Oggi è lunedì 23 settembre 2019, 4:12

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora [ ora legale ]




Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 5 messaggi ] 
Autore Messaggio
 Oggetto del messaggio: Come fare i muri in cemento
MessaggioInviato: domenica 19 maggio 2019, 9:01 
Non connesso

Iscritto il: venerdì 13 gennaio 2006, 20:13
Messaggi: 550
Località: rivalta - torino
Ciao a tutti.
Sono in procinto di realizzare un lungo muro in cemento che simula un tratto di linea in trincea.
Sapendo che esistono diverse tecniche di realizzazione ho pensato di aprire questo filetto per fare una sorta di elenco e confronto di queste tecniche. Oltretutto perché i filetti specifici di molti plastici descritti su questo forum sono talmente lunghi che trovare una pagina su cento alla ricerca di una descrizione diventa biblico....

Quindi la domanda è: come realizzate i muri in cemento?


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Come fare i muri in cemento
MessaggioInviato: domenica 19 maggio 2019, 11:36 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: sabato 1 dicembre 2007, 15:51
Messaggi: 5024
Località: TROPEA(VV)
Chiedi a "qdp" :wink:

memberlist.php?mode=viewprofile&u=65408


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Come fare i muri in cemento
MessaggioInviato: domenica 19 maggio 2019, 11:57 
Non connesso

Iscritto il: mercoledì 20 settembre 2006, 20:44
Messaggi: 3920
Località: Sorbolo (PR)
Lasciamo stare i muri intonacati.
Premessa
Il muro in cemento è tipicamente considerato un faccia a vista, cioè la superficie si presenta così com'è venuta durante la gettata.
L'aspetto della faccia dipende dal tipo di cassaforma utilizzata, ciè dal tipo di assi in legno o metallo, quindi talla tipo di miscela utilizzata per il cemento.
Fino a circa 40 anni fa si costruiva in opera la cassaforma con assi alte 10-15 cm, oggi si usano quasi sempre pannelli lisci 1-1,2 x ,05,-0,6 m.
Quindi la facciata che si vede può essere, tolte le tracce delle fessure tra ogni asse o pennello, può essere +/- liscia in funzione se nella miscela prevale la ghiaia o sabbia + cemento.

Detto ciò, vediamo alcune possibili tecniche. (Le ho testate alcuni anni fa su campioni ... ovviamente spariti con il trasloco del 2012.)
C'è da tenere presente che nel muro di cemento, a differenza di quello in mattoni, le linee di divisione tra i singoli elementi della cassaforma sono in rilevo e non cave.

Preso un pannello liscio si può riprodurre la parete con le più disparate tecniche pittoriche, ma ciò si presta più facilmente a muri eseguiti in origine con pannelli e poca ghiaia nella miscela.
Questa tecnica è la più veloce, in 24/36 ore è tutto finito ... ma si sa tante cose per venire bene devono essere fatte con calma e stagionare.
(In qualche scatolone ho una fossa di visita realizzata con tempere, ma ci ho dedicato almeno una settimana.)

Per opere più antiche, e magari con ben evidenti i segni del tempo, una tecnica potrebbe essere queste:
- si stende sul pannello una miscela di colla vinilica diluita con acqua
- si stende sulla colla uno strato, un po abbondante di miscela tra sabbia e cemento (si trovano anche dai ferramemta in confezioni da 1 kg e il costo è irrisorio)
- con un rullo liscio si preme il tutto
- si bagna il tutto con acqua nebulizzata, così i cemento fa il suo lavoro
- dopo 6-8 ore, previo controllo e magari altro giro di rullo, si ribalta e l'eccesso di sabbia e cemento se ne va.
- si ribagna il tutto con acqua nebulizzata, così i cemento fa il suo lavoro
- dopo 24-36 ore si ribalta di nuovo, e magari si passa leggermente con l'aspirapolvere
- infine si corregge dove serve con la miscela avanzata, poca colla diluita più abbondatemente in acqu
- si attende la completa essicazione del tutto
- infine si completa l'opera con le solite tecniche pittoriche.

Siccome risulta difficile fare in modo veritero, con i materiali di cui sopra, le fuoriuscite di ceneto nei punti di giunzione delle assi/pannelli della cassaforma, conviene dipingerle o/e su un muro datato dichiarale ormai sparite.
Se si vogliono muri molto datati e pure rovinati, al posto della sabbia si può utilizzare la miscela già pronta per gli intonaci o il massetto per i pavimenti: contengono ghiaino fine a spigolo vivo.
Finito il tutto è bene proteggere con vernice trasperente opaca a spruzzo, quella delle bombolette va bene, meglio se per usi navali: restite meglio alle variazioni climatiche e ai raggi UV.

Come sempre prima del murales sulla parete del grattacielo, è meglio fare pratica su piccoli pannelli di qualche cm di lato.


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Come fare i muri in cemento
MessaggioInviato: domenica 19 maggio 2019, 15:00 
Non connesso

Iscritto il: venerdì 13 gennaio 2006, 20:13
Messaggi: 550
Località: rivalta - torino
AXEL ha scritto:

Qdp so che li ha fatti ma per trovare qualche appunto dovrei scorrere 120 pagine...
Qdp....hai voglia di intervenire qui?? :mrgreen:

Marco, grazie per la precisa descrizione.


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Come fare i muri in cemento
MessaggioInviato: mercoledì 29 maggio 2019, 18:39 
Non connesso

Iscritto il: venerdì 14 giugno 2013, 16:53
Messaggi: 1201
Località: Palermo
Dunque brevemente descrivo la tecnica che ho utilizzato, per le foto vi invito a sfogliare le pagine relative al mio plastico, dove troverete decine di tipologie di muretti in cemento, realizzati comunque tutte con la stessa tecnica di base.

Credo che qui se ne possano vedere alcuni:

viewtopic.php?f=7&t=75019&start=195

Come base uso fogli di Depron da 3, 4, 6 mm a seconda del tipo di muro da rappresentare.
Irruvidisco leggermente la superficie con della carta abrasiva e successivamente comincio con il lavoro di pittura.
Se necessario a seconda del tipo di muro, incido con un bisturi la superficie del foglio, leggermente, a fine lavoro queste linee risalteranno nette sulle superficie.
Uso colori acrilici in varie tonalità, partendo da tinte più scure e via via vado schiarendo verso quelle più chiare.
Il colore acrilico dato a pennello deve essere molto diluito quasi acqua sporca e tra una mano e l'altra il colore deve essere asciutto.
Per variare la texture utilizzo dei vecchi stracci che mi servono per tamponare il colore e creare le organiche venature "casuali" del cemento.
I colori usati sono grigio scuro, ocra, marrone. Per ottenere l'effetto desiderato occorrono non meno di otto/dieci layer di colore.
Con colore verde e ocra alla fine, sempre con leggere velature, simulo le macchie organiche della vegetazione. Infine intervengo in maniera mirata su alcuni punti con pennello e colore acrilico per simulare dilavamenti.
Il colore acrilico una volta asciutto sulla superficie del Depron rende molto bene l'idea del cemento, se questo non fosse evidente alla fine una spolverata di talco e vinavil, molto diluita con acqua creerà ancora di più l'effetto cemento grezzo.
Spero di essere stato chiaro nella mia esposizione e consiglio a chi volesse approfondire meglio di dare un'occhiata la mio lavoro, perchè adesso certamente avrò dimenticato qualche passaggio e soprattutto per vedere le foto e le pagine dove tratto con più accuratezza l'argomento.
Saluti
Giuseppe

viewtopic.php?f=7&t=75019


Top
 Profilo  
 
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 5 messaggi ] 

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora [ ora legale ]


Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 7 ospiti


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi inviare allegati

Cerca per:
Vai a:  

Duegi Editrice - Viale Francia, 7, 35020 Ponte S. Nicolò (PD). Italy - Tel. 049.711.363 - Fax 049.862.60.77 - duegi@duegieditrice.it - shop@duegieditrice.it
Direttori di testata: Gianfranco Berto - Franco Tanel. Registro Operatori della Comunicazione n° 1199. Partita iva IT 01116210293 Tutti i diritti riservati Duegi Editrice