Oggi è lunedì 21 giugno 2021, 8:27

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora [ ora legale ]




Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 66 messaggi ]  Vai alla pagina Precedente  1, 2, 3, 4, 5  Prossimo
Autore Messaggio
 Oggetto del messaggio: Re: Plastico Confine Italia Austria
MessaggioInviato: giovedì 23 luglio 2020, 14:21 
Non connesso

Iscritto il: giovedì 12 gennaio 2006, 13:12
Messaggi: 300
Località: Martignacco UD
Sto iniziando a costruire il livello -1, quello che ospiterà la Stazione Nascosta Austria, con il relativo cappio di ritorno.
Allegato:
pianta_livello-1.jpg
pianta_livello-1.jpg [ 218.83 KiB | Osservato 5055 volte ]


Non voglio fare concorrenza ai validissimi manuali e alle varie pubblicazioni della Duegi che sono tutte nella mia libreria ed emeroteca, ma ho pensato che una piccola guida on-line per neofiti potrebbe essere utile a molti.
Nelle intenzioni, quella di creare un luogo virtuale dove trovare qualcuno che spieghi con pazienza, partendo proprio dalle basi, cosa vuol dire essere un fermodellista.

Non facendo parte di un'associazione "fisica", per ora, lancio questa iniziativa, sperando di poter dar seguito riprendendo le fila di quella che, molti decenni fa, era l'associazione friulana fermodellisti, del mitico Domenico Tromby

Per ora mi trovate qui: https://marco1016.blogspot.com


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Plastico Confine Italia Austria
MessaggioInviato: giovedì 10 settembre 2020, 8:43 
Non connesso

Iscritto il: giovedì 12 gennaio 2006, 13:12
Messaggi: 300
Località: Martignacco UD
Continuano i lavori sul nuovo plastico Italia Austria.

Immagine

Completata la stazione nascosta "Italia" con il cappio e le prime 3 spire dell'elicoidale, è giunto il momento di realizzare la Stazione nascosta "Austria".
Anche qui c'è un cappio di ritorno che chiuderà il giro.

Immagine

La stazione avrà 2 binari tronchi per i treni reversibili, capaci di contenere fino a 8 carrozze standard da 303mm più una locomotiva.
I binari di transito saranno 9 di cui 2 divisi in due sezioni da circa 2.240mm. RocRail permette comunque di utilizzare il binario con treni più lunghi.

Gli scambi sono attuati dai classici motori a doppia bobina Peco, molto esigenti in termini di corrente. Con l'amico Alberto stiamo preparando una serie di circuiti a scarica capacitiva per aiutare i decoder a far funzionare gli scambi.
Ecco il rendering 3D del circuito.

Immagine

Come al solito, la storia completa dei lavori ed alcune note di fermodellismo applicato, sul mio blog: https://marco1016.blogspot.com


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Plastico Confine Italia Austria
MessaggioInviato: giovedì 10 settembre 2020, 18:57 
Non connesso

Iscritto il: lunedì 10 agosto 2015, 1:15
Messaggi: 681
Ciao Marco, durante le operazioni di falegnameria non hai avuto problemi di quote? Mi spiego meglio, tutta la componentistica che hai tagliato e sagomato, non ti è mai capitato che non combaciasse una volta montata?

Inviato dal mio Mi 9 Lite utilizzando Tapatalk


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Plastico Confine Italia Austria
MessaggioInviato: venerdì 11 settembre 2020, 15:05 
Non connesso

Iscritto il: giovedì 12 gennaio 2006, 13:12
Messaggi: 300
Località: Martignacco UD
Cerco di essere il più preciso possibile. Generalmente taglio qualche mm in più e rettifico con carta di vetro, in modo di avere la misura il più possibile precisa.
Usando la sega a disco, vado via un po' più veloce.
Comunque, dopo quasi 35 anni con sega, martello e altri attrezzi, si impara ad essere precisi.
Ci vuole esperienza e pazienza, un po' alla volta si impara.


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Plastico Confine Italia Austria
MessaggioInviato: venerdì 11 settembre 2020, 17:24 
Non connesso

Iscritto il: mercoledì 19 aprile 2006, 23:10
Messaggi: 549
Località: C.mare
Complimenti, bel lavoro davvero...
Cosa sono quei rettangoloni blu sul rendering del circuito CDU ?


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Plastico Confine Italia Austria
MessaggioInviato: mercoledì 16 settembre 2020, 8:32 
Non connesso

Iscritto il: giovedì 12 gennaio 2006, 13:12
Messaggi: 300
Località: Martignacco UD
Sono i relè che comandano la scarica. A loro volta comandati dal decoder.


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Plastico Confine Italia Austria
MessaggioInviato: mercoledì 16 settembre 2020, 10:44 
Non connesso

Iscritto il: mercoledì 19 aprile 2006, 23:10
Messaggi: 549
Località: C.mare
marco1016 ha scritto:
Sono i relè che comandano la scarica. A loro volta comandati dal decoder.


Io ho realizzato uno dei tanti schemi che si trovano in rete che prevedono un transistor per effettuare la ricarica dei condensatori

Allegato:
CDU.png
CDU.png [ 4.75 KiB | Osservato 3929 volte ]


e ho realizzato anche un PCB
Allegato:
CDU-l.jpg
CDU-l.jpg [ 41.44 KiB | Osservato 3927 volte ]


L'ho integrata nel decoder DCC scambi che ho realizzato con Arduino (link) e funziona bene, ha il pregio di ricaricarsi praticamente subito.

Se occorre ti invio i files (schema, gerbers etc)


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Plastico Confine Italia Austria
MessaggioInviato: giovedì 17 settembre 2020, 8:32 
Non connesso

Iscritto il: giovedì 12 gennaio 2006, 13:12
Messaggi: 300
Località: Martignacco UD
Grazie, ieri sono arrivati i componenti. Adesso controlliamo il progetto e poi facciamo stampare i PCB.
I nostri avranno alimentazione separata e ogni modulo potrà comandare due scambi separatamente.
Risparmiamo qualcosa sui componenti dell'alimentazione :D


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Plastico Confine Italia Austria
MessaggioInviato: lunedì 28 settembre 2020, 11:43 
Non connesso

Iscritto il: giovedì 12 gennaio 2006, 13:12
Messaggi: 300
Località: Martignacco UD
Il lavoro prosegue, installati tutti gli attuatori PECO per gli scambi verso il cappio ed iniziati i collegamenti elettrici dei binari

Allegato:
cappio.jpg
cappio.jpg [ 134.95 KiB | Osservato 3573 volte ]


come per il piano inferiore, tutta la parte elettronica sarà installata su un pannello che farà da schienale alla stazione, in modo che non ci siano cadute accidentali oltre il bordo posteriore. Sarebbe un bel guaio.

L'illuminazione, invece, sara installata sul montante orizzontale che installerò una volta completati i collegamenti.


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Plastico Confine Italia Austria
MessaggioInviato: lunedì 5 ottobre 2020, 14:11 
Non connesso

Iscritto il: giovedì 12 gennaio 2006, 13:12
Messaggi: 300
Località: Martignacco UD
Il lavoro continua.
Pian piano la stazione nascosta "Austria" inizia a funzionare. I primi treni di prova stanno già circolando lungo il cappio di ritorno e sulla radice nord dell'impianto.
Ho collegato le sezioni di binario di ingresso al sensore di assorbimento s8 di DCCWorld.
Altri 2 sensori s8 sono in preparazione per le sezioni centrali e per quelle delle tratte intermedie dei binari 1 e 2.

Qui una veloce carrellata dei lavori con il primo treno in prova sul cappio (con relativo stop imprevisto :? )

https://www.youtube.com/watch?v=4JwK0CxU9Js


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Plastico Confine Italia Austria
MessaggioInviato: lunedì 5 ottobre 2020, 16:16 
Non connesso

Iscritto il: lunedì 10 agosto 2015, 1:15
Messaggi: 681
Marco, ti seguo con interesse da quando hai iniziato le tue opere ma permettimi di dirti che "scambi" non si può proprio sentire...
Chiamali deviatoi...

Inviato dal mio Mi 9 Lite utilizzando Tapatalk


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Plastico Confine Italia Austria
MessaggioInviato: lunedì 5 ottobre 2020, 21:22 
Non connesso

Iscritto il: giovedì 14 gennaio 2010, 14:43
Messaggi: 970
Località: Arnoldstein - Austria
Prima o poi mi intrufolo a casa tua e vengo a vedere

Curiosità hai pensato a sezionare in due qualche binario della stazione nascosta per poter ospitare contemporaneamente due treni corti? Come due minuetto per capirsi

Altra domandina un solo booster per tutto l'impianto ti basta?

Curioso che abbiamo gli stessi rilevatori dei dati della rete elettrica... Solo che io li voglio installare subito a valle del contatore per bilanciare i carichi di casa sulle tre fasi però ne prenderò un altro per il sistema plastico buona idea

@davscarna perché non ti piace scambi? Sinceramente anche a lavoro li chiamiamo così :-) (faccina per far capire che non voglio far polemica ma solo curiosità)

Inviato dal mio ATU-L11 utilizzando Tapatalk


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Plastico Confine Italia Austria
MessaggioInviato: lunedì 5 ottobre 2020, 21:42 
Non connesso

Iscritto il: lunedì 10 agosto 2015, 1:15
Messaggi: 681
Sono quasi certo che deviatoio sia il termine tecnico ufficiale mentre scambio è più un modo informale; in passato ho letto delle slides di un esame di Infrastrutture viarie della mia università che li chiamava, appunto, deviatoi


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Plastico Confine Italia Austria
MessaggioInviato: martedì 6 ottobre 2020, 7:42 
Non connesso

Iscritto il: giovedì 14 gennaio 2010, 14:43
Messaggi: 970
Località: Arnoldstein - Austria
Si "deviatoio" è il termine tecnico ma li chiamiamo anche scambi
Come il segnale basso luminoso di manovra lo chiamiamo marmotta che sarebbe però il nomignolo affibbiato ai segnali girevoli
Oppure ai segnali di protezione propria di pl (quelli con due luci verdi verdi verticali o tre luci gialle/rosse orizzontali) li chiamiamo pala e vanga o alberi di natale

Come vedi non è tutto così ferreo anche se nelle comunicazioni registrate non si usano questi termini, in quelle informali son usati costantemente :-)

Inviato dal mio ATU-L11 utilizzando Tapatalk


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Plastico Confine Italia Austria
MessaggioInviato: martedì 6 ottobre 2020, 9:39 
Non connesso

Iscritto il: giovedì 12 gennaio 2006, 13:12
Messaggi: 300
Località: Martignacco UD
:D :D :D Marmotte, zampe di ragno, scambi... retaggio di quando da piccolo andavo con mio nonno capostazione a vedere passare i treni all'ingresso di Udine Sacca, alla vecchia cabina E.

Cita:
Curiosità hai pensato a sezionare in due qualche binario della stazione nascosta per poter ospitare contemporaneamente due treni corti? Come due minuetto per capirsi


Sì, nella stazione Italia il binario I è diviso in 3 ed il binario II è diviso in due sezioni.
Nella stazione Austria i binari I e II sono entrambi divisi in 2 sezioni. Qui potranno sostare treni con composizioni fino a 6 carrozze dal 303mm e locomotiva.

Cita:
Altra domandina un solo booster per tutto l'impianto ti basta?


Per ora sono 2. La centrale ed il booster.
Quando passerò al livello 0 vedrò se ne serve un terzo.
Con 30 treni sul plastico, forse potrebbe essere il caso per evitare sovraccarichi.

Mazy, vieni pure a trovarmi.
Invito aperto a chi voglia passare in Friuli.


Top
 Profilo  
 
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 66 messaggi ]  Vai alla pagina Precedente  1, 2, 3, 4, 5  Prossimo

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora [ ora legale ]


Chi c’è in linea

Visitano il forum: FrancoPaoli e 10 ospiti


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi inviare allegati

Cerca per:
Vai a:  

Duegi Editrice - Viale Francia, 7, 35020 Ponte S. Nicolò (PD). Italy - Tel. 049.711.363 - Fax 049.862.60.77 - duegi@duegieditrice.it - shop@duegieditrice.it
Direttori di testata: Gianfranco Berto - Franco Tanel. Registro Operatori della Comunicazione n° 1199. Partita iva IT 01116210293 Tutti i diritti riservati Duegi Editrice