Oggi è venerdì 18 settembre 2020, 17:04

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora [ ora legale ]




Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 71 messaggi ]  Vai alla pagina Precedente  1, 2, 3, 4, 5  Prossimo
Autore Messaggio
 Oggetto del messaggio: Re: Film di Treni Youtube
MessaggioInviato: lunedì 11 maggio 2020, 16:32 
Non connesso

Iscritto il: sabato 4 luglio 2009, 22:25
Messaggi: 3667
Località: Brescia
Ghost Train
(in tedesco Der Geisterzug è un film poliziesco tedesco-britannico del 1927 diretto da Géza von Bolváry.
Questo è il primo di molti adattamenti filmici della commedia di Arnold Ridley "The Ghost Train", un thriller di grande successo che racconta le peripezie di una comitiva di viaggiatori abbandonata in una stazione ferroviaria infestata dai fantasmi.
Tipico prodotto da filodrammatica dilettantistica,The Ghost Train ebbe tuttavia un discreto successo sia per la buona sceneggiatura, sia per la recitazione del cast di caratteristi che permise d'integrare una situazione comica in una trama melodrammatica con risvolti “soprannaturali.”

Il film, muto, fu girato in Germania negli Staaken Studios di Berlino. Von Bolvary gestìsce al meglio un ambiente potenzialmente statico con l'abile uso della macchina da presa, con un’illuminazione d’atmosfera e con tutta una gamma di vari trucchi cinematografici, tra cui carrellate, montaggi, doppie esposizioni e didascalie animate.
Purtroppo non è più disponibile su Youtube


The Ghost Train 1931

Il treno fantasma (The Ghost Train) del 1931 diretto da Walter Forde è basato anch'esso sull' opera di Arnold Ridley, perciò ci racconta la solita storia, la nottata di un gruppo di passeggeri temporaneamente bloccati in una una remota stazione rurale
Costoro, avvertiti dal capostazione della probabile comparsa di un treno fantasma che sfreccia da e per chissà dove, si sentono minacciati da una forza latente e misteriosa.
Si scopre che alcuni criminali stanno fingendo gli strani eventi per tenere le persone lontane dalla stazione per proteggere le loro operazioni di contrabbando di armi

Da notare che le riprese delle loco e del ponte distrutto furono riutilizzate nella versione del 1941.

Locomotive

Le due protagoniste sono la GWR 6319 e la LNER 2441

- La GWR 6319 apparteneva alla classe 4300 2-6-0 (mogul) della Great Western Railway (GWR) e fu progettata da GJ Churchward per servizi a traffico misto. Ne furono costruiti, tra il 1911 e il 1932, ben trecentoquarantadue esemplari poi assorbiti dalle British Railways. Fu costruita nel febbraio del 1921 nelle officine Swindon Works a Swindon, città della contea inglese di Wiltshire, e radiata il 31/08/1963.

Immagine

La 5322 restaurata
Immagine

-GWR 4300 Class no 5322 at Didcot Railway Centre on Friday 19th April 2019
https://www.youtube.com/watch?v=rMW5Q2g2VJo

-GWR 2-6-0 No. 5322 on the Turntable at Didcot Railway Centre
https://www.youtube.com/watch?v=5Bg-xhB_-lM

-5322 on the West Somerset Railway
https://www.youtube.com/watch?v=AEo3rV0KhJQ


- La LNER 2441 Class D30/2 apparteneva alla classe LNER D29 / D30, comunemente nota come Scott. Queste locomotive a vapore 4-4-0 furono progettate da William P. Reid per la North British Railway, ed acquisite nel 1923 dalla London and North Eastern Railway. Ne furono costruite quarantatré esemplari delle quali trentacinque (dieci D29 e venticinque D30) sopravvissero fino al 1948, invece la 2441 fu radiata nel 1937.

Immagine

Immagine

LNER D29 & D30 Reid
https://www.youtube.com/watch?v=Mm0cylTVL9k

Modellismo

La classe 4300 è molto appetita dai modellisti britannici, perciò
è stata riprodotta da Hornby, Bachmann, Dapol e Mainline in scala 00 e da Heljan in 0


-Bachmann GWR 43xx | Unboxing & Review
https://www.youtube.com/watch?v=qpqstp_o0qQ
-Bachmann GWR 43xx Mogul Model Overview
https://www.youtube.com/watch?v=luwtCdz-S2Q
-Bachmann GWR 2-6-0 Class 43xx No. 5322
https://www.youtube.com/watch?v=C0YI_hNxRoA
Immagine

-Dapol 43xx Mogul Sample Preview
https://www.youtube.com/watch?v=Cn2hZwNG5s8

-Mainline Model Railways - GWR 4300 Class
https://www.youtube.com/watch?v=EMf2GF9U9Wg
-Mainline 37090 GWR 2-6-0 Class 43xx Mogul No. 5322
https://www.youtube.com/watch?v=Jlfov_HH20c

-Heljan's GWR '43XX' 2-6-0 for 'O' gauge
https://www.youtube.com/watch?v=kGLh2r5RnQA
Immagine

Immagine

-Live Steam 5 inch Gauge GWR 4300 class 2-6-0 Mogul 6365 - Great Western Railway -
https://www.youtube.com/watch?v=I77UibYDCQ8


ll film in inglese alquanto rimaneggiato e con la prima parte priva di sonoro

https://www.youtube.com/watch?v=IFybQL9v6XAT


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Film di Treni Youtube
MessaggioInviato: giovedì 14 maggio 2020, 14:20 
Non connesso

Iscritto il: sabato 4 luglio 2009, 22:25
Messaggi: 3667
Località: Brescia
Il "Piccolo Alpino", romanzo di Salvatore Gotta (18 maggio 1887 - 7 giugno 1980) pubblicato nel 1926, è un racconto d'altri tempi che ritrae un periodo drammatico della nostra storia. Qui l'autore esalta valori ormai obsoleti quali: l'amore per la Patria, l'abnegazione, lo spirito di solidarietà ed il sacrificio.

Per compiacere il regime, Oreste Biancoli ne trasse un film che fu girato a Cinecittà nella primavera del 1940, alla vigilia di altri ragici avvenimenti.

Trama
Durante la Prima Guerra Mondiale, dopo aver perso i suoi genitori in montagna durante una terribile tempesta, il piccolo Giacomino Rasi viene catturato dagli austriaci.
Sfuggito alla loro sorveglianza decide, con un amichetto, di tornare in patria, perciò si aggrega ad un reggimento di alpini e ne condivide le avversità ed i rischiosi combattimenti nelle trincee del Carso.

Dopo numerose peripezie, alla fine delle ostilità, Giacomino riesce a riconguingersi col padre e viene insignito della medaglia al valore.

Nel 1986 è stato realizzato un remake di questo film sotto forma di sceneggiato televisivo a puntate (Mino - Ein Junge zwischen den Fronten nell'edizione tedesca).

Locomotiva

Per le riprese venne allestito un treno straordinario sulla ferrovia Roma-Viterbo trainato dalla 640.125

CC 49 ed Arnaldo Vescovo commentano questo spezzone

1) al minuto 0.01 la tradotta militare in partenza dal binario 2 di Roma San Pietro;

2) al minuto 1.00 lo stesso treno si allontana da Roma San Pietro in direzione di Roma Trastevere;

3) al minuto 1.13 primissimo piano di un treno passeggeri in piena linea trainato da una vaporiera dotata del tender a carrelli da 22 metri cubi;

4) al minuto 1.22 ammiriamo la tradotta militare in arrivo sul binario 2 di Roma Monte Mario con alla testa la 640.125; notare dietro alla locomotiva la piccola carrozza passeggeri a due assi (scena ripetuta due volte);

5) al minuto 2.50 riprese dalla cabina di un tratto di linea ad un binario, probabilmente tratte da documentari FS di quel tempo;

6) al minuto 3.01 fulminea scena frontale di un treno in movimento trainato dalla 685.117.

https://www.youtube.com/watch?v=pfMUj3Gn74k


Il film completo
https://www.youtube.com/watch?v=10EsRmkbbq0


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Film di Treni Youtube
MessaggioInviato: venerdì 15 maggio 2020, 8:26 
Non connesso

Iscritto il: lunedì 16 gennaio 2006, 17:07
Messaggi: 815
Località: Viareggio
Da vedere questo filmato https://www.youtube.com/watch?v=kMAkjOk ... 4Z3dKE7xxY in cui si vede una 420 in funzione.
La 420 si vede dal minuto 37 in poi.
Carlo Pezzini


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Film di Treni Youtube
MessaggioInviato: lunedì 18 maggio 2020, 14:55 
Non connesso

Iscritto il: sabato 4 luglio 2009, 22:25
Messaggi: 3667
Località: Brescia
Nel precedente post del piccolo alpino abbiamo visto una tradotta italiana diretta al fronte italo-austriaco, ora ne vediamo un'altra per quello austro-russo.

Il buon soldato Švejk è il titolo abbreviato di un romanzo satirico incompiuto di Jaroslav Hašek. Il titolo ceco originale dell'opera (c'è solo un noto forumista in grado di tradurlo) è Osudy dobrého vojáka Švejka za světové války, letteralmente Le fatidiche avventure del buon soldato Švejk durante la guerra mondiale .

Il romanzo è ambientato al tempo della prima guerra mondiale in Austria-Ungheria, un impero multietnico affetto da molte tensioni indipendiste. Quindici milioni di persone perirono nel conflitto, un milione dei quali erano soldati austro-ungarici, di cui circa 140.000 cechi. Anche Jaroslav Hašek ne prese parte arruolato nel 91° reggimento di fanteria.

L'opera tratta temi inerenti la futilità del conflitto, ed in particolare della disciplina militare austriaca dileggiata tramite un contesto assurdamente comico.
Il protagonista è il commerciante boemo di cani Josef Švejk (Josef Schwejk in tedesco) nella Praga dell'inizio del XX secolo, (quando le guerre mondiali non erano ancora numerate), che, tramite una finta idiozia o incompetenza, riesce ripetutamente a frustrare l'autorità militare trasformando la sua stupidità in una forma di resistenza passiva

La storia inizia a Praga con la notizia dell'assassinio di Sarajevo che fa precipitare gli eventi; Švejk mostra un tale entusiasmo nel servire fedelmente l'imperatore austriaco che nessuno può stabilire se è solo un imbecille o se sta minando abilmente lo sforzo bellico. Reclutato diventa l'attendente del capellano Lukáš, col suo reggimento intraprende un lungo viaggio in treno verso la Galizia ed il fronte orientale.
Il romanzo, incompiuto per la morte dell'autore, si interrompe bruscamente prima che Švejk abbia la possibilità di essere coinvolto in qualsiasi combattimento.

Die Abenteuer des braven Soldaten Schwejk (Le avventure del buon soldato Schwejk) è una serie televisiva prodotta da ORF e ZDF e diretta da Wolfgang Liebeneiner. Si basa sul romanzo di Jaroslav Hašek ed è stata trasmess dal 1972 al 1977. La prima stagione con sei episodi ebbe un grande successo, in seguito ne furono girati ulteriori sette per la seconda stagione.

Location

Le riprese furono effettuate a Vienna e dintorni, in particolare a Krems an der Donau (che è raffigurata come Praga), presso il cantiere di Corneuburg (raffigurato come "Marine munitionslager Trieste"), e nel Weinviertel ( località nel nord-est della Bassa Austria) precisamente nelle stazioni di Karnabrunn e Niederleis, sulla ferrovia locale Korneuburg-Honau.

Ulteriori scene ferroviarie furono girate a Gramatneusiedl, a Bruck an der Leitha, a Parndorf e Kittsee, utilizzando un treno della Graz-Kàflacherbahn composto dalla locomotiva a vapore 56.3190 e da vecchi vagoni della Stiria.

Locomotiva

La protagonista è locomotiva a vapore 56.3190, delle "kaiserlich-königliche Staatsbahnen" (abbreviato come "kkStB" o "k.k.St.B.").

Immagine

Immagine

Tra il 1895 e il 1910 ben153 unità vennero costruite dalle più importanti fabbriche dell'impero austroungarico: Lokomotivfabrik Floridsdorf, Wiener Neustädter Lokomotivfabrik, Lokomotivfabrik der StEG e Böhmisch-Mährischen Maschinenfabrik, e furono numerate 5601–5753 (dal 1905 56.01–153).

vedi: Karl Gölsdorf, Lokomotivbau in Alt-Österreich 1837–1918, Verlag Slezak, 1978.


Modellismo

Mi risulta che nessuna azienda abbia riprodotto in H0 le “60”, forse l'ha fatto qualche artigiano.
Chi ne fosse al corrente è pregato di segnalarlo


You tube ha eliminato dal palinsesto le puntate in alta definizione

qui vi propongo la partenza della tradotta per il fronte
https://www.youtube.com/watch?v=a0lOLxoa2tw

Incomprensibilmente la banda ceca suona "Muß i denn muß i denn zum Städtele hinaus", la canzone folk tradizionale tedesca del 1827 composta, in dialetto svevo, da Friedrich Silcher.

Qui potete vederne il testo con traduzione inglese
https://www.youtube.com/watch?v=1CIimgUq7ic)

"Muss i denn" parla di un uomo che deve intraprendere il suo "Wanderjahr" (termine usato per indicare l'anno trascorso in viaggio da un apprendista per affinare le proprie competenze professionali prima di metterle in pratica) e che è costretto a lasciare la donna che ama giurandole di rimanerle fedele fino a quando tornerà per sposarla.

La musica è stata particolarmente apprezzata dai militari tedeschi che la utilizzarono come marcia.
https://www.youtube.com/watch?v=kHl0OlxRdjo

La sua melodia è diventata univeralmente nota grazie all'adattamento " Wooden Heart " di Elvis Presley del 1960,

https://www.youtube.com/watch?v=Hlbu6SsjlSE
https://www.youtube.com/watch?v=wBSIpBpsQJQ

Muss I Denn cantata da Marlene Dietrich,
https://www.youtube.com/watch?v=vh5afOlWzpM

da Nana Mouskouri nel 1978 durante la trasmissione della ZDF Starparade.
https://www.youtube.com/watch?v=4fnT8OhL7yI


Per chi volesse vedere le 13 puntate in lingua tedesca

https://www.youtube.com/watch?v=OfMdakd ... t8OfvWw0rN


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Film di Treni Youtube
MessaggioInviato: giovedì 21 maggio 2020, 21:05 
Non connesso

Iscritto il: sabato 4 luglio 2009, 22:25
Messaggi: 3667
Località: Brescia
Terror train è un film orror americano del 1980

All’epoca ottenne un discreto successo, molti lo considerano un cult tuttavia, secondo la mia opinione, è un film decisamente mediocre, e la sua fama è in gran parte immotivata.

Trama
Un gruppo di studenti organizza un party, durante il quale i nuovi iscritti al college dovranno pagare lo scotto della loro iniziazione. A farne le spese è un ragazzo fragile e timido, che diviene vittima di uno scherzo orribile. Qualche anno dopo, la stessa vivace comitiva noleggia un treno speciale, a bordo del quale viene organizzata una festa in maschera. Per rendere ancora più movimentata la serata, è stato ingaggiato un mago che dimostra abilità strabilianti. Tutto sembra procedere per il meglio fino a quando un misterioso assassino inizia a seminare il panico tra le cuccette…....

Il film fu girato in quattro settimane a bordo di un vero treno, le cui carrozze furono convertite per far spazio alle apparecchiature cinematografiche.
Tutte le riprese furono filmate di notte, pertanto le scene all' interno ed all'esterno del treno sono piuttosto buie

Curiosa è la presenza di David Copperfield che qui, ancora giovane ed imberbe, impersona il mago invitato a bordo per rallegrare i liceali. Fa una certa impressione vederlo compiere numeri di magia e sapere che dì li a poco sarebbe diventato l'illusionista più famoso del mondo

Locomotiva

La protagonista è la Canadian Railway n. 1293 appartenente alla classe G-5d Light Pacific 4-6-2; fu costruita nel giugno del 1948 dalla Canadian Locomotive Company Ltd, ed è tuttora in condizioni operative nella favolosa collezione di Jerry Jacobson in Ohio.

Fu utilizzata per il servizio passeggeri, ma accantonata dopo soli otto anni di servizio perchè sostituita da locomotive diesel meno onerose. Nel 1964 fu acquistata e restaurata da F. Nelson Blount per utilizzarla nella sua “Steamtown” a Bellows Falls, Vermont.
Ridipinta con una combinazione di colori verde e nero, nel 1976 venne noleggiata dallo stato del Vermont per effettuare escursioni turistiche. (non ho trovato la relativa foto)

Immagine

Immagine


Immagine

Quel curioso “scatolotto” a forma di parallepipedo che vedete posto davanti al camino è la parte esterna dell' “Helesco type A superheater” (surriscaldatore). Da notare inoltre l'assenza del duomo del vapore, ritenuto superfluo secondo la moda d'allora.

Immagine

Nel 1980 fu affittata dalla 20th Century Fox, venne ribatezzata "1881", e ridipinta nella la classica livrea della Canadian Pacific nera, grigia, tuscan red ed oro per essere utilizzata nelle riprese del film horror Terror Train (1980), interpretato da Jamie Lee Curtis.

Immagine

Nel 1996 fu acquistata e restaurata dalla "Ohio Central Railroad".

Modellismo

Nessuna azienda ha riprodotto le CP G-5d Light Pacific,
Rivarossi e Mehano hanno spacciato per "light" delle loro "Heavy", ma solo Mantua e poi Bachmann hanno riprodotto delle vere Light Pacific, ma non le canadesi.

Immagine

Il film in italiano

https://www.youtube.com/watch?v=jlPaCuaoO-k


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Film di Treni Youtube
MessaggioInviato: lunedì 25 maggio 2020, 15:04 
Non connesso

Iscritto il: sabato 4 luglio 2009, 22:25
Messaggi: 3667
Località: Brescia
Moebius è un film del 1996 diretto dal regista argentino Gustavo Mosquera, basato su un racconto del 1950 di Armin Joseph Deutsch intitolato "Una metropolitana chiamata Moebius" (A Subway Named Möbius).

Trama
Un giovane topologo di nome Daniel Pratt viene incaricato di indagare sulla misteriosa scomparsa di un treno nella metropolitana di Buenos Aires. Dopo un incontro con il direttore, Pratt ricerca i progetti relativi ai lavori dell'ultimo ampliamento della rete e scopre che un suo vecchio professore dell'Università ha ideato il progetto e che ha preso le copie dello stesso. Dopo averlo cercato inutilmente, riesce ad entrare nel suo appartamento, consulta quindi il materiale trovato in casa del professore e, da buon topologo ipotizza che il treno sia scomparso a causa dell'elevata complessità della rete che ha generato una sorta di nastro di Möbius.

Questa teoria non convince le autorità e quindi Pratt cerca il treno fantasma. Ci riesce solo quando ha perso ogni speranza, scopre, una volta a bordo, che i passeggeri sono come in stato di trance, mentre alla guida trova il suo vecchio professore al quale chiede spiegazioni.
Il giorno dopo il treno scomparso viene ritrovato del tutto vuoto, il direttore della metropolitana rinviene sul pavimento del convoglio il quaderno degli appunti di Pratt.
Subito dopo questi viene avvisato che un altro treno è scomparso...........

Location
Il film è ambientato quasi tutto in una labirintica e desolata stazone metropolitana di Buenos Aires che si chiama Borges.
Il treno scomparso è la metafora del dramma dei desaparecidos argentini, differenziandosi decisamente dal racconto di Deutsch.

La sparizione del convoglio ed altre parti del film sono state girate con una macchina da presa 35 mm del 1926

La storia di Armin Joseph Deutsch si ispira alla leggenda italiana del treno La Zanetti.

Il 14 luglio del 1911 la società ferroviaria La Zanetti inaugurò un nuovo treno turistico che, partendo da Roma, avrebbe attraversato gli Appennini, diretto verso Milano. I 106 viaggiatori del battesimo del treno furono perlopiù scelti tra borghesi e familiari del personale de La Zanetti. Il treno partì da Roma attraversando lentamente le campagne per permettere ai viaggiatori di godersi lo splendido paesaggio rurale.

La tragedia arrivò inaspettata ed improvvisa quando, per attraversare una zona collinare tra Emilia e Lombardia, il treno entrò in un lungo tunnel. Questo si riempì all’improvviso di densa nebbia biancastra che inghiottì tutte le carrozze, ed il convoglio svanì nel nulla con tutti i suoi passeggeri.
Solo un paio di viaggiatori si salvarono, costoro, sollecitati da un senso opprimente ed inspiegabile di pericolo, si buttarono dal treno prima che entrasse nella galleria.

Si sa pochissimo dei due superstiti, ma è grazie a loro che la dinamica dei fatti è filtrata oltre il silenzio imposto da La Zanetti. La società cercò in ogni modo di smentire l’episodio che ne avrebbe probabilmente causato il fallimento prematuro.
Durante la Prima Guerra Mondiale il tunnel è andato distrutto in circostanze poco chiare, così nessuno ha potuto fare ulteriori indagini riguardanti il convoglio scomparso.

Da dove nasce la leggenda del treno La Zanetti?

Il film Moebius in italiano

https://www.youtube.com/watch?v=de6YWNNAMpI


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Film di Treni Youtube
MessaggioInviato: giovedì 28 maggio 2020, 16:25 
Non connesso

Iscritto il: sabato 4 luglio 2009, 22:25
Messaggi: 3667
Località: Brescia
The Ghost Train - Il treno fantasma è un film thriller inglese del 1941 diretto da Walter Forde, il terzo remake basato sull'omonimo dramma del 1923 scritto da Arnold Ridley.
Non è un capolavoro, tuttavia è abbastanza gradevole.

Immagine

Trama

Tommy Gander, un comico di vaudeville, provoca l'arresto di un treno espresso della GWR per poter recuperare il suo cappello cadutogli dal finestrino. Tornato a bordo, sfugge alle ire del conduttore rifugiandosi in uno scompartimento occupato da un'attraente bionda e da altri due passeggeri.

Quando il treno si ferma a Fal Vale Junction ( Cornovaglia ), i quattro scendono con altre persone per prendere una coincidenza, ma Il capostazione li avverte che l'ultimo espresso per Truro (cittadina della Cornovaglia) è già partito e che loro non possono rimanere nella stazione che sta chiudendo per la notte. I passeggeri insistono per rimanere perchè piove a dirotto ed il villaggio più vicino è a quattro miglia di distanza.

Costui tenta allora di diffidarli, e li intimorisce con la storia di un incidente accaduto 43 anni prima su una diramazione della linea che attraversava un fiume mediante un ponte girevole. Accadde che il responsabile della manovra ebbe un infarto fatale mentre tentava di chiuderlo, facendo così precipitare un convoglio nel fiume. Da allora un treno fantasma si sente periodicamente transitare sulla tratta abbandonata, e si dice che uccida chiunque lo guardi.

La storia è inverosimile ed i passeggeri ne ridono, tuttavia una certa atmosfera di disagio si diffonde tra loro, accresciuta da alcuni fatti poco chiari che si verificano, e che culminano con il passaggio fragoroso del presunto treno fantasma. Ma alla fine si viene a sapere che tutta la storia è una manovra organizzata da elementi della quinta colonna nazista per trasportare di nascosto ed indisturbati armi e munizioni.

Locations

Le riprese iniziarono nel febbraio 1941 e si sono svolte principalmente presso gli Lime Grove Studios di Shepherd's Bush, mentre altre sono state effettuate nei dintorni di Teignmouth e di Dawlish Warren nel Devon.
Da notare la spettacolare caduta nel fiume di una vera locomotiva, scena tratta dalla versione del 1931.

Immagine

La locomotiva

Nel film compare una castle GWR 4-6-0, progettata da Charles Collet, che transita lungo la diga di Teignmouth,

Immagine

però non distinguo bene la matricola presente tra i respingenti, per logica deduzione potrebbe essere la 4084 Aberystwyth Castle, oppure la 4094 Dynevor Castle.

Immagine

Quale delle due è stata utilizzata nel film?

La GWR 4084 “Aberystwyth Castle” fu costruita nel maggio del 1925 dalle Swindon Works (GWR/British Railways) e radiata 11/10/1960

Immagine

Immagine

La GWR 4-6-0 No 4094 “Dynevor Castle” fu costruita nelle officine di Swindon nel maggio 1926, rimase in servizio fino al marzo 1962, demolita nell'aprile 1962.

Immagine

Modellismo

Solamente Airfix ha riprodotto la 4084 “Aberystwyth Castle”

Immagine

Immagine

Immagine

ma nessuno la 4094 “Dynevor Castle”

Il film in inglese

https://www.youtube.com/watch?v=mcaGaAv8v8I


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Film di Treni Youtube
MessaggioInviato: martedì 2 giugno 2020, 15:14 
Non connesso

Iscritto il: sabato 4 luglio 2009, 22:25
Messaggi: 3667
Località: Brescia
Continuo con la presentazione di vecchi film ignorati o misconosciuti

Rome Express,

Immagine

Immagine


un film del 1932 diretto da Walter Forde, basato su una storia di Clifford Grey, è un delizioso comedy-thriller, un'imitazione britannica della formula Hollywoodiana “Grand Hotel” che mette in mostra il top degli attori inglesi d'allora.

È stato un enorme successo commerciale osannato dalla critica perchè abbandonava gli standard britannici del tempo.

Nel decennio successivo il film è stato un'ovvia ispirazione per altre opere epiche di thriller in treno (Intrigue on the rail) quali:

- Seven Sinners (di Albert de Courville, 1936),
https://www.youtube.com/watch?v=B_SNL8yIW40

- The Lady Vanishes (di Alfred Hitchcock, 1938)
https://www.youtube.com/watch?v=nZvEXSM ... J-pH_wBKSH

- Night Train to Munich (di Carol Reed, 1940)
https://www.youtube.com/watch?v=BVam6L-FJlI

Credo che Agatha Christie si sia ispirata all'opera di Forde nello scrivere “Murder sull'Orient Express” che è stato pubblicato due anni dopo l'uscita del film.

Rome Express è stato rifatto nel 1948 col titolo “ Sleeping Car to Trieste”.

Il Rome Express è stato un collegamento ferroviario notturno congiungente Parigi con Roma. Il primo, gestito dalla CIWL, iniziò l'8 dicembre 1883 e fu instradato via Nizza per aggirare l'impegno assunto dalla Società Ferrovie dell'Alta Italia con la Pullman Company che riguardava il Frejus (il vincolo copriva il periodo 1874-1888). Nel 1890 iniziò un servizio di carrozze letto Calais - Roma in composizione a treni ordinari e nel 1897 iniziò un servizio di sole carrozze letto con vettura ristorante. Dal 1926 la tratta Modane - Livorno fu elettrificata con corrente trifase.

Trama
Praticamente l'intera scena si svolge sull'espresso Parigi-Roma, (all'epoca era il mezzo più veloce per attraversare l'Europa)

Al giorno d'oggi questo è uno scenario logoro, ma era nuovo nel 1932 e Forde impiega il suo tempo a costruire la tensione.
In effetti, la maggior parte della prima metà del film è dedicata a presentarci una grande varietà di personaggi buoni, cattivi, e simpatici, un vero e proprio coacervo di ladri, truffatori, adulteri, vittime di ricatti, tutti in qualche modo collegati con il furto di un dipinto inestimabile.

Proprio mentre il treno parte da una stazione di Parigi, Zurta un figuro sinistro ed il suo compare Tony riescono a salire sul Rome Express sulle tracce di un prezioso dipinto di Van Dyck, recentemente rubato da una galleria di Parigi. Con suo grande dispiacere trova il treno popolato da un variegato assortimento di passeggeri, tra cui amanti adulteri, un fanatico del golf molto fastidioso, un ispettore della Sûreté ed una star del cinema muto americano, ognuno dei quali potrebbe avere il dipinto che cerca disperatamente.

McBain, un ricco uomo d'affari in viaggio apprende che il dipinto non è ancora stato recuperato, afferma quindi che avrebbe fatto qualsiasi cosa per entrarne in possesso.
Si apprende poi che è in possesso di un certo Poole, nascosto nella sua valigetta da cui non si separa mai, Zurta per impadronirsene lo uccide. Quando il corpo viene scoperto da controllore, l'ispettore di polizia interrog tutti coloro che sono stati in contatto con Poole. Zurta viene a sapere che McBain l'ha recuperato, ma nel tentativo di fuggire viene ucciso.

Il film è stato girato negli “Lime Grove Studios” a Shepherd's Bush, un quartiere di Londra, appartenente al distretto del Hammersmith e Fulham, situato nella zona ovest della città.

Il film
https://www.youtube.com/watch?v=EI2g31heJfs

https://www.videodetective.com/movie/rome-express-29382


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Film di Treni Youtube
MessaggioInviato: venerdì 5 giugno 2020, 10:27 
Non connesso

Iscritto il: sabato 4 luglio 2009, 22:25
Messaggi: 3667
Località: Brescia
Sleeping Car to Trieste film del 1948, diretto da John Paddy Carstairs, è un remake di uno dei migliori melodrammi ferroviari degli anni '30: il "Rome Express", già presentato.

Immagine

Il "MacGuffin" del film è un diario che contiene importanti informazioni politiche. (Il vocabolo MacGuffin è un termine coniato dal celeberrimo regista Alfred Hitchcock, serve ad identificare il mezzo mediante il quale si fornisce dinamicità ad una trama. E' il motore virtuale e pretestuoso di un intrigo, qualcosa che per i personaggi del film ha un'importanza cruciale, attorno al quale si crea enfasi e si svolge l'azione, ma che non possiede un vero significato per lo spettatore.)

L'ambientazione è quasi interamente incentrata sull'Orient Express che collega Parigi e Trieste dopo la seconda guerra mondiale.

Trama

Valya e Zurta sono agenti stranieri che rubano ad un diplomatico di un'ambasciata di Parigi un prezioso diario di segreti politici cruciali il cui contenuto potrebbe innescare una guerra. Ma sorgono due problemi inaspettati.
In primo luogo, Zurta ha dovuto uccidere un servitore nell'ambasciata per effettuare il furto e scappare.
In secondo luogo Karl il complice, al quale il diario è stato affidato, sta fuggendo sull'Orient Express per vendere il diario per una grande somma di denaro.

Gli agenti cercano di ricuperarlo, appena in tempo salgono sul treno ed iniziano a cercare Karl che tenta di nascondesi. Il treno è lungo, ci vuole tempo per rintracciare qualcuno quando non è noto il suo scompartimento, e la ricerca deve essere fatta con giudizio per non suscitare troppa curiosità tra il personale viaggiante.

Alcuni passeggeri sono coinvolti: un sergente dell'esercito americano, una coppia adultera, un agente di cambio idiota, un ricco scrittore, il suo segretario alquanto picchiatello, un ornitologo ed un ispettore di polizia francese.
Tra loro troviamo individui, buoni e cattivi che sperano di impadronirsi del diario per i propri scopi. Questo passa per le mani di diverse persone e, quando una viene uccisa, l'ispettore di polizia Jolif, che insegue gli agenti, si occupa del caso. Ma accadono molti colpi di scena prima che i colpevoli vengano puniti e gli innocenti ricompensati.

Immagine

Immagine

Il film in inglese

https://www.youtube.com/watch?v=wUu-qlfFBlE


Considerazioni

Il film è stato girato nel 1948, Valya e Zurta provengono da un paese dell'Europa orientale e Zurta non può rientrarvi per qualche motivo politico (su cui Karl conta). Ma il diario, se pubblicato, danneggerebbe l'attuale regime ed anche potrebbe provocare un'altra guerra europea.

Qual'è questo paese e perché l'Occidente (rappresentato dall'ispettore francese) vuole il diario rubato?

Ovviamente la risposta si trova nel titolo: "Sleeping Car to Trieste". Trieste, l'ultima fermata europea "occidentale" dell'Orient Express, si trova al confine tra Italia e Jugoslavia.

Nel 1948, dopo la fine della seconda guerra mondiale, la Jugoslavia era uno degli stati comunisti alleati con l'Unione Sovietica, ma Tito, capo del governo, instaurò un regime di stampo socialista retto dalla Lega dei Comunisti Jugoslavi.
Nel1948 iniziò un progressivo allontanamento da Stalin per poter governare liberamente l'economia del proprio paese e farla sviluppare.
Dopo diversi dissidi con Mosca sulla politica estera e su quella interna, nel 1948 la Jugoslavia fu espulsa dal Cominform e ne restò fuori per sempre, uscendo definitivamente dall'orbita di influenza sovietica.

Ma la Jugoslavia era formata da sette nazioni, e se fossero state messe l'una contro l'altra il sistema sarebbe crollato. Perciò sostenere Tito era nell'interesse dell'Occidente sostenere Tito.

Dunque questo film offre una trama da leggere su più livelli.
Zurta, prima del 1945, forse era un ufficiale delle truppe cetniche che Tito ed i suoi partigiani sconfissero e decimarono. Non ama il nuovo regime e vorrebbe che il diario venisse pubblicato per distruggere quel delicato equilibrio di nazionalità, crollato poi negli anni '80 dopo la morte di Tito.

Nota
Il Territorio Libero di Trieste fu previsto nel 1947 all'interno del trattato di pace degli Alleati con l'Italia alla fine della seconda guerra mondiale, ed era diviso in due zone:

- la Zona A di 222,5 km² con circa 310 000 abitanti (di cui, secondo stime alleate, 63 000 sloveni) partiva da San Giovanni di Duino, comprendeva la città di Trieste e terminava presso Muggia ed era amministrata dal governo militare alleato.

- la Zona B (capoluogo Capodistria) comprendeva la parte nord-occidentale dell'Istria, di 515,5 km² con circa 68 000 abitanti (51 000 italiani, 8 000 sloveni e 9 000 croati), amministrata dall'esercito jugoslavo

Il 5 ottobre 1954 venne firmato a Londra un memorandum d'intesa in cui Italia e Jugoslavia si spartivano provvisoriamente il Territorio con il passaggio della Zona A all'amministrazione civile italiana, e la Zona B a quella jugoslava, però la linea di demarcazione fra le due zone venne spostata a favore della Jugoslavia.


l passaggio dei poteri dall'amministrazione alleata a quella italiana avvenne il 25 ottobre 1954.
La presa di possesso della zona A avvenne il 26 ottobre 1954, a festeggiare c'ero anchio.
Nel 1975 un nuovo trattato firmato a Osimo dava copertura giuridica allo status quo tra Italia e Jugoslavia.


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Film di Treni Youtube
MessaggioInviato: lunedì 8 giugno 2020, 15:03 
Non connesso

Iscritto il: sabato 4 luglio 2009, 22:25
Messaggi: 3667
Località: Brescia
Il treno della notte (Pociąg), un film del 1959 diretto da Jerzy Kawalerowicz, è un thriller psicologico polacco ambientato a bordo di un treno notturno che congiunge Lodz col Mar Baltico.

L'opera ha un impronta Hitchcockiana, anche se lo stile di Kawalerowicz è decisamente più cupo di quello di Hitchcock perchè coniuga thriller, mistero ma anche dramma.
Le immagini in bianco e nero potenziano l'atmosfera tetra del film, ed amlificano l'aura enigmatica che circonda il personaggio principale. Nel film si colgono appieno l'inquietudine, il malessere, un senso di alienazione e di impotenza che coinvolgono tutti i personaggi.

Mi dilungo un po' con la storia perchè Youtube pubblica solo la versione originale in lingua polacca.

Trama

Stazione di Łódź (Polonia centrale), è sera, dei passeggeri stanno salendo sul treno notturno a lunga percorrenza che li porterà al mare. Uno di loro Jerzy, un uomo di mezza età, appare molto nervoso, è privo del biglietto e molto desideroso di salire a bordo, perciò ne paga due alla conduttrice per riservarsi l'intera cabina nonostante il treno sia sovraffollato.

Lei rimane sorpresa, ma la sua attenzione viene attratta da un'altra viaggiatrice, Marta una giovane donna che ha un biglietto assegnato ad un passeggero maschio per la medesima cabina, e che si è già insediata nella sua cuccetta. Costei afferma di averlo comprato da un uomo, ma insospettisce la conduttrice che che non vuole lasciarla viaggiare a bordo.

E' evidente che Jerzy ha un'assoluta esigenza di privacy; in un primo momento sembra desideroso di sbarazzarsi di lei, ma in seguito, per sbloccare la spiacevole situazione,
a malincuore accetta di lasciarla rimanere.

Entrambi sembrano volersi nascondere, Marta dal suo ex amore Staszek che viaggia in uno scompartimento di classe inferiore, Jerzy da un oscuro motivo.

ll treno parte da Lodz, l'atmosfera tesa è ancora presente, Jerzy è nervoso, Marta è
tranquilla, entrambi preferirebbero viaggiare da soli, ma dopo un certo tempo iniziano a parlare tra loro. La schiettezza e la bellezza di Marta affascinano uno Jerzy seducente e misterioso che, come chirurgo, stà vivendo un dramma emotivo causato dalla morte di uno dei suoi pazienti.

Tutti i giornali serali di Lodz hanno gli stessi titoli, si tratta di omicidio e di un assassino in fuga: la caccia all'uomo che ha ucciso sua moglie è in pieno svolgimento. I passeggeri cominciano a chiedersi se tra loro ci sia il colpevole, nei corridoi del treno si affollano intorno a chi ha i giornali, eccitati dagli efferati dettagli speculando e spettegolando.
Mi ricordano i personaggi comprimari dei film di Hitchcock.

Jerzy, le cui motivazioni sono misteriose e torbide è subito sospettato:
Chi è quest'uomo?
Dove sta andando?
Dov'è stato?

Nella sequenza cruciale l'identità dell'assassino viene svelata e, come sospettato, è proprio sul treno. Il colpevole scivola attraverso i compartimenti prima di tirare il freno di emergenza, per fermare il treno e fuggire nel vasto vuoto della campagna polacca. I passeggeri, scesi dal treno ormai fermo, lo inseguono e lo catturano in un vecchio cimitero, una scena che mi ricorda il film di Fritz Lang “M” del 1931

La locomotiva

Nel film non si vede la locomotiva, ma mi piace pensare che si trattasse di una Mikado Pt47
Dal 1948 ne furono prodotte 180, la maggior parte delle quali furono assegnate alle linee principali del paese. Con il progredire dell'elettrificazione, dalla metà degli anni '70 furono retrocesse a mansioni secondarie, tuttavia nel 1980 le PKP ne utilizzavano ancora 156 esemplari.


Le loro progenitrici erano le locomotive della classe Pt31,

Immagine

Immagine

costruite tra il 1932 e il 1940, sono considerate le migliori vaporiere polacche pre WWII. Dopo la seconda guerra mondiale, la carenza di locomotive per treni espressi era particolarmente acuita. perciò nel 1947 si decise di produrre delle Pt31 modificate.
La nuova variante venne designata Pt47 e differiva dalle precedenti in diversi dettagli.
Esternamente le Pt47 si distinguevano dalle Pt31 principalmente per avere il duomo e le sabbiere racchiuse da una singola carenatura, erano diversi i deflettori del fumo, e le cabine di guida erano completamente chiuse.

Immagine

Non credo che l'ipotetica locomotiva fosse una delle Pacific Pm36 del 1936

Immagine

Immagine

perchè, contrariamente a quello che accadeva in molte ferrovie europee (soprattutto in Germania e nel Regno Unito), le Mikado Pt47 erano più adatte a soddisfare le esigenze delle PkP, (Polskie Koleje Państwowe ) "ferrovie statali polacche", che erano dotate di poche linee adatte all'alta velocità. Quindi per quelle tratte raramente furono utilizzate le Pacific Pm36, tuttavia di queste furono realizzati due esemplari carenati: la Pm36 1 e la 2
ovvero l'orgoglio delle PKP.

Immagine

Immagine

Oggi i principali musei ferroviari polacchi ne conservano un esemplare: nel Museo ferroviario di Varsavia c'è la (Pt47-104), nel Museo dell'industria e delle ferrovie di Jaworzyna Śląska la (Pt47-78), nel Deposito locomotive di Zduńska Wola Karsznice la (Pt47-93), nel Chabówka heritage park la (Pt47-152) e nel Deposito locomotive di Kościerzyna la (Pt47-171 ).

Immagine


Modellismo

La Brawa è l'unica azienda che ha riprodotto delle autentiche vaporiere polacche, e precisamente il modello n.40411, la Polish Steam Locomotive Class Pt31-53

Immagine

Immagine

La Pm36 1 carenata artigianale

Immagine

Il film in polacco (consiglio di leggere prima la trama per superare le difficoltà della lingua)

https://www.youtube.com/watch?v=eCedd2nfvYw


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Film di Treni Youtube
MessaggioInviato: sabato 13 giugno 2020, 19:20 
Non connesso

Iscritto il: sabato 4 luglio 2009, 22:25
Messaggi: 3667
Località: Brescia
Assassinio sull'Orient Express (Murder on the Orient Express) è un film del 2017 diretto ed interpretato da Kenneth Branagh.

Immagine

Basato sull'omonimo romanzo del 1934 di Agatha Christie, è la seconda trasposizione cinematografica del libro dopo quella del 1974 diretta da Sidney Lumet.

La Christie lo scrisse durante un suo soggiorno ad Istanbul, fu pubblicato a puntate dal settimanale statunitense The Saturday Evening Post nell'estate del 1933, mentre l'anno successivo fu stampato in forma completa dall'editore inglese Collins Crime Club; in Italia fece la sua comparsa nel 1935, edito da Mondadori col titolo Orient Express.

Trama
In versione succinta
La storia è semplice e si svolge a tra le carrozze del famoso e lussuoso treno che collega Istanbul con Londra. Una tormenta di neve lo blocca e, durante la notte, un passeggero viene ucciso in circostanze misteriose. A bordo si trova anche il detective Hercule Poirot chiamato a risolvere una difficilissima indagine. Non si tratta solo di un “normale” omicidio: dietro il pugnale che uccide la vittima si cela un secondo racconto (peraltro ispirato ad una vicenda reale: il rapimento e la morte del figlio del celebre aviatore Charles Lindbergh) che sarà la chiave che consentirà la soluzione del delitto.

Trama in versione completa

Gerusalemme nel 1934. Il detective belga Hercule Poirot dopo avr risolto il caso di un furto alla Basilica del Santo Sepolcro, desidererebbe riposarsi ad Istanbul, ma deve tornare a Londra per un altro problema. Il suo amico Bouc, direttore dell'Orient Express, gli offre un passaggio sul treno, qui conosce un sinistro uomo d'affari, Samuel Ratchett, che vorrebbe assumerlo come guardia del corpo durante i tre giorni di viaggio perchè ha ricevuto delle lettere minatorie.

Poichè Poirot sa che gli affari dell'uomo sono illegali (traffici di opere d'arte, per lo più false) e che si è fatto molti nemici, rifiuta l'offerta non solo perché non lo considera innocente, ma soprattutto perché non vuole essere coinvolto da un simile individuo.

Quella stessa notte Poirot sente strani rumori provenienti dallo scompartimento di Ratchett e vede qualcuno con un kimono rosso correre lungo il corridoio. Durante la medesima notte, una valanga blocca il treno, costringendolo a fermarsi in attesa di soccorso dalla stazione più vicina.

Il mattino seguente Poirot scopre che Ratchett è stato assassinato con 12 pugnalate inferte alla cieca, alcune più profonde altre più superficiali. Dopo l'arrivo dei soccorsi che iniziano a liberare il treno dalla neve, svolge le indagini: le prove indicano che Ratchett è stato assassinato da una sola persona.

Caroline Hubbard, una passeggera, afferma che la notte precedente si accorse che un uomo era entrato nel suo scompartimento. Durante il sopralluogo rinviene delle annotazioni che collegano Ratchett al rapimento di Daisy Armstrong, figlia del colonnello John Armstrong, rapita e tenuta in ostaggio per un riscatto, ma ritrovata morta dopo il pagamento.

Nel foglio Ratchett viene identificato come John Cassetti, il rapitore e l' assassino di Daisy. La morte della piccola aveva causato un terribile shock alla madre Sonia Armstrong che, incinta del secondo figlio, non soppravvisse al parto prematuro. Il padre di Daisy, il colonnello Armstrong, a seguito delle terribili sciagure capitate alla sua famiglia, si uccise.

Altre prove vengono scovate: un fazzoletto macchiato di sangue ed il bottone dell'uniforme di un conduttore rinvenuto nello scompartimento della signora Hubbard. L'uniforme viene in seguito trovata, così come il kimono, nella valigia di Poirot. Poi la signora Hubbard viene pugnalata alla schiena, sopravvive ma non riesce a identificare il colpevole.

Poirot comprende che molti passeggeri sono direttamente collegati alla famiglia Armstrong. Mentre interroga la governante Mary Debenham, il medico John Arbuthnot gli spara colpendolo ad una spalla sostenendo di essere lui l'assassino, ma viene fermato da Bouc. Poirot si rende conto che l'ex cecchino dell'esercito l'ha colpito intenzionalmente di striscio, non avendo avuto intenzione di ucciderlo.

Poirot incontra i 12 sospettati offrendo loro due teorie su come sia morto Ratchett. La prima è semplice: un assassino travestito da conduttore è salito sul treno, ha ucciso Ratchett ed è fuggito. La seconda è più complessa: ogni sospettato è collegato in qualche modo agli Armstrong, aveva un motivo per uccidere Ratchett / Cassetti.

La signora Hubbard è in realtà Linda Arden, ex attrice teatrale, madre di Sonia Armstrong e quindi nonna della piccola Daisy. La signora Hubbard ha radunato tutti i dodici passeggeri sullo stesso treno per compiere l'omicidio e tutti si sono poi alternati a pugnalare Ratchett. Arbuthnot, d'accordo con la stessa signora Hubbard, l'aveva poi pugnalata senza metterla in pericolo di vita per convincere Poirot della teoria di un assassino solitario.

A questo punto la signora Hubbard chiede che le altre persone vengano lasciate andare e che la colpa ricada solo su di lei. Del resto la sua vita finì con l'assassinio della nipote e la morte della figlia, e gli altri passeggeri sono in realtà tutte brave persone che hanno avuto la vita distrutta all'epoca della tragedia, ma che ora hanno il diritto di rifarsi una vita.

Poirot poggia sul tavolo la sua pistola e sfida i passeggeri a sparargli perchè è l'unico che può denunciarli alle autorità. Bouc infatti può mentire ma Poirot, ossessionato dalla verità e dall'equilibrio, non potrebbe farlo. La signora Hubbard afferra la pistola e gliela punta contro, ma all'ultimo la volge contro sé stessa pronta a uccidersi, preme il grilletto ma la pistola in realtà è scarica, Poirot voleva vedere come avrebbero reagito i sospettati.

Immagine


Immagine


Poirot è dibattuto su ciò che sia giusto fare: svelare alla polizia jugoslava cosa ha scoperto, oppure presentare la teoria del killer solitario.
Decide per la seconda soluzione e, scendendo dal treno, con un appassionato discorso ricorda che la vendetta porta ad altra vendetta, che il male conduce ad altro male, e si augura che i 12 passeggeri possano finalmente guarire, liberandosi dalle loro paure e dalle loro angosce.

Mentre si accinge ad informare la polizia jugoslava dei dettagli dell'assassinio sull'Orient Express, un messaggero lo ferma e gli chiede di indagare su una morte sul Nilo.

Immagine

Locations

Il film è stato girato negli Longcross Studios nel Surrey Inghilterra perchè sarebbe stato troppo complicato farlo su un vero treno in movimento. Furono posati dei binari su cui veniva manovrato un treno composto da locomotiva e 4 carrozze.
L'area degli studios, un ex sito di collaudo di carri armati dell esecito, è dotata di diversi teatri di posa, un circuito di prova ed un vasto backlot (un backlot è un'area adiacente a uno studio cinematografico, contenente edifici permanenti o spazi adatti alla costruzione temporanea del set per le scene) .

Qui fu costruito il set della “Stamboul (Istanbul) Station”, la stazione da cui parte l’Orient Express, quella originale era piccola e troppo semplice, pertanto ne furono aumentate le dimensioni per renderla più maestosa.
Le riprese iniziaroni il 22 novembre 2016, nel marzo 2017 la troupe si spostò a Malta ove venne girata la scena iniziale ambientata a Gerusalemme. Nel maggio 2017 vennero effettuate le scene di montagna presso il colle del Gran San Bernardo, al confine tra Italia e Svizzera.

Locomotiva

Nel film il grandioso ed elegante Orient Express parte da Istanbul e viaggia lungo le Alpi Dinariche nella ex Jugoslavia, dove una valanga ne arresta la corsa. Il treno viene liberato e prosegue attraversando Brod, l’Italia, la Svizzera, la Francia, fino alla stazione Victoria di Londra.
In realtà il vero Orient Express attraversava l’Europa orientale cambiando motrice ogni volta che raggiungeva un confine.

Attenersi a questa regola avrebbe complicato le riprese, pertanto la produzione decise di utilizzarne una sola: fece costruire la replica accurata di una locomotiva da 30 tonnellate in scala 1:1,
Furono inoltre costruite due repliche funzionanti delle carrozze dell’Orient Express; dobbiamo tener presente che il suo arredamento è cambiato nel corso del tempo, attualmente è in stile Art Nouveau, ma la produzione decise di riprodurlo in stile Art Déco, tutto fiori, volute e colori pastello.

La prescelta fu la ex SNCF 241-A-65, (costruita nel 1931, attualmente in condizioni operative presso il deposito Full-Reuenthal in Svizzera), che poteva raggiungere una velocità di crociera di 125 km/h.
Prima della seconda guerra mondiale le sue consorelle trainarono pesanti treni espressi tra Parigi ed i porti atlantici di Cherbourg e Le Havre, nonché tra Parigi e Basilea. Anchche il traino dell' “Arlberg Orient Express” faceva parte dei loro compiti. Dopo la fine della guerra operarono fino al 1965, principalmente tra Parigi - Strasburgo, e Parigi - Basilea.

Immagine

Le locomotive della serie 241 del Chemin de Fer de l'Est furono le prime mountain europee, le più grandi e potenti vaporiere d'Europa. Dopo la creazione della SNCF, quelle della ferrovia orientale (EST) e quelle della ferrovia di stato (ETAT) furono tutte riclassificate come 241 A.
Oggi la 241 A 65 è la seconda più grande locomotiva a vapore operativa in Europa, dopo la 241 P 17 .

Il prototipo fu messo a punto nel 1925 ed inizialmente ricevette la matricola 41.001 Dopo accurati test, tra il 1930 e il 1934 ne furono costruite 89, di queste 40 furono assegnate alle Est, e 49 all'État .
Quando nel 1938 nacque la SNCF le EST ricevettero la numerazione da 241 A 1 a 241 A 41, mentre le ETAT da 42 a 90.

Filmati della 241.A.65

80 Jahre 241.A.65 zusammen mit BR 50 3673 über den Gotthard
https://www.youtube.com/watch?v=xd-LEWRm_4E

241-A-65 et 241-P-17 Full-Schaffhausen-Basel
https://www.youtube.com/watch?v=Xg9Vw6zE5qo

Modellismo

Le 241 A sono state riprodotte in scala HO da varie aziende ed artigiani. Gli artigiani francesi JCR e Flèche d'Or le riprodussero principalmente in metallo fotoinciso per essere assemblate dal cliente. I produttori di alta gamma Lemaco e Micro-Metakit hanno costrito modelli favolosi in ottone.
Märklin ha riprodotto la 241 A 65 suscitando un vespaio anche qui sul forum

- Highly Detailed Trix / Märklin SNCF 241-A-65
https://www.youtube.com/watch?v=tCgjgOeht00
Beautiful Märklin SNCF 241-A 65 - 1 Gauge (1:32 scale)

- https://www.youtube.com/watch?v=elsL7SniC6U

Micro-metakit
https://www.ricardo.ch/it/a/micro-metak ... 065940284/
Micro-Metakit 06307H - SNCF 241-A-65

- Il film versione 2017 in inglese
https://www.youtube.com/watch?v=CkB7GyHZEl4

Si potrebbero fare paragoni con la precedente pellicola che nel 1975 ha vinto un Oscar, ma sarebbe un confronto improprio: oggi è profondamente mutata l’educazione, il linguaggio e la cultura cinematografica rispetto agli anni ’70.
Recensione in italiano
https://www.youtube.com/watch?v=TJZQyZhkVLA

- Il film versione 1974 in inglese
https://www.youtube.com/watch?v=fdPKxNnKJGE

Voi preferite la versione del 2017 o quella del 1974?

- Esiste anche una versione trasmessa in televisione
Murder On The Orient Express 2001 TV Version

https://www.youtube.com/watch?v=0YL23fwCj84


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Film di Treni Youtube
MessaggioInviato: venerdì 19 giugno 2020, 22:10 
Non connesso

Iscritto il: sabato 4 luglio 2009, 22:25
Messaggi: 3667
Località: Brescia
Nella morsa delle rotaie (Danger Lights) è un film del 1930 diretto da George B. Seitz
tratto da una sceneggiatura di James Ashmore Creelman

Immagine

trama

Una grossa frana fa saltare tutti i collegamenti ferroviari nel Montana della Chicago Milwaukee Pacific line. Il sovrintendente Dan Thorn deve gestire una situazione catastrofica alla quale cerca di porre rimedio impiegando nei lavori anche una squadra di vagabondi che avevano trovato rifugio in un vagone ferroviario.

Immagine

Tra questi, c'è Larry Doyle, un ex macchjnista della ferrovia che era stato licenziato per insubordinazione e che si rifiuta di aiutare Dan. Dopo aver trovato un accordo, Dan gli trova un lavoro come fuochista. Egli è innamorato di Mary, la figlia di un ferroviere in pensione, e le chiede di sposarlo.

Lei, anche se non è innamorata, accetta di fidanzarsi con lui per la gratitudine che prova nei confronti di Dan, per come si era comportato con suo padre.

Un giorno, in visita alla linea ferroviaria, Mary incontra Larry, i due si innamorano ma lei, per lealtà, si rifiuta di rompere il fidanzamento. Alla vigilia del matrimonio, Dan è costretto ad assentarsi per un ultimo lavoro, Mary, in lacrime, torna a casa per prepararsi alle nozze, ma viene seguita da Larry che riesce a convincerla a fuggire con lui.

Sotto la pioggia battente, i due stanno seguendo i binari del treno quando il piede di Larry resta intrappolato in uno scambio.
Dan, che ha scoperto la loro fuga, si accorge del pericolo che sta correndo il suo rivale impossibilitato a muoversi proprio mentre sta arrivando un treno. Riesce a sbloccare lo scambio ma non ce la fa a scansare il treno che lo colpisce gettandolo a terra.

Il medico che lo visita dichiara che il trauma cranico subito da Dan lo condurrà a morte certa entro poche ore, a meno che non riesca ad essere operato in un ospedale specialistico di Chicago. Saputo questo, Larry lo carica su un treno, si mette personalmente alla guida della locomotiva e, infrangendo ogni limite di velocità, giunge in tempo a Chicago.

Dopo alcune settimane Dan si riprende ed acconsente all'unione di Mary con Larry, che erano rimasti sempre al suo fianco durante la lunga degenza in ospedale. Rimasto solo, decide di tornare al suo lavoro di sovraintendente, la vera passione della sua vita.

La Chicago, Milwaukee, St. Paul and Pacific Railroad (spesso indicata come Milwaukee Road, logo MILW), era una ferrovia statunitense che operò nel Midwest e nel Nord-ovest degli Stati Uniti dal 1847 fino al 1980.

Locations

Il film è stato in gran parte girato in Montana lungo le linee ferroviarie della divisione Rocky Mountain, che a quel tempo però erano già elettrificate (situazione chiaramente riscontrabile in alcune riprese), nel cantiere di Miles City, sulla linea che attraversa il Sixteen Mile Canyon, ed a Chicago, Illinois.

Locomotiva

La protagonista è la No. 8624, una delle cento locomotive USRA Heavy Mikado class L3, costruita nel 1918 dalla Alco per la Chicago, Milwaukee, St. Paul & Pacific Railroad (CMStP&P.) che nel 1938 fu reimmatricolata come 331, indi radiata nel 1953 e demolita nel 1956.

Immagine

Immagine

Immagine

Le cento L3 numerate da 8600 a 8699 operarono egregiamente sulle linee della compagnia, perciò dopo la fine della guerra WWI, altre 200 "Mikados" furono allestite dalla Baldwin Locomotive Works: 100 tra il 1920 ed il 1921, con la numerazione da 8200 a 8299, ed altre 100 tra il 1922 ed il 1923, con la numerazione da 8300 a 8399. Tutte quest'ultime erano però più simili alla classe USRA L2.

Ben 1856 locomotive ed oltre 100.000 vagoni furono costruiti secondo i dettami standard della “United States Railroad Administration” ( USRA ), il sistema ferroviario nazionalizzato degli Stati Uniti durante la prima guerra mondiale e sciolto nel 1920.

Danger Lights mi rammenta una storia simile trattata in “Thunder” , un film melodramma muto americano del 1929 di cui sono sopravvissuti solo alcuni spezzoni.

Notevole è il duello di potenza tra la 8624 ed una Pacific,

Immagine

e molto importante è la documentazione reale delle attività ferroviarie nel cantiere di Miles City.
Poi una vera chicca è quello che si ritiene essere l'unico filmato di una carrozza dinamometrica dell'era del vapore negli Stati Uniti.

Modellismo

L'unica azienda che ha riprodotto le vere USRA Heavy Mikado class L3 in H0 è stata la Broadway Limited. Qui è raffigurata la Milwaukee Road #376, con la nuova numerazione del 1938 che ha eliminato la cifra 8 iniziale.

Immagine

Il film in inglese

https://www.youtube.com/watch?v=fnAfrlzCbAk


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Film di Treni Youtube
MessaggioInviato: martedì 23 giugno 2020, 14:39 
Non connesso

Iscritto il: sabato 4 luglio 2009, 22:25
Messaggi: 3667
Località: Brescia
Train to Busan,
un film del 2016 diretto da Yeon Sang-ho, è un horror di prim’ordine che ci inchioda davanti allo schermo perchè si differenzia dalle pellicole del genere, in quanto induce ad una riflessione più profonda di quella suggerita da George A. Romero nel suo "La notte dei morti viventi” (Night of the Living Dead) (1968)

Immagine

Considerazioni

Una delle sue peculiari qualità è che non è necessario comprenderne tutti i significati reconditi, o l'antefatto sociale che lo collega a “Snowpiercer” di Bong Yoon.
Il film funziona su più livelli:
su quello di puro intrattenimento, di horror distopico con il mondo degli uomini in pericolo di fronte al diffondersi della piaga dei non-morti;
su quello, più appagante, di risultato di una riflessione sociologica.

I vari protagonisti rappresentano le paure, le ansie ed i mostri che covano in ognuno di noi. Il virus siamo noi uomini che, come zombi, ci infettiamo a vicenda per trasmettere un’ideologia malata. Non c’è cura, l’antidoto non si trova; l’unica speranza sta nello sguardo dei bambini, ancora puri prima che il morso dell’egoismo li trasformi in bestie dagli occhi bianchi.

Nel film (analogamente alla situazione attuale del covid 19) si può intuire la fuga di un agente patogeno da un laboratorio, ma le domande vengono da un sentimento più profondo che si interroga sul futuro dell’umanità. Alcune ricerche scientifiche si sono spinte oltre il limite, ed hanno creato il flagello di un mondo che non vuole ammettere le proprie colpe. Ma la luce in fondo alla galleria esiste, dobbiamo solo aprire gli occhi e renderci conto che siamo al buio.

Trama

Un virus di origine ignota che trasforma le persone in zombi si diffonde rapidamente in Corea del Sud, costringendo il governo a mettere in atto una legge marziale.

Seok-woo è un agente di borsa dedito al lavoro e divorziato che vive con la piccola figlia Soo-an. Come regalo di compleanno, Soo-an gli chiede di portarla a Busan per incontrare la madre. Salgono su un treno della Korea Train Express, ma alla partenza una giovane passeggera inizia ad avere forti convulsioni causate da un morso sulla gamba; in breve tempo diventa una zombi ed attacca un'assistente diffondendo rapidamente l'infezione.

Il macchinista avverte che il treno devierà verso la stazione di Daejeon presidiata dall'esercito, dove tutti i passeggeri verranno messi in quarantena. Seok-woo contatta un militare di sua conoscenza per fare in modo che né lui, né sua figlia vengano bloccati.
Quando il treno si ferma a Daejeon Seok-woo e Soo-an si dirigono verso un'uscita secondaria, ma scoprono che sia la polizia che i soldati sono stati infettati; pertanto cercano di mettersi in salvo tornando di corsa sul treno. Il macchinista lo fa ripartire verso Busan, l'unica città che ha debellato con successo l'epidemia, la speranza per coloro che non sono ancora stati infettati.

Il convoglio viene bloccato alla stazione ferroviaria di Daegu, il macchinista avvisa i passeggeri ancora sopravvissuti che avrebbe recuperato dal deposito un'altra locomotiva, con la quale avrebbero raggiunto Busan. Costoro devono però attraversare i binari dove sostano altri treni carichi di gente infetta. Seok-woo riceve una telefonata da un suo collega, il quale gli confessa che il virus era un progetto sfuggito dai laboratori della YT Biotech, proprio la società con cui Seok-woo collabora. Questa non aveva provveduto fornire adeguate misure di sicurezza.

Poi un treno in corsa si schianta contro quello infettato, Seok-woo e Soo-an riescono a fuggire

Immagine

ed a raggiungere la locomotiva già in moto, salvandosi quindi dall'orda di zombie che li inseguono.

Immagine

Immagine

Immagine

Ma sulla locomotiva era già salito anche un infetto che attacca Seok-woo mordendolo ad una mano, prima di essere gettato dal treno.

Seok-woo, resosi conto della gravità della ferita, mette in salvo la figlia Soo-an e la passeggera Seong-kyeong portandole nella cabina di guida. Mostra alla donna come frenare, infine dà l'addio a sua figlia.
Durante la mutazione Seok-woo si ricorda della prima volta in cui, neonata, la tenne in braccio, poi si lascia cadere dalla parte posteriore della locomotiva.

Mentre si avvicinano a Busan, Soo-an e Seong-kyeong sono costrette a fermarsi ad un posto di blocco e ad attraversare a piedi un tunnel. Dall'altro lato ci sono dei soldati che difendono la zona dall'attacco degli zombi. Incapaci di distinguere chiaramente le due figure nel buio, i soldati si preparano a sparare ad entrambe.

Poco prima di premere il grilletto sentono Soo-an intonare fra le lacrime "Aloha 'Oe", la canzone che aveva cantato ad una recita scolastica e che non era riuscita a terminare perché il padre non era presente. Rendendosi conto che sono incolumi, i soldati le salvano.

Locomotive

Il protagonista è il DTX 101, un treno ad alta velocità della Korea Train eXpress (KTX), il sistema ferroviario ad alta velocità della Corea del Sud operato da Korail, che dal 2004 connette la capitale Seul alla città di Pusan tramite la linea KTX Gyeongbu.

I treni KTX sono realizzati per viaggiare su linee appositamente costruite, tuttavia lo scartamento identico a quello delle linee tradizionali coreane ne permette un impiego molto flessibile.

I primi convogli KTX-I, chiamati anche TGV-K, sono una variante progettuale del TGV di Alstom; ne sono stati costruiti 46 di cui i primi 12 in Francia direttamente dalla Alstom, ed il resto dalla società coreana ROTEM.
Sono treni composti da 2 locomotive e 18 carrozze; i KTX di prima generazione possono ospitare fino a 965 passeggeri, e viaggiare a 305 km/h.

Immagine

La comprimaria è una "Korail Class 7100", ovvero la diesel-elettrica EMD GT26CW-2 della Korea Railroad.
La GT26CW-2 è la variante Dash-2 della serie di locomotive diesel-elettriche GT26CW creata dalla divisione elettro-motive (EMD) di General Motors per l'esportazione in:
Iran, Israele, Marocco, Pakistan, Perù, Corea del Sud, Turchia e Jugoslavia.
Vari licenziatari hanno costruito o rinnovato questo modello che è simile alla locomotiva nordamericana SD40-2 .

Immagine

Immagine

Dal dicembre 1989 all'ottobre 2000, la National Railroad coreana ha ricevuto 83 unità GT26CW-2, sia dalla Electro-Motive Division che dalla licenziataria Hyundai Rolling Stock Co.

Queste locomotive vengono utilizzate su tutte le linee Korail per il servizio merci e passeggeri; ho scarse notizie sulla loro componentistica.

Modellismo

La EMD GT26CW-2 #7429 Diesel Locomotive

Immagine

Questo splendido modello in ottone è stato realizzato realizzato da “Hantrack KO RAIL”

Immagine

Immagine

La carrozzeria, il sotto telaio ed il sistema di frenatura sono abbastanza dettagliati.


Immagine

Il sequel di Train to Busan del 2016, intitolato “Peninsula” (noto anche col nome di Train to Busan 2), è stato girato nel 2020, ed è anch'esso diretto da Yeon Sang-ho.
Non posso esprimere la mia opinione perchè non l'ho ancora visto, infatti verrà distribuito nei cinema sudcoreani il 12 agosto 2020. So solo che tratta le vicende accadute 4 anni dopo gli avvenimenti rappresentati in Train to Busan.


Il film in italiano

https://www.youtube.com/watch?v=uDF_GYEmsX0


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Film di Treni Youtube
MessaggioInviato: lunedì 29 giugno 2020, 14:11 
Non connesso

Iscritto il: sabato 4 luglio 2009, 22:25
Messaggi: 3667
Località: Brescia
Transsiberian

Immagine

Transsiberian è un film del 2008 scritto e diretto da Brad Anderson.
Il suo stile “Hitchcockiano” mi ricorda "The Lady Vanishes"; qui, invece di assistere alla scomparsa di uno o più passeggeri, vediamo perfino svanire la maggior parte di un convoglio.

Il treno, sin dalle origini del cinema (vedi “la grande rapina al treno” del 1903), è stato un mezzo di trasporto dideale per la formulazione di atmosfere stimolanti come quelle rappresentate nel vari film di argomento ferroviario. In questo caso il soggetto è originale, la suspense assicurata, ed i personaggi sono credibili.

Il tema del plot è nella citazione di Tennessee Williams: “se uccidi tutti i miei demoni anche gli angeli potrebbero morire”, ovvero è meglio conservare i propri segreti perchè, al bisogno, si possono barattare utilmente. Ed è così che le due protagoniste femminili, con percorsi imprevedibili e con finalità assolutamente diverse, riusciranno a realizzare se stesse.

Considerazioni

Sullo sfondo compare una Russia post-sovietica dominata dalla criminalità organizzata e dalla disillusione:“Quando c'era il comunismo gran parte della popolazione viveva nell'ombra, mentre oggi muore alla luce del sole” sentenzia sarcasticamente il luciferino ispettore Ilya Grinko. Tuttavia il film e' un buon thiller old school, sebbene sia profondamente condizionato dai soliti stereotipi dello sciovinismo americano:
loro sono sempre i buoni, i russi (o i tedeschi) sempre i cattivi.

Nel film Russia (o russi) equivalgono ancora una volta a corruzione, violenza, metodi brutali di interrogazione. Gli americani dall'altra parte sono buoni, generosi (vedi il fatto che la coppia sostiene un progetto umanitario) ed ingenui. Sono le vittime di un paese, di un popolo corrotto e violento.
E' quindi ovvio che nella filmografia occidentale siano presenti ancora tanti pregiudizi verso il popolo russo, però non dobbiamo dimenticare che il cinema e' un arma molto potente per propagare i messaggi che alcune nazioni rivolgono a discapito di altre.

Tralasciando la questione socio-antropologica (che comunque non va sottovalutata quando si tratta di cogliere appieno i messaggi dei film), Transsiberian è un thriller gradevole in cui tutti gli ingredienti basilari del genere sono seriviti: avventura, mistero, intrighi, violenze e trepidazione. La tensione cresce progressivamente ed i colpi di scena non mancano.

Youtube offre il film in bassa risoluzione, in lingua inglese e con sottotitoli in svedese, perciò mi devo dilungare nei commenti e nell'esposizione dei fatti.
Tuttavia, a chi fosse interessato, consiglio di cercarlo in italiano su altre piattaforme.

Trama

La storia si concentra su una coppia di sposi, Jessie e Roy aderenti ad una Chiesa protestante che si occupa di aiutare i bambini cinesi, che dopo aver collaborato ad un progetto umanitario in loco, deve rientrare in America.

Allo scopo di soddisfare la grande passione di Roy per le locomotive, decidono di utilizzare nel ritorno il Trans-Siberian Express fino a Mosca, anziché volare direttamente a casa.
Da Pechino a Mosca la strada è molto lunga, 7 interminabili giorni da trascrrere in treno, con vari scali per cambio di scartamento.
Lui è come un bambino che ama i treni, l'Express è un enorme giocattolo che gli permette di estrinsecare le sue competenze di ferramatore, ma anche di fermodellista perchè nel suo seminterrato conserva numerosi trenini. Jessie invece è una fotografa amatoriale.

Entrambi stringono amicizia con un'altra coppia che alloggia nello stesso scompartimento, costituita da Abby e Carlos insegnanti di lingue, i quali rimpinguano i loro proventi con la vendita di oggetti di artigianato esportati illegalmente: in questo viaggio traportano numerose matrioske russe.

Durante una sosta a Irkutsk, Roy scende per contemplare alcune vaporiere accantonate, ed è talmente affascinato da non accorgersi della ripartenza del treno. Jessie rimane sola con l'altra coppia, pertanto decide di attenderlo alla prossima fermata, anche Carlos ed Abby scendono con lei dal treno. Prendono alloggio in un hotel di una piccola città siberiana, ove Jessie vede delle matrioske quasi identiche a quelle che Carlos le aveva mostrato.

Dopo una notte trascorsa nell'attesa di Roy che dovrebbe arrivare nel pomeriggio, Carlos la convince a fare un'escursione loro due soli per fotografare una chiesa diroccata in mezzo a un bosco ammantato di neve.
Giunti sul posto, costui tenta di afferrarla, di baciarla e di violentarla, ma Jessie si sottrae; sconvolta ed impaurita, lo percuote con una trave uccidendolo. Poi torna all' hotel e si reca alla stazione per incontrare Roy; i due ripartono subito in treno abbandonando Abby.

Ma nel loro nuovo scompartimento c'è anche un uomo che dice di essere Ilya Grinko un detective della narcotici. Dopo aver fatto conoscenza, costui inizia ad interrogarli per sapere qualcosa di più su conto di Carlos, spiegando che diversi trafficanti di droga nascondono la loro merce nelle matrioske. Jessie rinviene nella propria borsa delle matrioske che, a sua insaputa, Carlos aveva nascosto poco prima di essere ucciso. Allora rende conto di essere finita in un brutto guaio: Carlos stava contrabbandando eroina in quelle bambole e Grinko, che è sul libro paga di un signore della droga russo, lo sa e lo stà cercando.
Jessie cerca invano di sbarazzarsi delle bambole comprometteti gettandole dal treno in corsa, ma poi torna nella sua cabina per spiegare a Roy la loro origine; entrambi decidono di consegnarle ad Ilya.

La mattina successiva si svegliano e scoprono che sono scomparsi gli altri passeggeri,
misteriosamente manca la maggior parte del convoglio, e che a bordo son rimasti solo Grinko ed il suo partner Kolzak. Costoro fermano il treno in mezzo al nulla e portano Jessie e Roy in un bunker militare abbandonato; li trovano Abby che viene torturata per farle confessare dove Carlos ha nascosto dei soldi sottratti al signore della droga. Ilya spiega che Abby non è una "brava ragazza" come Jessie aveva creduto, anzi è lei che ha reclutato Carlos, ed è pure responsabile della morte dell'uomo che si vede all' inizio del film.

Jessie e Roy fuggono, salgono sulla locomotiva e la mettono in moto. Ilya e Kolzak li seguono, il treno si muove in retromarcia ed ha una collisione frontale con un altro treno che sta sopravvenendo, Tutti rimangono contusi, ma Ilya uccide Kolzak per mantenere la sua copertura. Ai soccorritori spiega di essere un investigatore governativo che ha salvato Jessie e Roy da una rapimento, ma Jessie, ferita, cerca di avvertirli che Ilya sta mentendo, però i russi non capiscono l'inglese. Mentre sta perdendo conoscenza, lo vede sparire nel bosco.
In seguito dei funzionari statunitensi raccontano a Jessie e Roy la vera storia criminale di Carlos: è stato ondannato più volte per furto, rapina e violenza sessuale. Costoro non sanno nulla di Abby, per loro è solo una ventenne che si è accompagnata con la persona sbagliata. Jessie e Roy firmano delle dichiarazioni per i funzionari, ma Jessie non rivela di aver ucciso Carlos.
L'ultima scena mostra Abby, guarita ma ancora zoppicante, scovare il corpo di Carlos riverso nella neve vicino alla vecchia chiesa. Abby apre una tasca segreta del giaccone della vittima e trova tutti i soldi che erano stati rubati al boss della droga, pile di banconote da 500 euro sigillate in un lungo rotolo trasparente. Allora afferra i soldi e se ne va, non
degnando di uno sguardo il corpo senza vita di Carlos


Questa è la nuova Russia dei grandi soldi e della corruzione mafiosa, ma gli ingredienti sono vari: c'è qualcosa di hitchcockiano nel modo in cui le persone innocenti vengono coinvolte in situazioni criminali per poi apparire non proprio così innocenti.


La Transiberiana

La transiberiana è una tratta ferroviaria con 3 varianti:

Immagine

1 La Transiberiana classica è la ferrovia che, attraversando l'Europa orientale e l'Asia, collega Mosca con centinaia di grandi e piccole città delle zone europee ed asiatiche della Russia. inizia a Mosca a Yaroslavsky Vokzal, attraversa Nižnij Novgorod, Kirov, Perm', Ekaterinburg, Tjumen', Yaroslavl, Chelyabinsk, Omsk, Novosibirsk, Krasnojarsk, Irkutsk, Krasnoyarsk, Ulan-Udė, Čita, Skovorodino, Chabarovsk, Ussurijsk, e termina a Vladivostok.

La lunghezza della tratta è di ben 9.289 chilometri, ed attraversa otto fusi orari. Occorrono otto giorni per completare il viaggio che è il terzo più lungo del mondo, dopo il Mosca-Pyongyang di 10,267 chilometri ed il Kiev-Vladivostok di11.085: entrambi utilizzano anche la Transiberiana per gran parte del loro percorso.
Lo scartamento binari è quello russo di 1.520 mm.

Immagine

2 La Transmongolica segue lo stesso percorso fino alla città di Ulan-Ude, poi anzichè proseguire verso est scende verso sud entrando nella Mongolia, attraversando le steppe mongole ed il deserto del Gobi prima di arrivare a Pechino.

Immagine

3 La Transmanciuriana invece dopo Ulan Ude continua in direzione Vladivostok per poi deviare a sud in direzione Pechino passando per la Manciuria.
Locations

Il film fu girato nel 2006 a Vilnius (Lithuania) presso gli Lithuanian Film Studios, alcune scene anche a Pechino ed in Russia.

Locomotive

Roy al deposito di Irkutsk contempla due vaporiere,
la prima è una tedesca BR 52 che, preda di guerra dell U.S.S.R., venne riclassificata TE (TЭ)

Immagine

La seconda è una classe Л (L "Vittoria") 2-10-0, è stata la prima locomotiva russa ad utilizzare ruote di tipo Boxpok assai comuni nel design delle locomotive a vapore USA. (per approfondire vedi “Steam Locomotive Driver Wheel Types”https://www.steamlocomotive.com/types/drivers/)

Immagine

Immagine

La protagonista è la locomotiva diesel elettrica a singola unità TEP70, progettata per trainare treni passeggeri sulle tratte non elettrificate a scartamento russo di 1.520 mm dell'Europa orientale.

Immagine

Immagine



La TEP70 è attualmenten servizio in: Russia, Ucraina, Bielorussia, Estonia, Lettonia, Lituania e Kazakistan. La locomotiva diesel TEP70 è stata utilizzata come base per altre due sottoclassi, la TEP70BS e la TEP70U.

E' stata costruita da Kolomensky Zavod (Kolomna Locomotive Works) che è l'unico produttore russo di locomotive per passeggeri, come le AC EP200 per passeggeri ad alta velocità, le EP2K elettriche per passeggeri, e le 2TE70 per trasporto merci .

Le locomotive passeggeri TEP70 (insieme alle modificate TEP70U e TEP70BS) gestiscono gran parte del traffico passeggeri delle ferrovie della Russia e dei paesi della CSI (Comunità degli Stati Indipendenti, in russo: Содружество Независимых Государств)

Immagine

Modellismo

Delle tre locomotive, solo la TE (TЭ) è stata riprodotta in H0, Märklin (ref 37159 )
ci offre la TE 3915.

Immagine

Immagine

Immagine



Il film sottotitolato in svedese

https://www.youtube.com/watch?v=wTLnwfEmo7M

spezzone in italiano

https://www.youtube.com/watch?v=wTLnwfEmo7M



.


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Film di Treni Youtube
MessaggioInviato: venerdì 3 luglio 2020, 16:19 
Non connesso

Iscritto il: sabato 4 luglio 2009, 22:25
Messaggi: 3667
Località: Brescia
Treni strettamente sorvegliati (Ostře sledované vlaky)

Immagine

è un film del 1966 diretto da Jiří Menzel, tratto dall'omonimo romanzo del 1965 dello scrittore ceco Bohumil Hrabal. Commedia grottesca e svagata su un eroe per caso, dove l’iniziazione al sesso (cioè alla vita) finisce per coincidere con la morte, e dove la Cecoslovacchia occupata dai nazisti viene immortalata nel piccolo microcosmo di una stazione ferroviaria in cui avvengono strani incontri sessuali.

Jiri Menzel, dietro ad una patina spensierata e divertente, nasconde un profondo pessimismo di fondo evidenziato nelle vicende di molte situazioni e personaggi. Affronta tematiche serie come quella della resistenza al nazismo, ma lo fa con toni antieroici, antiretorici e sarcastici.
Nel 1945 la guerra continua, l’Europa si insanguina sempre di più, ma lui non ci mostra immagini dal fronte (tranne nell' incipit in flashback), si concentra solo sulle vicissitudini di piccoli protagonisti immersi in un contesto molto più grande di loro. Tra questi i turbamenti esistenziali del giovane allievo capostazione Miloš Hrma, causati dalle sue prime esperienze sessuali.

Trama

Nel 1945, nella Boemia occupata dai nazisti vive il giovane Miloš, diventato ferroviere per seguire la tradizione di famiglia e, soprattutto, per non dover faticare troppo. Egli presta servizio come aiuto-capostazione sotto la supervisione del vice capo Hubicka; Miloš si interessa per lo più alle donne, ed è innamorato della conduttrice Masa.

Immagine

Ma è afflitto da eiaculatio precox, e quando gli si offre l'occasione di dimostrare la propria virilità, miseramente fallisce e rimane talmente umiliato che tenta di tagliarsi le vene, tuttavia viene salvato.

Ripreso il lavoro, vuole a tutti i costi ritentare la prova, perciò stringe amicizia con Hubicka, collaudato playboy, il quale gli confessa di militare nella resistenza boema e lo convince a partecipare ad un'azione di sabotaggio di un treno militare.

Immagine

Quando arriva in stazione Viktoria Frei, la giovane staffetta partigiana incaricata di portare l'esplosivo, Miloš si apparta con lei, e finalmente riesce ad ottenere ciò che spasmodicamente agogna.

Confermata la sua conquistata virilità, il mattino seguente diventa suo malgrado un sabotatore: fa esplodere un treno tedesco carico di munizioni e, purtroppo, ci lascia la pelle. Le scene finali sono senza parole.


Considerazioni

Nel film le vicende di Miloš si esauriscono in una problematica sessuale, ma si avverte anche la presenza di un'oscura minaccia kafkiana che incombe sulla stazioncina, e sui personaggi che in essa vivono.
Questa si concretizza solo in evanescenti, sporadici elementi: nei passaggi dei treni militari nazisti, nella comparsa di qualche pattuglia disorientata, nelle roboanti visite alla stazione della commissione disciplinare collaborazionista, la diretta mandataria del potere che "strettamente" sorveglia i propri sudditi.

L'impostazione strutturale conduce ad individuare due livelli di sviluppo: l'uno legato alle vicende concrete di Miloš, l'altro al clima in cui tali vicende si realizzano. Entrambi, che per gran parte del film sembrano divergere, si coagulano nelle battute finali. Infatti il superamento dell'impotenza sessuale nel primo livello, produce nel secondo lo scioglimento di un'angoscia esistenziale, la maturazione di un atto eversivo, ribelle e liberatorio.

Così il discorso di Menzel non sfugge alla sua matrice ideologica. Qualcuno ha lamentato una contaminazione tra la componente sessuale e quella resistenziale, in realtà proprio la presenza così accentuata, così massiccia delle due dimensioni fa intuire il loro ruolo tematico.

Menzel non vuole fare la storia d'un'impotenza sessuale, né tanto meno spezzare una lancia a favore dei problemi della gioventù di fronte al sesso, né evocare in senso celebrativo la resistenza al nazismo. S'è servito di questo materiale di base per costruirci sopra un'allegoria, in cui l'impotenza non è un fatto biologico, bensì esistenziale. La resistenza non è propriamente definita, ma usata come immagine poetica d'una forza capace di opporsi a qualsiasi tipo di società repressiva, ai nazisti, ai loro mandatari, ed a tutte le immagini d'un potere totalitario e dittatoriale.
Per questi motivi la parte allegorica di sesso, potere, resistenza viene collocata in chiave meramente fisica, ed è nettamente separata da quella storico - politica.

Ciò nonostante, “Treni strettamente sorvegliati” è un'opera stimolante sotto ogni punto di vista, perchè testimonia la ricchezza dei fermenti e degli umori che agitavano il cinema cecoslovacco nei primi anni sessanta. Allora la fertilità d'un retroterra culturale ed artistico si fece sentire nonostante i continui attacchi al suo diritto di essere e di manifestarsi. Ma con l'invasione sovietica della Cecoslovacchia, avvenuta nella notte tra il 20 e il 21 agosto del 1968, i carri armati entrarono nella capitale cecoslovacca e misero fine alla “Primavera di Praga”.

Locations

Il film è stato girato principalmente nel piazzale della stazione di Loděnice, comune del distretto di Beroun, e presso la linea ferroviaria secondaria Praga-Beroun.

Locomotiva

Le ferrovie della Cecoslovacchia (Československé státní dráhy o ČSD ) nacquero nel 1918 in seguito alla sconfitta dell'Austria nella guerra mondiale, ed al collasso dell'Impero austro-ungarico. Il nuovo stato, creato dal “Trattato di Versailles” incorporò una parte della rete ferroviaria ex-austroungarica, comprese le locomotive ed il materiale rimorchiato, ed acquisì pure parte di quello delle ferrovie ungheresi.

Immagine

Nel film si vedono di sfuggita alcune locomotive che non riesco a riconoscere, però compaiono distntamente quelle della classe 534.0 ( 2-10-0) di cui, ovviamente, nessuno ha realizzato il modello in scala H0.

Immagine

Durante la prima guerra mondiale gli impianti di Škoda a Pilsen non solo producevano armi, ma anche si occuparono della riparazioni di locomotive. Continuarono questa attività anche nel dopo la guerra. Nel 1919 Škoda costituì un apposito dipartimento per la produzione di locomotive come, ad esempio, quelle della classe 270, della 170, della 629 e della 354
In seguito gli stabilimenti di Škoda concordarono con ČSD la fornitura di nuove locomotive di propria progettazione classificate 534.0. I primi 30 esemplari (01 - 30) furono prodotti da Škoda nel 1923, nello stesso anno 12 (31 - 42) furono fornite da Breitfeld & Daněk. Nel 1924, Škoda ne allestì 10 (43 - 52) e Breitfeld & Daněk 15 (53 – 67).

Immagine

la 534 027 del museo nazionale della technica di Praga ( Národní technologické muzeum o NTM) in riscaldamento a Chomutov

Non ho trovato la versione in italiano, tuttavia c'è quella in castellano perfettamente comprensibile.

Trenes rigurosamente vigilados
https://www.youtube.com/watch?v=EEzdQD38cYc

e pure l'originale in lingua ceca esclusivamente per un noto forumista.

Immagine

https://www.youtube.com/watch?v=uxCBk1bCjjI


Top
 Profilo  
 
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 71 messaggi ]  Vai alla pagina Precedente  1, 2, 3, 4, 5  Prossimo

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora [ ora legale ]


Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 4 ospiti


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi inviare allegati

Cerca per:
Vai a:  

Duegi Editrice - Viale Francia, 7, 35020 Ponte S. Nicolò (PD). Italy - Tel. 049.711.363 - Fax 049.862.60.77 - duegi@duegieditrice.it - shop@duegieditrice.it
Direttori di testata: Gianfranco Berto - Franco Tanel. Registro Operatori della Comunicazione n° 1199. Partita iva IT 01116210293 Tutti i diritti riservati Duegi Editrice