Oggi è mercoledì 5 agosto 2020, 3:05

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora [ ora legale ]




Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 1796 messaggi ]  Vai alla pagina Precedente  1, 2, 3, 4, 5, 6 ... 120  Prossimo
Autore Messaggio
 Oggetto del messaggio: Re: PLASTICO: il plastico QdP
MessaggioInviato: mercoledì 5 febbraio 2014, 22:09 
Non connesso

Iscritto il: giovedì 13 novembre 2008, 17:39
Messaggi: 647
Località: prov. BERGAMO - PALERMO
Finalmente un mio conterraneo che pubblica un bellissimo lavoro.......
E' tutto ben distribuito.........mi raccomando alberi a più non posso......quando non hai tempo pianta un albero......non te ne pentirai.
Ovviamente occhio al peso della struttura e se puoi cerca di usare i materiali plastici o espansi......il legno ed il gesso assorbono molto l'umidità e possono ammuffire.

Ciao,

Alessandro Sammartino


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: PLASTICO: il plastico QdP
MessaggioInviato: giovedì 6 febbraio 2014, 8:17 
Non connesso

Iscritto il: venerdì 14 giugno 2013, 16:53
Messaggi: 1302
Località: Palermo
Grazie a tutti,

Silvio, anche se le dimensioni del plastico scoraggiano cercherò di mantenere un livello di dettaglio elevato.
Hai visto bene, rotaia esterna sopraelevata. Ho utilizzato scambi Tillig lunghi, un tantino permalosi nella posa ma con angolo molto stretto e realistico. Con questa scelta però in quasi otto metri di piano alla fine ne è uscita una stazione di transito con marciapiedi adatti ad accogliere un convoglio di sole 9 carrozze. Nel plastico il blocco automatico e le relative tratte consentono la circolazione di convogli di 13 carrozze.
In vista le curve hanno raggi molto molto ampi, l'effetto spanciamento non mi va proprio giù!
Complimenti ancora per il tuo superbo capolavoro in progress!

Nino, quando vuoi sai dove trovarmi :)

Alessandro, vere le tue considerazioni sul gesso, infatti lo uso solo per le zone di roccia viva, per il resto utilizzo esclusivamente espansi, depron e polistirolo come nelle ultime foto caricate.
Per gli alberi ho già messo da parte mezza foresta amazzonica di Teloxis Aristata.............. ;)
Se ti capita di ritornare a da queste parti le porte sono aperte :)


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: PLASTICO: il plastico QdP
MessaggioInviato: giovedì 6 febbraio 2014, 12:15 
Non connesso

Iscritto il: giovedì 21 giugno 2012, 14:23
Messaggi: 3600
Località: Massa Finalese (MO)
Secondo me con uno studio attento sul posizionamento degli alberi verrà fuori un'ottimo lavoro...

Il problema degli scambi lunghi è proprio quello: sono belli, sono realistici, ma riescono ad azzerare la lunghezza utile dei binari di sosta in maniera impressionante! Occorrerebbe trovare un giusto bilanciamento, ma non è mai facile...


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: PLASTICO: il plastico QdP
MessaggioInviato: giovedì 6 febbraio 2014, 13:32 
Non connesso

Iscritto il: venerdì 14 giugno 2013, 16:53
Messaggi: 1302
Località: Palermo
Cita:
Secondo me con uno studio attento sul posizionamento degli alberi verrà fuori un'ottimo lavoro...

Io ce la metterò tutta :)

Cita:
Il problema degli scambi lunghi è proprio quello: sono belli, sono realistici, ma riescono ad azzerare la lunghezza utile dei binari di sosta in maniera impressionante! Occorrerebbe trovare un giusto bilanciamento, ma non è mai facile...


Infatti, alla fine credo di esserci riuscito, agli scambi lunghi non volevo proprio rinunciare, ho quindi preferito una banchina lunga ma non lunghissima che comunque è realistica ed accettabile. Infatti in molte stazioni medio piccole certe banchine servono anche meno di 6 carrozze :)


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: PLASTICO: il plastico QdP
MessaggioInviato: giovedì 13 febbraio 2014, 21:55 
Non connesso

Iscritto il: venerdì 14 giugno 2013, 16:53
Messaggi: 1302
Località: Palermo
Rapido aggiornamento,
approfittando della bella giornata mi sono messo a lavorare fuori, al sole, colorando le basi già trattate ricoprendole poi con i primi strati di erba. Il caldo sole di oggi ha asciugato tutto in fretta.
I pezzi ancora molto grezzi e molto lontani dall'essere finiti sono stati rimessi in posa sul plastico per valutarne l'effetto.
Un saluto a tutti
Giuseppe

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: PLASTICO: il plastico QdP
MessaggioInviato: giovedì 13 febbraio 2014, 23:02 
Non connesso

Iscritto il: venerdì 24 ottobre 2008, 18:18
Messaggi: 79
Località: MADRID (SPAGNA)
Molto bello. Mi piace tanto come stai lavorando i blocchi di polistirolo (e tutto :D ). Complimenti ancora una volta per questo bel plastico.
Saluti.


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: PLASTICO: il plastico QdP
MessaggioInviato: venerdì 14 febbraio 2014, 1:45 
Non connesso

Iscritto il: lunedì 21 marzo 2011, 22:55
Messaggi: 1062
Località: a Est di Rapa Nui
Ciao Giuseppe

Grazie di condividere con noi questo lavorone che stai facendo.

E la prima domanda nasce da se. Fino a che punto l`invidia sia da considerarsi sana? :mrgreen:
Scherzi ......d`obbligo apparte.
Il plastico e solidale con la struttura,non è modulare o sbaglio?cioè non è smontabile?
Trovo fantastici i tuoi schizzi a matita.
Buon lavoro
Bruno


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: PLASTICO: il plastico QdP
MessaggioInviato: venerdì 14 febbraio 2014, 8:21 
Non connesso

Iscritto il: venerdì 14 giugno 2013, 16:53
Messaggi: 1302
Località: Palermo
Grazie Ferpac,
lavorare il poilistirolo fuori opera velocizza molto e non crea troppo sporco sul plastico. In questa fase non si va molto di fioretto ma più di sciabola :)


Ciao Bruno, grazie,
sì, il plastico nasce come struttura stabile e non modulare, pensato, progettato e realizzato per non essere spostato. Addirittura per maggior solidità ho fissato con delle L di acciaio i molti piedi al pavimento tramite tasselli.

Immagine

Inoltre ho avuto anche la necessità di creare una zona di calpestio posteriore ad una quota più elevata per poter meglio lavorare al plastico che ha una altezza media di 1500mm dal piano di terra (da 800mm della parte frontale della linea di parata a doppio binario a 1700mm in quella lato calpestio).


Immagine

Immagine

Immagine

Gli schizzi a matita mi servono molto per capire dove sto andando, ma non sono vincolanti, diciamo che camminano di pari passo con una buona dose di improvvisazione e valutazione dal vivo della possibile scenografia.
Saluti
Giuseppe


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: PLASTICO: il plastico QdP
MessaggioInviato: venerdì 14 febbraio 2014, 16:25 
Non connesso

Iscritto il: venerdì 24 ottobre 2008, 18:18
Messaggi: 79
Località: MADRID (SPAGNA)
Grazie Giuseppe (anch'io mi chiamo Giuseppe, cioè José). È proprio così che si fanno le opere importanti. Si vede dappertutto un' accuratezza degna di un ingegnere. Il bello però è che in questo mondo del fermodellismo non si finisce mai, sempre troviamo qualcosa che ci scatta d' improvviso in mente e non ci fermiamo finchè la vediamo sul nostro piccolo mondo, sul nostro plastico.
Grazie ancora per mostrarci come si devono fare le cose.
José Antonio


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: PLASTICO: il plastico QdP
MessaggioInviato: venerdì 14 febbraio 2014, 18:34 
Non connesso

Iscritto il: venerdì 14 giugno 2013, 16:53
Messaggi: 1302
Località: Palermo
Grazie a te Josè :)
In effetti una parte della mia professione viene fuori essendo io architetto (non ingegnere :) )


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: PLASTICO: il plastico QdP
MessaggioInviato: venerdì 14 febbraio 2014, 19:48 
Non connesso

Iscritto il: venerdì 24 ottobre 2008, 18:18
Messaggi: 79
Località: MADRID (SPAGNA)
No! Lo sapevo, c'era qualcosa di famiglia.... anch'io sono architetto Giuseppe :D (da più di trent'anni :? ). E sì, è vero che una parte della nostra professione viene fuori quando si progetta sia una sedia che un plastico per fare correre i trenini. Io però non ho lo spazio per potere costruire un plastico come a me piacerebbe. L'unica cosa che mi posso permettere è quello che vi ho fatto vedere nel filo che ho aperto parecchi anni fà (tempus fugit!), cioè dei piccoli moduli che spero qualche giorno possano fare parte di un plastico più grande. Ti ringrazio di nuovo collega!
Saluti.


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: PLASTICO: il plastico QdP
MessaggioInviato: venerdì 14 febbraio 2014, 20:32 
Non connesso

Iscritto il: mercoledì 18 dicembre 2013, 12:11
Messaggi: 2758
Wow complimenti sono senza parole!

Una domandina. Siccome anche il mio modesto plastico è in un garage, volevo chiederti cosa ne pensi del fattore microclimatico (freddo ed umidità non mancano)
Ci sono dei valori limite oltre i quali non bisognerebbe mai andare pena rovinare struttura o rotabili o binari ?
grazie e complimenti ancora


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: PLASTICO: il plastico QdP
MessaggioInviato: venerdì 14 febbraio 2014, 20:58 
Non connesso

Iscritto il: venerdì 14 giugno 2013, 16:53
Messaggi: 1302
Località: Palermo
:lol: stesso nome e stessa professione, anche se io non mi occupo di architettura in senso stretto.
Ma come hai ben detto, forse anche solo in minima parte la nostra attitudine alla soluzione di spazi viene fuori :)
Appena ho tempo cerco il tuo lavoro sul forum :)



Grazie Umbriele :)
Cita:
volevo chiederti cosa ne pensi del fattore microclimatico (freddo ed umidità non mancano)
Ci sono dei valori limite oltre i quali non bisognerebbe mai andare pena rovinare struttura o rotabili o binari ?


Credo ci siamo dei valori limite ma non li conosco. Posso dirti che è più il problema polvere che umidità che combatto. Ho allestito infatti un lungo "paravento" trasparente (visibile in alcune foto) che tiro giù per preservare il plastico dalla polvere.
L'umidità non manca ma è un garage fuori terra per cui il livello non è eccesivo. In cinque anni non ho avuto problemi.


Ultima modifica di qdp il venerdì 14 febbraio 2014, 21:00, modificato 1 volta in totale.

Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: PLASTICO: il plastico QdP
MessaggioInviato: venerdì 14 febbraio 2014, 21:00 
Non connesso

Iscritto il: lunedì 21 marzo 2011, 22:55
Messaggi: 1062
Località: a Est di Rapa Nui
Visto che anch´io sto usando Binarii Hornby per la parte nascosta,quando sará il momento volevo qualcosa di meglio per la parte visibile,e non potendo vedere nulla di ció che il mercato offre,vorrei sapere da te com´e l' accostamento hornby tillig,binari dei quali ho solo sentito cose belle,ma come si accosta a Hornby?,il profilo rotaia coincide?,ci sono scarpette apposta?,ce da lavorare di lima,insomma alcuni dettagli su questo matrimonio,mi sarebbe molto utile,prima di procedere all' acquisto che sara per forza di cose on line.
Ti ringrazio e saluto
Bruno


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: PLASTICO: il plastico QdP
MessaggioInviato: venerdì 14 febbraio 2014, 21:00 
Non connesso

Iscritto il: mercoledì 18 dicembre 2013, 12:11
Messaggi: 2758
Capito :) il mio invece è sotto terra quindi niente polvere ma umidità forse si :(


Inviato da mio iPhone utilizzando Tapatalk


Top
 Profilo  
 
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 1796 messaggi ]  Vai alla pagina Precedente  1, 2, 3, 4, 5, 6 ... 120  Prossimo

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora [ ora legale ]


Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 11 ospiti


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi inviare allegati

Cerca per:
Vai a:  

Duegi Editrice - Viale Francia, 7, 35020 Ponte S. Nicolò (PD). Italy - Tel. 049.711.363 - Fax 049.862.60.77 - duegi@duegieditrice.it - shop@duegieditrice.it
Direttori di testata: Gianfranco Berto - Franco Tanel. Registro Operatori della Comunicazione n° 1199. Partita iva IT 01116210293 Tutti i diritti riservati Duegi Editrice