Oggi è martedì 25 giugno 2019, 11:03

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora [ ora legale ]




Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 9 messaggi ] 
Autore Messaggio
 Oggetto del messaggio: Deposito diesel moderno, regione di confine Francia/Italia
MessaggioInviato: martedì 30 aprile 2019, 15:14 
Non connesso

Iscritto il: martedì 9 settembre 2008, 9:45
Messaggi: 2069
Località: Breil sur Roya
Ciao a tutti, premesso che non ho mai realizzato nulla in campo plastici/diorami, alla mia età mi sembra che sia tempo di provare, complice anche l'insistenza di mia figlia di 8 anni che mi domanda incessantemente di fare un plastico per tirare fuori i treni dalle vetrine.

Prendendo spunto da un articolo su Rail Miniature Flash 563, vorrei realizzare un deposito moderno (dopo gli anni 60') con ponte trasbordatore (perché ce l'ho), per trazione diesel con un opzione eventuale elettrica. Il progetto permette di esporre e manovrare qualche macchina, su uno spazio ridotto e con una realizzazione non troppo difficile.

Per il momento non ha una caratterizzazione particolare, lo scopo è quello di presentare loco FS e SNCF, potremmo essere nel Sud-Est della Francia o nel Nord-Ovest dell'Italia, rendendo plausibile anche la coabitazione di loco dei due paesi. Edifici di carattere industriale abbastanza anonimi, che potrebbero essere ovunque.

Struttura separabile in due moduli 120x60 cm, facilmente trasportabile e integrabile in un eventuale ampliamento futuro. Un quadro in compensato 10 mm con traverse, piano di lavori in polistirene estruso da 40 mm. E' un tipo di struttura pensata per essere installata su uno scaffale Gorm Ikea tagliato a misura, ma anche su cavalletti o altro.
Un esempio qui: https://www.rmf-magazine.com/phpBB/view ... 7&t=199035

Per ora siamo allo stadio di progetto, prossima tappa l'acquisto del legname.
L'obiettivo non è quello della fedeltà storica, ma piuttosto una realizzazione facile per un principiante, che permetta di coinvolgere mia figlia, e che si possa terminare in tempi ragionevoli, con la possibilità di manovrare avanti e indietro qualche macchina, magari sonora. Ambientazione plausibile senza essere esattamente realistica.

Il piano (1 quadrato = 10 cm) in totale 240 x 60 cm:

Allegato:
Deposito moderno 3 240x60.jpg
Deposito moderno 3 240x60.jpg [ 227.29 KiB | Osservato 1647 volte ]


In basso (lato pubblico):
linea da un'estremità all'altra, per una futura integrazione in un tracciato che prosegue su altri moduli, la linea permette l'accesso al deposito con un raccordo.

Da sinistra a destra:
Deposito locomotive a tre vie, tronchini esterni per manovra o rotabili di servizio.
Ponte trasbordatore Brawa 1180
Deposito locomotive a due vie (11, 12) traversanti
fosse di visita (modello Peco) (bin. 7 e 9), con passerella per ispezione (7)
rifornimento di gasolio (9)
rifornimento sabbia (7)
deviatoi con tronchino di manovra (estremità 7) per l'ingresso in deposito, questo tronchino in caso di estensione su altro modulo potrebbe diventare un binario di accesso proveniente da una stazione posta a destra.
Un edificio per servizi vari, cabina comando deviatoi, eventuale rimessa per locomotiva di manovra del deposito.

Le locomotive entrano su 7 ed escono su 9, la rimessa 11, 12 serve per la manutenzione importante, i binari 11 e 12 accolgono le locomotive in attesa di lavorazione.

In futuro un binario (7) potrebbe essere elettrificato fino al ponte, poi il rimessaggio può proseguire con l'aiuto di una locomotiva da manovra, magari in trifase....

Armamento Peco cod. 75, deviatoio su linea di tipo lungo, gli altri medi e un triplo asimmetrico per guadagnare spazio, Electrofrog. Solo la linea posata su un leggero rialzo, il resto dei binari posato direttamente sul piano con ballast a ricoprire quasi tutto il terreno tranne qualche zona in cemento, sono ancora da definire sentieri, verde e viabilità di contorno.

Esercizio in digitale, sono presenti alcuni sezionamenti (le giunzioni a triangolo) per isolare alcuni tronchi dove parcheggiare locomotive analogiche spente, e uno per isolare la linea dal deposito se in un futuro plastico dovesse rendersi necessario. Sezionamenti normalmente chiusi da interruttori.

Per il deposito di sinistra per ora la scelta sarebbe questa:
Allegato:
remise-locomotive-beton.jpg
remise-locomotive-beton.jpg [ 40.11 KiB | Osservato 1647 volte ]

Quello centrale passante:
Allegato:
440_0_5062572_105344.jpg
440_0_5062572_105344.jpg [ 108.14 KiB | Osservato 1647 volte ]


ma visto il costo e la somiglianza potrebbe essere una autocostruzione di quello di Breil sur Roya (deposito francese con trifase italiano!) ridotto a due vie:
Allegato:
breil.jpg
breil.jpg [ 107.09 KiB | Osservato 1647 volte ]


Sono graditi commenti e consigli di ogni genere, in particolare:

Una riproduzione di per rifornimento in sabbia, non troppo invadente?

Una della passerella di visita?

Altre installazioni da aggiungere, senza appesantire troppo?

Modifiche di tracciato?


Ciao, alpiliguri.


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Deposito diesel moderno, regione di confine Francia/Ital
MessaggioInviato: martedì 30 aprile 2019, 20:15 
Non connesso

Iscritto il: sabato 14 gennaio 2006, 14:10
Messaggi: 1101
Località: Ventimiglia
Eccoti finalmente !!
ti faccio i complimenti per la scelta e la realizzazione :
semplice , quindi di facile realizzazione e di tempistica realistica ,
funzionale e funzionante , perchè oltre alle manovre il binario per un eventuale proseguo è già di stimolo .....

Sono poco pratico delle strutture per le quali hai chiesto informazioni , ma sicuro nel forum persone competenti ti sapranno aiutare .

In bocca al lupo e speriamo di vedere presto posata la prima pietra ...cioè l prima vite a legno
:D :D :D :D
Ciao
Andrea


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Deposito diesel moderno, regione di confine Francia/Ital
MessaggioInviato: martedì 30 aprile 2019, 22:47 
Non connesso

Iscritto il: domenica 15 luglio 2007, 9:46
Messaggi: 5526
Località: Trieste
Penso che in un deposito così piccolo la sabbia sia caricata manualmente, un rifornitore di sabbia è raro anche in impianti più grandi.


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Deposito diesel moderno, regione di confine Francia/Ital
MessaggioInviato: mercoledì 1 maggio 2019, 1:47 
Non connesso

Iscritto il: sabato 28 febbraio 2009, 11:32
Messaggi: 1008
Un deposito che utilizza un ponte trasportatore di quel tipo, che mi sembra appropriato per un impianto importante, riprodotto in scala h0 dovrebbe avere delle dimensioni enormi.

Provate a sfogliare i numeri di tutto treno sulle pagine con le planimetrie pubblicate da vari mesi, e si vede subito!

È chiaro però che il ponte mobile è bellissimo, e lasciarlo nella scatola è un delitto.

Ma il problema è risolvibile, non è necessario riprodurre tutto il deposito, possiamo limitarci a una parte di esso, con una bella rimessa o forse meglio una officina con varie locomotive in riparazione.


Poi con qualche artificio, tipo qualche muro, qualche specchio e il solito cavalcavia, si può suggerire l’idea che l’impianto non è solo la parte che si vede.


Nel progetto proposto inoltre non mi convince il fatto che per entrare dalla linea bisogna sempre cambiare verso (con cambio banco e perdita di minuti preziosi o con marcia sporgendosi dal finestrino scomoda e con rischio di investimento).

Proverei inoltre a mettere le costruzioni più distanziate tra di loro, e più distribuite sulla superficie disponibile, adesso la parte sinistra del diorama è affollata quella a destra semivuota.

Buon divertimento!


Inviato dal mio iPad utilizzando Tapatalk Pro


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Deposito diesel moderno, regione di confine Francia/Ital
MessaggioInviato: mercoledì 1 maggio 2019, 17:33 
Non connesso

Iscritto il: giovedì 21 giugno 2012, 14:23
Messaggi: 3386
Località: Massa Finalese (MO)
Condivido le opinioni di chi mi ha preceduto. Aggiungo che io piazzerei tutto un filo in obliquo rispetto al bordo del plastico.

Il consiglio di riguardarsi le planimetrie dei depositi pubblicati su tt non è una cattiva idea: si può anche decidere di riprodurne anche solo una parte.

Proverei ad iniziare con la radice tutta da un lato e piazzerei il ponte trasbordatore all'estremità dell'impianto.

Altrimenti questi sono impianti compatti e moderni.
Sermide, officina e deposito del materiale td delle ferrovie Emilia Romagna, completato nei primi anni '90. https://maps.app.goo.gl/bKXtFZHJr2P3AdGC8

Guastalla, deposito per le linee della zona, poi inutilizzato ed ora usato da ditta di riparazione mezzi (credo), se alla fine della rimessa ci si piazza il ponte trasbordatore è perfetta.
https://maps.app.goo.gl/1EWpPvBCM2GUB8fq5


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Deposito diesel moderno, regione di confine Francia/Ital
MessaggioInviato: giovedì 2 maggio 2019, 8:08 
Non connesso

Iscritto il: venerdì 20 gennaio 2006, 19:41
Messaggi: 1698
Più che da deposito quello mi sembra un ponte da officine.


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Deposito diesel moderno, regione di confine Francia/Ital
MessaggioInviato: lunedì 6 maggio 2019, 10:07 
Non connesso

Iscritto il: sabato 14 gennaio 2006, 13:02
Messaggi: 2016
Località: ROMA
Quel ponte sta anche al deposito di Roma smistamento....quindi mi sembra più che adeguato.
E poi non è detto che in un deposito non ci sia anche una sorta di officina per le riparazioni più modeste .
Ben fatto......
Buon lavoro

Brenner


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Deposito diesel moderno, regione di confine Francia/Ital
MessaggioInviato: giovedì 9 maggio 2019, 14:39 
Non connesso

Iscritto il: martedì 9 settembre 2008, 9:45
Messaggi: 2069
Località: Breil sur Roya
Ciao e grazie per i commenti.
Il ponte è certamente sovradimensionato, ma vuole essere solo la trasposizione modellistica di un deposito/officina, le dimensioni si riducono come il numero di binari, ma mantenendo le installazioni e la sequenza delle operazioni come nel reale, per questo vorrei evitare la riproduzione di una sola parte, preferisco un insieme operativo che un domani sarà raccordato a una vicina stazione.
Ho visto diversi esempi sulle riviste francesi, spesso il deposito ha una parte officina, questo schema è proprio un proposta di una nota rivista.
Per la manovra con inversione, giusto ieri ho visto la planimetria del vecchio deposito di Ventimiglia (grazie andreachef !) dove, dal binario di entrata proveniente dalla stazione, per entrare nella rimessa si era obbligati a una manovra a Z, a quanto pare per sicurezza.
Poi l'obiettivo è proprio quello di giocare a fare manovre, quindi il problema della perdita di tempo non si pone, più dura e meglio è !

Sulla posizione degli edifici effettivamente si potrebbe spostare qualcosa a destra, ci lavorerò.

Concordo con l'inclinazione, per semplicità l'ho disegnato così, ma ho già visto che si riesce a inclinare il tutto rimanendo nelle misure dalla base. Una volta fatte le verifiche di ingombro deciderò.

Sempre fermo, il brico è senza compensato da due settimane....


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Deposito diesel moderno, regione di confine Francia/Ital
MessaggioInviato: venerdì 17 maggio 2019, 14:57 
Non connesso

Iscritto il: martedì 9 settembre 2008, 9:45
Messaggi: 2069
Località: Breil sur Roya
Bomby ha scritto:
Aggiungo che io piazzerei tutto un filo in obliquo rispetto al bordo del plastico.

Modificato inclinando il tutto, l'estetica ne guadagna sicuramente:

Allegato:
Deposito moderno inclinato.jpg
Deposito moderno inclinato.jpg [ 266.36 KiB | Osservato 535 volte ]


Sempre in attesa che il negozio riceva il compensato...


Top
 Profilo  
 
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 9 messaggi ] 

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora [ ora legale ]


Chi c’è in linea

Visitano il forum: marco1016 e 10 ospiti


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi inviare allegati

Cerca per:
Vai a:  

Duegi Editrice - Viale Francia, 7, 35020 Ponte S. Nicolò (PD). Italy - Tel. 049.711.363 - Fax 049.862.60.77 - duegi@duegieditrice.it - shop@duegieditrice.it
Direttori di testata: Gianfranco Berto - Franco Tanel. Registro Operatori della Comunicazione n° 1199. Partita iva IT 01116210293 Tutti i diritti riservati Duegi Editrice