assi.

Ah, no, mi viene in mente ora. Prima di fare questo ... studiò la parte !


Stefano Minghetti


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: ELIMINATE quel PASSAGGIO A LIVELLO
MessaggioInviato: giovedì 21 giugno 2018, 22:04 
Non connesso

Iscritto il: venerdì 24 luglio 2015, 12:45
Messaggi: 527
Località: Ponteginori (Pisa)
ste.klausen21 ha scritto:
Taurus,

dammi del tù, che altrimenti mi sento vecchio !

Ho visitato qualche tempo fà la sala DCO di Bologna, da dove governano le linee dell' Emilia Romagna, tutta l' Alta Velocità italiana e la multistazione di Bologna.
E' un ufficio di grandi dimensioni, con una serie di postazioni dotate ognuna di vari video, tastiera ed altro.
Ogni postazione governa una linea, per esempio la Castel Bolognese - Ravenna, su cui stava avvenendo un incrocio a Solarolo.
Ad ogni postazione c' è una persona con qualifica almeno di capostazione (ecco dove sono finiti !), qualifica che si prende dopo uno studio, credo, non da poco.

Frà gli amici del gruppo che frequento ce n' è uno giovane che ha voluto andare a fare il macchinista.
Prima è andato a fare il manovratore, e per questo ha passato mi pare 6 mesi a studiare regolamenti, freni, agganci e sganci e quant' altro.
Ha dato l' esame teorico, col quale ha potuto poi studiare (!) per conseguire l' abilitazione alla guida di 245, E464 e non sò quali altre. Ma solo in manovra.

Poi è andato in un' altra compagnia. Quella cercava macchinisti. Ha dato un esame di ingresso quasi un anno fà e lo hanno preso a fare il corso da aiuto macchinista, pardon, da secondo agente.
E' stato 6 mesi a studiarsi di nuovo regolamenti, segnalamento, freni, e poi formazione treno, le singole locomotive, eccetera. Poi, con un esame è stato abilitato come secondo agente.

Iniziate le guide con istruttore su TAURUS ed altre, ha passato altri circa 6 mesi per studiare tutte le competenze da macchinista e per fare le ore di guida richieste (questo lo faremmo subito tutti !!), ha dato l' esame teorico, quello orale e quello pratico.
Da qualche settimana è macchinista.

Se avessi nominato troppe volte la parola studiare, allora hai la possibilità di percorrere un' altra strada. Diventa attore !
Vidi, infatti, in un film di guerra, che un gruppetto, come solito nei films, doveva saltare su una locomotiva a vapore e partire.
Il protagonista, digiuno di locomotive, salì, maneggiò qualche rubinetto, ma non mi pare fossero quelli giusti, e la locomotiva partì : una bella Br50 tedesca, o una 44 o comunque una cinque assi.

Ah, no, mi viene in mente ora. Prima di fare questo ... studiò la parte !


Stefano Minghetti


Se non mi sbaglio anche la Bologna Prato è di intera competenza del DCO di Bologna.


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: ELIMINATE quel PASSAGGIO A LIVELLO
MessaggioInviato: giovedì 21 giugno 2018, 23:18 
Non connesso

Iscritto il: martedì 28 marzo 2006, 17:03
Messaggi: 10683
Località: Dove i treni sono a vapore e gli scambi a mano
luca nannini ha scritto:
Se non mi sbaglio anche la Bologna Prato è di intera competenza del DCO di Bologna.
DCO Bologna 6ª sezione.


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: ELIMINATE quel PASSAGGIO A LIVELLO
MessaggioInviato: venerdì 22 giugno 2018, 16:12 
Non connesso

Iscritto il: venerdì 7 dicembre 2007, 19:06
Messaggi: 1521
Località: TS, nel mitico nord-est :-)
ste.klausen21 ha scritto:
Ad ogni postazione c' è una persona con qualifica almeno di capostazione (ecco dove sono finiti !), qualifica che si prende dopo uno studio, credo, non da poco.
.........................................................................
Prima è andato a fare il manovratore, e per questo ha passato mi pare 6 mesi a studiare regolamenti, freni, agganci e sganci e quant' altro.
Ha dato l' esame teorico, col quale ha potuto poi studiare (!) per conseguire l' abilitazione alla guida di 245, E464 e non sò quali altre. Ma solo in manovra.
............................................................................
E' stato 6 mesi a studiarsi di nuovo regolamenti, segnalamento, freni, e poi formazione treno, le singole locomotive, eccetera.
............................................................................
Il protagonista, digiuno di locomotive, salì, maneggiò qualche rubinetto, ma non mi pare fossero quelli giusti, e la locomotiva partì : una bella Br50 tedesca, o una 44 o comunque una cinque assi.
Ah, no, mi viene in mente ora. Prima di fare questo ... studiò la parte !

Quanta ragione avete sig. Stefano ............ infatti OGGI , siccome che è sempre più difficile trovare un lavoro , TUTTI i governi italiani schiacciano il piede sull' accelleratore dello STUDIO , e obbligano le scuole a BOCCIARE sempre di più così si allunga il brodo e gli studenti sempre studenti rimangono , così non si trovano a non trovare un lavoro e non si possono lamentare ............
e pensare , che saper guidare dalla panda al locomotore è l'istinto che lo governa , infatti se uno è portato è portato ........... non serve che uno stà ANNI sui banchi di scuola a studiarsi la TEORIA .......

PRATICA, PRATICA e ancora PRATICA quella serve veramente 8)


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: ELIMINATE quel PASSAGGIO A LIVELLO
MessaggioInviato: venerdì 22 giugno 2018, 19:52 
Non connesso

Iscritto il: domenica 14 marzo 2010, 21:37
Messaggi: 1279
Località: Faenza
Eh,
caro TAURUS, non sono mica d' accordo con quanto affermi.
Nel tempo la scuola è diventata più leggera, ed i risultati si vedono. Purtroppo.
Vale a dire che oggi è più facile diventare Perito che tanti anni fà.
Ed è più facile oggi diventare macchinista, che tanti anni fà.

Ma, come macchinista, andresti con un E428 isolato giù per la discesa dei Giovi ?
Se la risposta è sì, ecco la necessità di studiare.

La Panda la guidi sempre, in qualche modo.
Un treno, no.
Il motivo è semplice.
Una Panda è progettata in modo che qualsiasi sprovveduto (e ce ne sono) la sappia guidare.

Una locomotiva, e relativo treno, è fatto per chi ha un certo bagaglio di conoscenze tecniche.
Così, mentre è quasi facile far partire un treno, non altrettanto facile è fermarlo.
E' sufficiente che la condotta dei freni non sia correttamente accoppiata lungo il treno ed ecco che non riesci a fermarti in tempo. Auguri !

E se, anche con una moderna elettronica, hai un piccolo problema, devi saper fare a risolverlo.
C' è un filmato su youtube di un merci Portogruaro - Vicenza :
https://www.youtube.com/watch?v=0jycpTkisTA
al minuto 09:49 il sistema inizia a ripetere insistentemente "avaria - avaria - avaria". Viene mostrato il video della locomotiva che visualizza le descrizioni dei problemi che il sistema ha rilevato : poi, dopo vari tentativi, al minuto 11:00 viene mostrato l' altro video di bordo, sul quale frà le altre appare la frase "Loco di soccorso"; il sistema consiglia di chiamare riserva.
Ma il macchinista non si perde d' animo ed esegue un' altra procedura, probabilmente di riavvio della locomotiva.
E riesce a ripartire.
Notare che questo avviene in prossimità del segnale di protezione di una stazione. La linea è a semplice binario e si vede in lontananza il treno incrociante che attende in stazione.

Che significa tutto ciò ?
Significa che se non si conosce bene come funziona la locomotiva, come uscire dai problemi, come fare le varie procedure, ci si pianta in linea e si chiede soccorso troppo spesso.
E, lontano, ma a portata di telefono e di SANZIONI, c' è il DCO che non gradisce fermate impreviste. E che fà della "pressa".
A 12:38 il macchinista manda il secondo agente a controllare i freni del primo carro. E' una delle procedure che vanno applicate con pignoleria.
Se non le si applica, di solito non succede nulla, ma qualche volta non si porta a casa la pelle, propria o altrui.

Un' ultima cosa. Per studiare, occorre essere curiosi.
Se la curiosità ci ha portato a conoscere cose che ci hanno dato soddisfazione, la voglia di studiare si rafforza.


Stefano Minghetti


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: ELIMINATE quel PASSAGGIO A LIVELLO
MessaggioInviato: sabato 23 giugno 2018, 9:44 
Non connesso

Iscritto il: venerdì 7 dicembre 2007, 19:06
Messaggi: 1521
Località: TS, nel mitico nord-est :-)
ste.klausen21 ha scritto:
Ma, come macchinista, andresti con un E428 isolato giù per la discesa dei Giovi ?

DIPENDE.

Adesso , IO non conosco troppo bene il 428 perchè non l'ho guidato mai. Bisogna vedere come funziona il compressore dei freni: infatti , se putacaso il 428 ha il biellino che comanda il compressore tipo il 626 , allora anche con il locomotore isolato , a scenderlo non ci stanno problemi.
MA SE INVECE sul 428 che ripeto io lo sconosco , il compressore dei freni funziona con la corrente elettrica , in questo caso scenderlo giù dai giovi (??) sarebbe una GRAVISSIMA imprudenza a locomotore isolato , perchè una volta consumata quella poca aria che stà nei serbatoi senza corrente elettrica per far girare il compressore che gli dà la ricarica, ADDIO FRENI ......... e KAPUTT

BELLA comunque l'avventura del 483 , mi sono goduto il filmato. Il guasto comunque non era grave , infatti il macchinista ha fatto lo stesso che farei io , cioè lo ha resettato .....

ML


Ultima modifica di Taurus484 il sabato 23 giugno 2018, 9:46, modificato 1 volta in totale.

Top
 Profilo  
 
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 29 messaggi ]  Vai alla pagina 1, 2  Prossimo

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora [ ora legale ]


Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 2 ospiti


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi inviare allegati

Cerca per:
Vai a:  

Duegi Editrice - Viale Francia, 7, 35020 Ponte S. Nicolò (PD). Italy - Tel. 049.711.363 - Fax 049.862.60.77 - duegi@duegieditrice.it - shop@duegieditrice.it
Direttori di testata: Gianfranco Berto - Franco Tanel. Registro Operatori della Comunicazione n° 1199. Partita iva IT 01116210293 Tutti i diritti riservati Duegi Editrice